LA PRESIDENZA UNICREDIT, DOPOLAVORO DEI MINISTRI DEL TESORO? - PADOAN STA PER ESSERE COOPTATO NEL CDA DELLA BANCA IN VISTA DI UNA SUA NOMINA AL VERTICE. PRENDE COSÌ IL POSTO DEL SUO IMMEDIATO PREDECESSORE A VIALE XX SETTEMBRE, FABRIZIO SACCOMANNI, SCOMPARSO NEL 2019 - È UN DEPUTATO PD ELETTO NEL COLLEGIO DI SIENA E DA MINISTRO SI È OCCUPATO DEL SALVATAGGIO DI MPS. È IL PROLOGO ALLE NOZZE CON UNICREDIT POST-SCORPORO?

-

Condividi questo articolo

Luca Davi per www.ilsole24ore.com

 

pier carlo padoan – ritiro del pd all'abbazia di contigliano 23 pier carlo padoan – ritiro del pd all'abbazia di contigliano 23

Si profila la nomina di Pier Carlo Padoan al vertice di UniCredit. A quanto risulta al Sole 24Ore, l'ex ministro delle Finanze nel corso del Cda odierno dovrebbe essere cooptato nel board della banca di piazza Gae Aulenti in vista della sua futura nomina da presidente. Il passaggio di testimone dovrebbe avvenire il prossimo aprile, quando terminerà il mandato dell'attuale presidente, Cesare Bisoni.

 

Il nome di Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia e delle Finanze sotto i governi Renzi e Gentiloni (dal febbraio 2014 al giugno 2018), avrebbe così superato quelli di altri candidati forti alla presidenza di piazza Gae Aulenti. Nelle ultime settimane erano circolati numerosi rumors che hanno interessato figure di spicco sia interne alla banca (come Lamberto Andreotti e Stefano Micossi) che esterne: da Lucrezia Reichlin, nome dato come preferito dall'attuale ceo Jean Pierre Mustier, a Ignazio Angeloni, Claudio Costamagna, Vittorio Grilli, Domenico Siniscalco e Sergio Balbinot.

 

 

Padoan, professore di Economia presso l'Università La Sapienza di Roma, ha alle spalle un percorso di prestigio a livello internazionale.

 

padoan padoan

Dopo essere stato vice Segretario Generale dell'Ocse, dal 2009 ne è stato nominato anche Capo Economista, pur mantenendo il suo ruolo di Vice Segretario Generale. Dal 2001 al 2005 è stato direttore esecutivo italiano al Fondo Monetario Internazionale. Dal 1998 al 2001 è stato consigliere economico dei Presidenti del Consiglio Massimo D'Alema e Giuliano Amato, con incarichi di politica economica internazionale.

 

La sua nomina, qualora confermata, proseguirebbe così nel solco di quelle precedenti in casa UniCredit, a partire da quella di Fabrizio Saccomanni, ex ministro dell'Economia del governo Letta, prematuramente scomparso nell'agosto 2019.

 

 

ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE

Al vertice della banca salirebbe di fatto non solo un ex ministro, ma una figura dalla caratura elevata, con una forte credibilità sia a livello nazionale che internazionale, e che per esperienza e competenze avrebbe lo standing per poter influenzare, seppure in maniera elegante, le scelte gestionali della banca guidata fino ad oggi dal ceo Jean Pierre Mustier. Una scelta che avverrebbe proprio mentre la banca è alle prese con la decisione di creare una sub-holding basata in Germania, in cui riversare le attività estere, separandole così da quelle italiane.

mustier mustier

 

Condividi questo articolo

business

FERMI AL CASELLO – I BENETTON CONTINUANO A TIRARE LA CORDA E DICONO CHE L’OFFERTA DI CDP PER L’88% DI AUTOSTRADE NON È ADEGUATA, MA LASCIANO APERTA LA PORTA PER UN'ALTRA SETTIMANA – IL NODO DEL PREZZO: LA CASSA HA VALUTATO IL 100% DELLA CONCESSIONARIA TRA GLI 8,5 E I 9,5 MILIARDI. LE ANALISI FATTE FARE DA ATLANTIA NON SCENDONO SOTTO GLI 11. DOPO AVER INCASSATO MILIARDI DI DIVIDENDI SPENDENDO IL 28% IN MENO DI QUANTO PROMESSO, I MAGLIARI VOGLIONO PURE FARE LA CRESTA – IL NODO DELLA SCISSIONE E IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO DI ASPI