QUANTO VALE DAVVERO L’IMPERO DI AURELIONE DE LAURENTIIS? IL PATRON DEL NAPOLI, OSPITE DI BRUNO VESPA, HA PARLATO DI 2,5 MILIARDI, UNA CIFRA ASTRONOMICA. DI SICURO C’È CHE LA SQUADRA AZZURRA È IL PEZZO PREGIATO DELLA GALASSIA. ANCHE SE NON È VERO CHE È SENZA DEBITI, IL CLUB È PIENAMENTE SOSTENIBILE – L’IMMOBILE DI PREGIO VICINO AL QUIRINALE, LE AUTO DI LUSSO E IL CINEMA, SEMPRE PIÙ RESIDUALE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Mario Gerevini per www.corriere.it

 

AURELIO DE LAURENTIIS OSPITE DI BRUNO VESPA AURELIO DE LAURENTIIS OSPITE DI BRUNO VESPA

«Il calcio pesa per il 92%» sul totale dei ricavi del gruppo Filmauro mentre «le attività cinematografiche pesano per il 3%». È scritto nel bilancio consolidato della Filmauro, la holding capofila di Aurelio De Laurentiis che ha prodotto alcuni dei più grandi successi cinematografici italiani degli ultimi decenni. I dati sono al 30 giugno 2021 ma oggi la situazione sostanzialmente non è cambiata. Quanto vale il gruppo e quanto il solo Napoli?

 

I 2,5 miliardi che non si vedono

«Mi hanno offerto un miliardo per il Napoli ma io l’ho rifiutato perché in realtà me ne hanno offerti due e mezzo per il mio gruppo e ho rifiutato anche quelli», ha detto il presidente del Napoli neo-scudettato in tv da Bruno Vespa. Non è chiaro quanto formalmente gli è stata prospettata l’operazione ma per riferirne pubblicamente non dev’essere stata una chiacchiera al bar. Sono tanti 2,5 miliardi. Ed è una cifra astronomica il miliardo e mezzo al netto del Napoli: tanto capitalizza in Borsa, per esempio, l’intera Mfe-Mediaset.

AURELIO DE LAURENTIIS INTERVISTATO DA MAURIZIO MOLINARI AURELIO DE LAURENTIIS INTERVISTATO DA MAURIZIO MOLINARI

 

[…] E allora facciamoci un viaggio dentro il gruppo De Laurentiis: ci dev’essere per forza qualche gioiello nascosto, di quelli da molte centinaia di milioni, oltre al “gioiellone” Napoli. La proprietà della capogruppo Filmauro è familiare ed è indiretta tramite la Cordusio Fiduciaria tranne un 10% intestato direttamente a Jacqueline Baudit, moglie di Aurelio De Laurentiis, 73 anni, il quale ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione […]

 

[…] L’immobile di gran valore a qualche decina di metri dal Quirinale di sicuro è un pezzo pregiato. Lì, in via Ventiquattro Maggio di fronte al Comando dei Carabinieri Gruppo Roma, è insediato anche il quartier generale Filmauro. La nuda proprietà è dei tre figli Luigi, Edoardo e Valentina, con usufrutto ai genitori. Appartengono alla famiglia anche l’abitazione e i terreni (50mila mq) vicino a Orvieto e altri 12 immobili a Roma. Sono beni personali e residenze di famiglia che, a spanne, potrebbero valere una decina di milioni ma non fanno strettamente parte del gruppo imprenditoriale.

 

napoli fiorentina festa scudetto napoli fiorentina festa scudetto

[…] Dentro il gruppo Filmauro, invece, sono “parcheggiate” decine tra Ferrari, Porsche e Mercedes, nuove ed usate «di particolare pregio», […] con un valore complessivo di quasi 20 milioni alla data del bilancio e destinate alla rivendita. Attualmente, però, nel catalogo online vengono presentate solo 4 Porsche d’annata. È una delle attività secondarie della holding così come la gestione di pub e ristoranti o la produzione di gelati con il marchio Steccolecco. Tuttavia sempre di “noccioline” si tratta e non certo di asset che spiegano i 2,5 miliardi.

 

aurelio de laurentiis aurelio de laurentiis

[…] Il pezzo grosso è il Napoli e il miliardo offerto è una cifra che rientra nelle maglie (molto larghe) dei prezzi del calcio perché è una società sana in una piazza dalle grandissime potenzialità. Anche se non è vero che il club è senza debiti e ha i bilanci in utile. Il debito al 30 giugno 2022 era di 258 milioni, negli ultimi tre anni di convivenza con il Covid il Napoli ha perso 130 milioni; ha chiuso due bilanci in utile negli ultimi 8 anni e al 30 giugno 2022 il patrimonio netto era calato a 68 milioni dai 140 del 2021. Solo che il debito è “sano” e sostenibile, il club è sempre stato in grado autonomamente di far fronte alle perdite grazie alle riserve accumulate, senza necessità di ricapitalizzazione (una costante, invece, in gran parte dei top club). E quest’anno tra cammino in Champions e campionato, sarà un bilancio trionfale, con il valore della rosa esploso.

 

AURELIO LUIGI DE LAURENTIIS AURELIO LUIGI DE LAURENTIIS

[…] Sono anni che il calcio è di gran lunga il principale business di De Laurentiis mentre la produzione e distribuzione cinematografica, dopo il boom dei cinepanettoni, è sempre più marginale. Dieci anni fa il Napoli totalizzava il 71% dei proventi di gruppo, nel 2018 l’87%, nel 2021 il 92% su 245 milioni di fatturato consolidato, quest’anno potrebbe superare il 95%. […] Con il cinema De Laurentiis fattura 6-7 milioni, con le altre attività residue una decina di milioni. Non si capisce ancora come quest’area di attività extra Napoli possa essere stata valorizzata 1,5 miliardi.

 

[…]  al 16030 di Ventura Boulevard a Los Angeles, mezz’ora di auto da Hollywood, ha sede una controllata non consolidata nel bilancio Filmauro, la «Fast Lane Productions inc» con amministratore delegato Luigi De Laurentiis, il primogenito di 44 anni. Ma anche qui di patrimonio ce n’è ben poco dal momento che l’azienda è stata chiusa a novembre 2021. Resta il Bari che in serie B è in piena corsa per la A. In caso di promozione dovrà essere venduto […]. Grande piazza anche quella ma non è un top club da centinaia di milioni. […]

 

Condividi questo articolo

business

LA LOCOMOTIVA D’EUROPA SI È INCEPPATA E SONO CRAUTI AMARI PER NOI – L’ECONOMIA TEDESCA È UFFICIALMENTE IN RECESSIONE TECNICA: IL PIL HA FATTO REGISTRARE DUE TRIMESTRI CONSECUTIVI DI CONTRAZIONE (-0,3% NEI PRIMI TRE MESI DEL 2023). A PESARE, È SOPRATTUTTO IL CALO DELLE ESPORTAZIONI E IL CROLLO DELLA VENDITA DI BENI IN CINA – LA SITUAZIONE POTREBBE IRRIGIDIRE ANCORA DI PIÙ LA POSIZIONE TEDESCA NEL BOARD DELLA BCE, E SPINGERE LAGARDE A UN’ULTERIORE STRETTA SUI TASSI…

ORA “ITA” È TEDESCA: COSA CAMBIERÀ? – L’INVESTIMENTO DI LUFTHANSA NELLA COMPAGNIA AEREA TRICOLORE SARÀ DI 830 MILIONI DI EURO IN TRE FASI: LA PRIMA PREVEDE UN ESBORSO DI 325 MILIONI PER IL 41%, POI I CRUCCHI SALIRANNO AL 100% ENTRO IL 2028 – LUFTHANSA PUNTERÀ MOLTO SULLO SCALO DI FIUMICINO, CHE DIVENTERÀ UN HUB INTERCONTINENTALE – UNA VOLTA CHE LA COMPAGNIA SARÀ TORNATA A FARE PROFITTI, È PROBABILE CHE TORNI ANCHE IL MARCHIO ALITALIA (ACQUISTATO PER 90 MILIONI)