PROFUMO PROVA A INCOLLARSI ALLA POLTRONA, E LA POLITICA ASPETTA ''L'INCIDENTE'' - L'IDEA DI VENDERE LEONARDO-DRS PER FARE CASSA ERA VENUTA ANCHE A MAURO MORETTI, MA FU STOPPATO DALL'AMMINISTRAZIONE OBAMA - DAVVERO PROFUMO PENSA CHE QUOTARE UN'AZIENDA CHE PRODUCE DISPOSITIVI PER LE FORZE MILITARI, SIA UNA PASSEGGIATA? GIÀ OGGI NON CONTROLLA NULLA, INCASSA SOLO I DIVIDENDI E TUTTO PASSA PER IL PENTAGONO. E ALCUNI ADVISOR CONSIGLIANO DI VENDERE TUTTO - ALLA PRIMA COMMESSA PERSA DA LEONARDO PER I GUAI GIUDIZIARI DEL SUO CAPO, IL GOVERNO NON POTRÀ FARE ALTRO CHE…

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

ALESSANDRO PROFUMO GIUSEPPE CONTE ALESSANDRO PROFUMO GIUSEPPE CONTE

 

È chiaro il tentativo di Alessandro Profumo di salvare la propria poltrona al vertice di Leonardo quotando in borsa una parte importante di DRS, la strategica azienda della difesa statunitense che produce dispositivi e software d’avanguardia per forze militari e agenzie di spionaggio.

 

Solo che la stessa ideuzza, sempre per salvare conti e cadrega, era venuta pure a Mauro Moretti, e naufragò sotto la pressione politica e diplomatica di dare in pasto al mercato una società così sui generis da avere un management che non viene scelto dal suo azionista di controllo.

 

Come scrivevamo su Dagospia qualche mese fa, nell'accordo di acquisto fu stipulato un proxy agreement: la controllante italiana non può mettere becco nella gestione, può solo incassare i dividendi. Manager, indirizzo e staff dovevano rimanere al 100% americani, e lo sono tuttora. Quando l'ex ras delle Ferrovie nel 2015 mise in vendita le quote di DRS, fece un passo indietro quando i conti migliorarono, fu riorganizzata la dirigenza e soprattutto ci fu la moral suasion del governo Obama che non voleva un altro cambio di mano.

LEONARDO DRS LEONARDO DRS

Ha davvero senso una quotazione in borsa se il compratore non può essere il primo raider che passa e deve avere l'ok del Pentagono? Per questo alcuni advisor consigliano Profumo di vendere tutta l'azienda e fare cassa per arginare gli effetti di una capitalizzazione crollata sotto i 2 miliardi e un debito netto arrivato a 5,9 miliardi.

jill e joe biden jill e joe biden

 

D'altronde, se veramente vuole restare al comando di Leonardo nonostante la pesantissima sentenza (sei anni di reclusione) per il caso Mps, deve anche capire che agli americani non fa piacere avere un ceo condannato, sebbene in primo grado.

 

Una società strategica della difesa USA controllata da una società guidata da un manager così azzoppato, su cui pendono vari altri contenziosi (penali e civili) potrebbe diventare un problema politico per Biden.

 

sabina ratti alessandro profumo foto di bacco sabina ratti alessandro profumo foto di bacco

E la politica italiana? Fanno tutti il pesce in barile. Da Gualtieri a Conte, da Guerini a Mattarella, tutti immobili in attesa dell'incidente. Di che si tratta? Della prima commessa che Leonardo perde per mancanza dei requisiti di onorabilità.

 

Una questione strettamente legata anche al NOS, il nulla osta sicurezza, certificato rilasciato dai servizi segreti per lavorare su contratti che necessitano di “speciali misure di sicurezza” o ai quali sia stata attribuita la classifica “riservato”.

 

E alla diffidenza dei partner NATO a trattare con un manager che è stato sfiduciato dal partito di maggioranza del governo (M5S) ed è sotto i riflettori da settimane, ma per le ragioni sbagliate.

 

LEONARDO DRS LEONARDO DRS LEONARDO DRS LEONARDO DRS

 

 

Condividi questo articolo

business

GRAN CASINO A MILANO - MA COME, UNICREDIT DOVEVA PRIVATIZZARE MONTE DEI PASCHI E ORA CI TROVIAMO CHE UNA BANCA TECNICAMENTE FALLITA NAZIONALIZZI LA SECONDO BANCA ITALIANA? - DI MUSTIER SI PUÒ DIRE TUTTO IL MALE POSSIBILE MA UNA COSA ERA RIUSCITO A MANTENERE: LA BANCA FUORI DAI GIOCHI DELLA POLITICA. DOPO AVER COLLOCATO QUELL’AMEBA DI PADOAN, I SUGGERIMENTI CHE STANNO ARRIVANDO DA GUALTIERI E COMPAGNUCCI SONO MARCO MORELLI E MARINA NATALE -  PER ORA LA SOLA CERTEZZA È CHE PADOAN VUOLE IL SUO EX CAPO DI SEGRETERIA, FABRIZIO PAGANI. E CHE CLAUDIA PARZANI HA VIVAMENTE CONSIGLIATO AL SUO CARO AMICO MUSTIER DI NON ATTENDERE LA FINE DEL MANDATO E DI MOLLARE SUBITO...

SULL'USCITA DI MUSTIER SI LEGGONO COSE CHE VOI UMANI… - LO STORYTELLING CHE CIRCOLA TRA GLI INVESTITORI È QUELLO DELLA STAR DEI MERCATI CACCIATA DALLA POLITICA ITALIANA, ALLONTANATO PERCHÉ FRANCESE E ALTRE ILLAZIONI. QUALCHE GIORNO DI TEMPO, POI LA CLAQUE FINIRÀ. E CI SI FOCALIZZERÀ SULLA REALTÀ: HA VENDUTO MALE E IN FRETTA I GIOIELLI, HA DRENATO CAPITALI SENZA STRATEGIA - ORA PERÒ I FONDI SCAPPANO PERCHÉ TEMONO LE SCHIAPPE AL GOVERNO CHE AVRANNO DI FATTO IL CONTROLLO DELLA BANCA