PERCHÉ I CONTI DEL MILAN VENGONO PAGATI DAL LUSSEMBURGO? – LA "ROSSONERI SPORT", CHE DI FATTO HA CONTROLLATO IL MILAN FINO ALLA CESSIONE A REDBIRD NELL'AGOSTO 2022, NEGLI ULTIMI MESI HA CONTINUATO A SALDARE LE PARCELLE DEL CLUB PER CONTO DEL "DIAVOLO". DAI 16 MILIONI DI STIPENDIO ALL'EX AD MILANISTA, IVAN GAZIDIS, FINO AI 12 MILIONI AGLI ADVISOR JP MORGAN E BANK OF AMERICA – PAGAMENTI CHE DOVEVANO ESSERE CONTABILIZZATI NEL BILANCIO DEL MILAN, E NON ESSERE ACCOLLATI ALLA “SCATOLA” CON SEDE IN LUSSEMBURGO – IL CASO DEL MILIARDO DI EURO TRASFERITO DA ELLIOTT NEI PARADISI FISCALI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Tobia De Stefano per “La Verità”

 

PAUL SINGER E GERRY CARDINALE E GORDON SINGER PAUL SINGER E GERRY CARDINALE E GORDON SINGER

Ci sono i 602.830 euro versati allo studio legale Fivelex, in cui esercita l’avvocato Alfredo Craca, che oltre ad essere l’attuale segretario del consiglio di amministrazione del Milan ha anche assistito il club rossonero nel passaggio di proprietà da Elliott a RedBird. I 16 milioni e qualche spicciolo dati il 12 gennaio del 2023 ad Elliott Associates Lp ed Elliott International Lp come «Repayment Efthimios Gazidis», il manager che ha ricoperto la carica di amministratore delegato dei rossoneri fino al 5 dicembre del 2022.

 

I 12 milioni e passa per Jp Morgan securities e i 5 per Bank of America, gli istituti che hanno svolto il ruolo di advisor finanziari delle stessa operazione di vendita, e i 231.121 euro per Ey (Ernst & Young advisory) datati settembre 2022 […]

 

ivan gazidis ivan gazidis

Tutti questi pagamenti, insieme a una serie di altre spese che potremmo definire minori, sono partiti negli scorsi mesi dalle casse della Rossoneri Sport, la società lussemburghese che aveva in pancia il Milan fino a fine agosto del 2022, la data della cessione del club a Redbird.

 

Tutti versamenti successivi a quella data, e che fanno riferimento a conti correnti sottoposti a pegno. Si tratta di servizi per il Milan e quindi è normale chiedersi se non dovessero essere contabilizzati nel bilancio del società di calcio piuttosto che essere accollati alla «scatola» con sede in Lussemburgo.

 

PAUL SINGER E GERRY CARDINALE PAUL SINGER E GERRY CARDINALE

Sono questi alcuni dei particolari che emergono dalla richiesta di Blue Skye, l’ex socio di minoranza di Elliott quando era proprietario del Milan, di dichiarare l’insolvenza delle due società lussemburghesi, la stessa Rossoneri Sport e Project Redblack, attraverso le quali il fondo di Paul e Gordon Singer controllava club. Da quella richiesta emerge anche l’evidenza del trasferimento di un miliardo in due paradisi fiscali, come riportava ieri il Corriere della Sera.

 

[…]

 

salvatore cerchione salvatore cerchione

L’ex socio lamenta l’opacità di Elliott nell’affare che ha portato alla cessione del Milan a RedBird (non sarebbe stato coinvolto in nessun modo) e un mancato incasso di 117 milioni di euro per la sua quota del 4,3% posseduta in Project Redblack e per la sottoscrizione dei cosiddetti Tpec (tracking preferred equity certificates) strumenti finanziari che attribuiscono ai loro titolari diritti patrimoniale collegati all’investimento nel club.

L’obiettivo di Blue Skye è quello di ottenere nell’udienza fissata per il 24 maggio a Milano lo stato di insolvenza e la messa in liquidazione delle due società per poi insinuarsi al passivo.

 

La Verità ha provato a contattare Arena Investors, finanziatore di Blue Skye nell’operazione che però poi ha appoggiato Elliott, per chiedere se avesse tratto qualche vantaggio dalla cessione del Milan, ma non ha avuto risposta. In attesa di maggio, il fondo che fa riferimento a Salvatore Cerchione e Gianluca D’Avanzo, porta avanti altre cause. Blue Skye aveva chiesto a più riprese e senza successo di avere i documenti relativi alla cessione del club. […]

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paul Singer ElliotT Milan Paul Singer ElliotT Milan GAZIDIS CARDINALE GAZIDIS CARDINALE milan 4 milan 4 GORDON SINGER GORDON SINGER

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…