I RICCONI SCAPPANO DALLA "GRANDE MELA" - NEW YORK È STATA SCAVALCATA DA PECHINO IN TESTA ALLA CLASSIFICA DEI MILIARDARI IN CITTÀ, SECONDO L’ELENCO DI “FORBES” - LA SITUAZIONE POTREBBE PEGGIORARE ANCORA DI PIÙ CON L’AUMENTO DELLE TASSE VOLUTO DA BIDEN: GLI IMPRENDITORI SI STANNO SPOSTANDO IN ALTRI STATI, COME LA FLORIDA, E CON I SOLDI RISPARMIATI DALLA MORSA FISCALE POSSONO COMPRARE JET AZIENDALI CON CUI FARE AVANTI E INDIETRO...

-

Condividi questo articolo


John Aidan Byrne per www.nypost.com

 

new york new york

Sorpasso: Pechino ha scavalcato New Yok in cima alla classifica delle città con più miliardari al mondo, e questo prima ancora della probabile fuga di qualche riccone dalla Grande Mela per paura dell’aumento delle tasse in arrivo per volere del presidente Joe Biden.

 

Ora la capitale cinese ha esattamente un miliardario in più della città americana, 100 contro 99, secondo l'elenco pubblicato di recente da Forbes.

 

pechino pechino

Il numero di miliardari in tutto il mondo è aumentato del 32%, e adesso siamo a 2.755, 660 in più di un anno fa, poiché molti hanno incassato in un mercato azionario in forte espansione. Altro che effetti disastrosi della pandemia: Pechino ha visto un aumento di 33 miliardari durante la catastrofe mondiale di COVID iniziata proprio in Cina, mentre l'elenco di New York è aumentato solo di sette ricconi.

 

ronn torossian ronn torossian

"Conosco personalmente innumerevoli milionari e miliardari che se ne sono andati", ha detto Ronn Torossian, fondatore e CEO di 5W Public Relations, che sta valutando la possibilità di trasferire i suoi 200 dipendenti da Manhattan a Miami.

 

Il magnate dei supermercati di Manhattan John Catsimatidis, del valore di 3,3 miliardi di dollari, ha convenuto: “Stanno distruggendo New York. Sono stato a Palm Beach lo scorso fine settimana e ho incontrato molti milionari e miliardari che si sono spostati di recente. Il trucco è rimanere in Florida abbastanza giorni ogni anno per evitare le tasse di New York".

 

john catsimatidis john catsimatidis

Quindi ha avvertito: “La situazione a New York continuerà a peggiorare e i nostri imprenditori più ricchi si alzeranno e se ne andranno". Mentre continua a contemplare una corsa per la carica di governatore, il magnate repubblicano ha detto al Post che sta anche pensando di spostare la sua residenza ufficiale fuori dallo stato per ridurre il suo conto con fisco.

 

"I miliardari possono acquistare un nuovo jet aziendale e vivere in Florida, e volare facilmente avanti e indietro tra New York e Miami con i soldi che risparmiano trasferendosi in Stati a bassa tassazione come la Florida", ha aggiunto Catsimatidis.

 

michael bloomberg michael bloomberg

L'ex sindaco Bloomberg è stato ancora una volta la persona più ricca della città e il ventesimo più ricco del mondo, con 59 miliardi di dollari. Il capo di TikTok Zhang Yiming, con una fortuna di 35,6 miliardi di dollari, è stato il più ricco miliardario di Pechino e 39esimo nella classifica mondiale.   

 

Ma l’arrivo di tasse più alte e una qualità della vita in calo potrebbero innescare un esodo da New York.

 

michael heller michael heller

"Le persone ricche ora hanno paura di camminare per le strade di New York", ha detto Torossian. "Alcuni dei miei amici si sono trasferiti tranquillamente a Palm Beach e non torneranno”.

 

Michael Heller - fondatore e CEO di Talent Resources, un'agenzia di marketing per influencer digitali in rapida crescita che lavora con celebrità e marchi come Dunkin ‘Donuts, ha lasciato la sua casa a Manhattan sei mesi fa e si è trasferito con la moglie e il figlio di cinque anni a Notting Hill, Londra.

 

Una mossa che potrebbe fargli risparmiare milioni. "Non sono un miliardario oggi, ma un giorno potrei esserlo", ha detto l'ex newyorkese.

 

zhang yiming zhang yiming

L'ultima volta che New York ha perso la testa della classifica è stata nel 2016, quando è scivolata dietro Pechino per un anno.

 

Condividi questo articolo

business

IMPOSTA CHIUSA - ADDIO IRAP! L’IMPOSTA SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE VA IN PENSIONE. O MEGLIO: SARÀ ASSORBITA DALL’IRES. È L’UNICO PUNTO DELLA RIFORMA DEL FISCO SU CUI I PARTITI DELLA MAGGIORANZA HANNO TROVATO UN’INTESA. MA RESTA APERTO IL NODO DEL GETTITO (UNA VENTINA DI MILIARDI) - PER IL RESTO, LO SCOGLIO PIÙ DURO È LA REVISIONE DELLE ALIQUOTE IRPEF, CHE PENALIZZANO IL LAVORO DIPENDENTE E IL CETO MEDIO: TRA LA FLAT TAX LEGHISTA AL MODELLO TEDESCO DI PD E LEU C’È MOLTA DIFFERENZA…