C’ERANO UNA VOLTA I VOLI LOW COST – CATTIVE NOTIZIE PER I VIAGGIATORI: I PREZZI DEI BIGLIETTI AEREI SONO AUMENTATI VERTIGINOSAMENTE, NONOSTANTE IL CALO DEI COSTI DI GESTIONE E DEL PREZZO DEL CARBURANTE – LE COMPAGNIE AEREE SONO PASSATE ALL’INCASSO: RYANAIR, NEL 2023, HA TOTALIZZATO 1,31 MILIARDI DI PROFITTI. IL MARGINE OPERATIVO DI VUELING NEL 2023 È STATO DEL 12,4% (CONTRO IL 9,8% DEL 2019) - PER LA TRATTA ROMA-MADRID, CON SCALO A LONDRA, SI ARRIVA A PAGARE FINO A 450 EURO – I RINCARI (DEL 139%) DURANTE LE FESTIVITA’

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giacomo Andreoli per “Il Messaggero”

 

PREZZO IN AUMENTO DEI VOLI LOW COST PREZZO IN AUMENTO DEI VOLI LOW COST

Addio, o quasi, ai voli low cost. I prezzi dei biglietti aerei sono alle stelle non solo a Pasqua o tra il 25 aprile e il 1° maggio, ma anche fuori stagione e in mezzo alla settimana. Tra aprile e giugno, senza giorni festivi o feriali, secondo le rilevazioni fatte per Il Messaggero da Federconsumatori e Assoutenti, volare da Roma e Milano verso le capitali europee o il Sud Italia con le varie Ryanair, Vueling e Wizz Air costa fino a 170 euro tra andata e ritorno.

 

Con un picco curioso: senza voli diretti di easyJet in Spagna, per la tratta Roma-Madrid, con scalo a Londra, si pagano 450 euro. Nonostante il calo dei costi di gestione e del prezzo del carburante (anche del 45% in meno in alcuni periodi del 2023 rispetto al 2022), con le scorte comprate a costi elevati oramai esaurite, i prezzi dei biglietti non scendono, o non lo fanno abbastanza.

 

costi nascosti voli low cost costi nascosti voli low cost

E delle vecchie offerte a 9,99 euro a tratta che si trovavano prima della pandemia non c'è più alcuna traccia. Ora si parte da almeno 30 euro e a quel prezzo le mete sono quasi sempre le stesse (per lo più Albania, Croazia, Malta e, in alcuni casi, Spagna, Puglia e Sicilia).

 

Tra Pasqua, il 25 aprile e il 1° maggio, tranne alcuni casi, ci sono aumenti o quantomeno prezzi ancora molto alti, spinti anche dagli algoritmi per la determinazione dei costi a seconda di dove, come e quando si prenota. Nella prima festività, in particolare, tra tutte le compagnie (compresa Ita Airways), si arriva a pagare anche 200-300 euro di biglietto. I costi sono in media del 139% più alti per andare da Roma a Brindisi e del 93% più elevati per volare da Milano a Catania.

 

fregature voli low cost fregature voli low cost

Guardando poi ai voli verso le capitali europee fuori stagione, dal 18 al 21 aprile viaggiare da Roma a Parigi andata e ritorno con Ryanair costa 150 euro. La tratta Milano-Madrid (solo andata), costa invece 67 euro il 5 maggio con WizzAir, mentre il volo Milano-Berlino solo andata con Ryanair il 12 maggio arriva a 142 euro.

 

Togliendo anche sabati e domeniche, si trova che dal 20 al 23 maggio (lunedì-giovedì) il viaggio Milano-Londra andata e ritorno con le low cost costa in media 164 euro. Roma-Berlino arriva invece a 171. E ancora: dal 10 al 13 giugno (ancora lunedì-giovedì) la tratta Roma-Parigi viene in media 114 euro. E pensare che in tutto il 2022, feste e weekend inclusi, ma anche con l'inflazione e il prezzo dei carburanti alle stelle, la media dei biglietti dei voli internazionali era di 118 euro, salita a 146 nel 2023.

biglietti aerei biglietti aerei

 

Non va meglio per i voli nazionali: dal 20 al 23 maggio Milano-Palermo andata e ritorno con le low cost costa in media 84 euro, mentre dal 10 al 13 giugno per la tratta Milano-Cagliari si arriva a 115 euro. Ancora una volta in linea o addirittura sopra la media dei voli nazionali per l'intero 2022 (89 euro) o 2023 (110 euro). […]

 

Il mercato del trasporto aereo in Italia ha registrato nel 2023 circa 163 milioni di passeggeri, un record storico. Tuttavia le low cost fanno notare come dopo le perdite e gli esuberi dovuti al Covid, i due maggiori produttori di aerei abbiano avuto qualche problema per alcuni dei loro principali modelli (dai motori degli Airbus A320 ai portelloni di Boeing 737 Max9), riducendo l'offerta (-5% sul 2019. E il prezzo del carburante (che pesa per il 35-40% sui costi totali) è comunque del 50% superiore rispetto al 2019. Infine sono aumentate le addizionali comunali per l'imbarco dei passeggeri.

 

biglietti aerei 2 biglietti aerei 2

Gli ultimi profitti di alcune "low cost", però, sono importanti: Ryanair ha chiuso l'anno finanziario 2022-2023 con un profitti per 1,31 miliardi e prevede altri 1,95 miliardi di utile quest'anno. Le perdite Covid sono quindi più che ripianate, eppure i primi sconti sui biglietti sono arrivati solo dopo che alcune piattaforme di prenotazione hanno escluso i voli della compagnia. Anche WizzAir è in netto recupero: per l'esercizio finanziario che si chiude a fine mese si stimano profitti per 350-450 milioni.

 

Mentre il margine operativo di Vueling nel 2023 è stato del 12,4% (contro il 9,8% del 2019). «Più che chiedere che le low cost abbassino i prezzi però - ragiona Di Palma - bisogna rivedere il modello di concorrenza europea sui voli, che non ha funzionato del tutto: serve un check, con nuove regole in Ue». […]

generazione low cost 2 generazione low cost 2

consigli per viaggiare low cost consigli per viaggiare low cost

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)