L’EMERGENZA NON È PIÙ SANITARIA, MA ECONOMICA! – L’ALLARME DEL COMITATO PER IL RISCHIO SISTEMICO DELLA BCE: “INCOMBE LA MINACCIA DI UN’ONDATA DI INSOLVENZE AZIENDALI” – “BISOGNA EVITARE GLI AIUTI ALLE IMPRESE ZOMBIE E DARE UNA RISPOSTA TEMPESTIVA E DECISIVA” – “PIÙ DURANO MORATORIE, GARANZIE E PRESTITI PUBBLICI, MAGGIORE POTREBBE DIVENTARE IL PROBLEMA DELLA…”

-

Condividi questo articolo


CRISI AZIENDE CHIUDONO CRISI AZIENDE CHIUDONO

Da "La Stampa"

 

«Le restrizioni all' attività economica durate oltre un anno finora non hanno comportato instabilità finanziaria. Tuttavia, incombe la minaccia di un' ondata di insolvenze aziendali, se gli Stati non gestiscono una transizione agevole dagli aiuti sotto forma di liquidità a forme sostegno alla solvibilità più selettive, e a forme di ristrutturazione del debito aziendale per le imprese sane».

 

christine lagarde con mario draghi christine lagarde con mario draghi

L' allarme arriva direttamente dallo European Sistemic Risk Board, il Comitato per il rischio sistemico che fa capo alla Bance centrale europea. L' Esrb chiede di «evitare gli aiuti alle imprese zombie» e invoca «una risposta tempestiva e decisiva» da parte delle autorità, avvertendo che più durano moratorie, garanzie e prestiti pubblici, «maggiore potrebbe diventare il problema della solvibilità a causa dell' accumularsi del debito». Secondo Chirstine Lagarde, che presiede la Bce, è ancora «troppo presto» per dire che il peggio è passato.

 

recessione coronavirus recessione coronavirus

Lagarde, ieri, ha spiegato che il ritmo accelerato delle vaccinazioni rappresenta una luce in fondo al tunnel, e che il secondo semestre dell' anno potrebbe vedere «una crescita robusta» dopo un primo trimestre negativo e un secondo trimestre in miglioramento.

Tuttavia, ha detto, «non abbiamo ancora attraversato il ponte verso una vera e propria ripresa».

mario draghi christine lagarde mario draghi christine lagarde i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 1 i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 1 disoccupazione crisi disoccupazione crisi christine lagarde mario draghi christine lagarde mario draghi

 

Condividi questo articolo

business

LA SINISTRA RIPARTA DA MARGHERITA AGNELLI – “IL FATTO”: “ORMAI VA DETTO. LA MADRE DI JOHN, LAPO E GINEVRA ELKANN VA ANNOVERATA TRA LE EROINE DEL SOCIALISMO ITALIANO, TIPO ANNA KULISCIOFF O MARIA GOIA. A DIFFERENZA DELLE MADRINE DEL MOVIMENTO, MARGHERITA LAVORA DIETRO LE LINEE NEMICHE, DOVE, CON INCISIVE AZIONI DI SABOTAGGIO, PROVA A MOSTRARE AL PROLETARIATO DI CHE LACRIME GRONDI E DI CHE SANGUE IL POTERE CHE LO OPPRIME E QUALI SIANO I SENTIMENTI E LA MORALITÀ DI CUI SI NUTRONO LE BELLE FAMIGLIE DEL CAPITALISMO ITALIANO…”

VIVENDI E LASCIA VIVERE – È DAVVERO PACE TRA BERLUSCONI E BOLLORE’: FIRMATO L’ACCORDO CHE METTE FINE ALLE CONTROVERSIE TRA MEDIASET E VIVENDI – FININVEST ACQUISISCE LA METÀ DELLE QUOTE DEI FRANCESI (IL 5%) E TORNA SOPRA IL 50% DEL BISCIONE - ORA ORA CHE MEDIASET È FUORI DALLO STALLO PUÒ RIPARTIRE DAL PROGETTO MFE.  IL PROSSIMO PASSO SARÀ IL TRASFERIMENTO AD AMSTERDAM, CHE CHIUSI GLI ADEMPIMENTI BUROCRATICI DOVREBBE REALIZZARSI NELLA SECONDA METÀ DI SETTEMBRE. E POI…