L’INDUSTRIA È ALLA CANNA DEL GAS – PER IL CENTRO STUDI DI CONFINDUSTRIA CON IL RINCARO RECORD DEL PREZZO DEL GAS RAGGIUNTO AD AGOSTO, A CAUSA DEI TAGLI DELLE FORNITURE DALLA RUSSIA, SONO A RISCHIO FINO A 582MILA POSTI DI LAVORO – E, SE IL PREZZO DEL METANO DOVESSE RESTARE FINO A FINE 2023 INTORNO A 235 EURO A MWH, IL PIL ITALIANO SUBIREBBE UNA FLESSIONE DEL 2,2%...

-

Condividi questo articolo


Da https://tg24.sky.it/

 

MARIO DRAGHI CARLO BONOMI. MARIO DRAGHI CARLO BONOMI.

Con il rincaro "record" del prezzo del gas raggiunto ad agosto, a causa dei tagli delle forniture dalla Russia, "la resilienza dell'industria è alle corde". E' quanto denuncia il Centro studi di Confindustria nella sua "Congiuntura flash" di settembre. Con il prezzo del gas, fino a fine 2023 a 235 €/mwh, l'impatto per l'economia italiana è stimato in una minore crescita del pil del 2,2%.

 

BONOMI LANDINI BONOMI LANDINI

Con il prezzo a 298 €/mwh la riduzione nel biennio sarebbe del 3,2%. Il rischio, in questo secondo caso, è di 582mila occupati in meno. Riguardo all'incidenza sui costi delle imprese, gli effetti del balzo del prezzo del gas potrebbe incidere sulla manifattura fino al 10,2% nel 2022 e al 13,7% nel 2023, più che triplicata rispetto al 3,9% pre-crisi.

 

Inflazione, altri 14 miliardi per aiuti a famiglie e imprese

MEME SU PUTIN E IL GAS MEME SU PUTIN E IL GAS

Dopo mesi di impatto del caro-energia sui margini, adesso a "soffrire" saranno gli investimenti. Pertanto, denuncia Confindustria, "lo scenario vira al ribasso", peggiorato da un'inflazione altrettanto "record" che "erode il reddito delle famiglie e minaccia i consumi, protetti (in parte e non per molto ancora) dal risparmio accumulato.

 

La Bce ha risposto a prezzi elevati ed euro debole alzando i tassi, che daranno un ulteriore impulso recessivo. Tuttavia, fa notare l'Ufficio studi di Confindustria, rientrano i prezzi di varie commodity, perché è più fiacca l'economia mondiale. L'Italia, invece, resiste grazie a più mobilità e turismo e alla crescita delle costruzioni.

MARIO DRAGHI CARLO BONOMI MARIO DRAGHI CARLO BONOMI PUTIN E IL GAS - BY EMILIANO CARLI PUTIN E IL GAS - BY EMILIANO CARLI PUTIN E IL GAS - BY EDOARDOBARALDI PUTIN E IL GAS - BY EDOARDOBARALDI CARLO BONOMI CARLO BONOMI

 

Condividi questo articolo

business

LA PART-ITA VA AVANTI - PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL MEF E IL FONDO "CERTARES" CHE È DECISO AD ACQUISTARE IL 50% PIÙ UN'AZIONE DI "ITA AIRWAYS" E LA PROSSIMA SETTIMANA DOVREBBE INCONTRARE I SINDACATI - LE LINEE GUIDA DEL PIANO INDUSTRIALE SONO GIÀ DELINEATE E NON È ESCLUSO L'INGRESSO DI "DELTA" IN "ITA" DEL 10-15%, BASTERÀ PER UNA POLTRONA NEL CDA DELLA COMPAGNIA? - IL FONDO CERTARES PUNTEREBBE A SVILUPPARE NON SOLO LE TRATTE DEL NORD AMERICA MA ANCHE QUELLE DELL'AMERICA LATINA E AFRICANE

TENERE IN PIEDI L'UCRAINA COSTA TROPPO ALL'OCCIDENTE. LA PACE È SOPRATTUTTO UNA QUESTIONE DI SOLDI – IL GOVERNO DI KIEV SPENDE 5 MILIARDI AL MESE SOLO PER PAGARE STIPENDI E PENSIONI. DENARO CHE IN QUESTI MESI È STATO SGANCIATO DA USA E EUROPA (ANCHE SE CON ESTREMA LENTEZZA, TANTO CHE ZELENSKY S'È LAMENTATO CON BRUXELLES). MA NON SARA' POSSIBILE FINANZIARE L'UCRAINA A LUNGO – DOPO IL CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE DI META' OTTOBRE E LE ELEZIONI DI MIDTERM AMERICANE, ASSESTATI I DUE BLOCCHI GEOPOLITICI, SARA' IL CASO DI INTAVOLARE SERIAMENTE UNA TRATTATIVA DI PACE...