"REPUBBLICA" ON SALE! - PRANZO D'AFFARI A PARIGI COL CEO DI VIVENDI ARNAUD DE PUYFONTAINE PER MONICA MONDARDINI E RODOLFO DE BENEDETTI - SECONDO LE VOCI, SIA LA FAMIGLIA DE BENEDETTI SIA JOHN ELKANN NON VOGLIONO VENDERE GEDI A CATTANEO-MONTEZEMOLO-DELLA VALLE E STANNO CERCANDO UN’ALTERNATIVA – MA VIVENDI HA UN PROBLEMA DI ANTITRUST SE NON VENDE LA SUA QUOTA MEDIASET…

-

Condividi questo articolo

DE PUYFONTAINE BOLLORE DE PUYFONTAINE BOLLORE

Da Sole 24 Ore

 

Pranzo d'affari a Parigi col ceo di Vivendi Arnaud de Puyfontaine per Monica Mondardini e Rodolfo De Benedetti. Secondo le voci, al tavolo si sarebbe discusso di Gedi, che fa capo per quasi il 46% alla Cir di cui i due commensali italiani sono rispettivamente ad e presidente. Ci sarebbe l' interesse a rilevare una quota: i francesi, del resto, non è la prima volta che si guardano in giro. Ma considerato che Vivendi è un gruppo estero e ancora impegnato nel braccio di ferro su Mediaset, l' eventuale ingresso nel capitale potrebbe avvenire semmai solo con una partecipazione di minoranza.

RODOLFO CARLO EDOARDO E MARCO DE BENEDETTI RODOLFO CARLO EDOARDO E MARCO DE BENEDETTI

 

Ovviamente le voci non sono verificabili, ma Marco De Benedetti, che è presidente Gedi, avrebbe detto in più occasioni di aver incontrato, per cortesia, più soggetti interessati, però di non aver intenzione di vendere. Gedi e Vivendi hanno avuto a che fare ultimamente, via Telecom, per la cessione di Persidera.

 

Cessione che all' inizio era stata avviata per rispettare l' impegno preso dai francesi con l' Antitrust Ue e mantenere direzione e coordinamento sull' incumbent telefonico pur avendo una quota importante in Mediaset. Al socio di minoranza Gedi la cessione del suo 30% è costata una minusvalenza dell' ordine di 17 milioni che ha mandato in rosso i conti del semestre (A.Ol.).

RODOLFO DE BENEDETTI MONICA MONDARDINI JOHN ELKANN RODOLFO DE BENEDETTI MONICA MONDARDINI JOHN ELKANN

 

Condividi questo articolo

business

TUTTA CARIGE VALE COME UN ANNO DI FATTURATO DI CHIARA FERRAGNI (55 MILIONI), OGGI È IL GIORNO DEL GIUDIZIO: IN APERTURA DI ASSEMBLEA NON SI PRESENTANO I PRIMI AZIONISTI, I FIGLI DI MALACALZA, MENTRE IL PADRE È IN SALA ''COME PICCOLO SOCIO'' - I MANAGER PUNTANO SU CCB, SE NON SI TROVA SOLUZIONE LE STRADE SONO LIQUIDAZIONE, RISOLUZIONE O RICAPITALIZZAZIONE DI STATO. L' OPZIONE PIÙ PRATICABILE PARE LA LIQUIDAZIONE, AMMESSO CHE IL SISTEMA BANCARIO ABBIA VOGLIA DI PAGARE ANCORA UNA VOLTA IL CONTO (8-9 MILIARDI)