L’INFLAZIONE USA RALLENTA E LE BORSE TIRANO UN SOSPIRONE DI SOLLIEVO – I PREZZI AL CONSUMO NEGLI STATI UNITI CRESCONO DELL’8,5%, MENO DELL’8,7 ATTESO DAGLI ANALISTI E DEL 9,1% DI GIUGNO – È UNA BUONA NOTIZIA PER I MERCATI INTERNAZIONALI, E INFATTI LE PIAZZE FINANZIARIE DI TUTTO IL MONDO VIRANO IN POSITIVO. IN CALO IL RENDIMENTO DEI TITOLI DI STATO ITALIANI, SCENDE ANCHE LO SPREAD – LA FED, VISTO IL DATO, POTREBBE RIALZARE I TASSI DELLO 0,5% E NON DELLO 0,75 INIZIALMENTE STIMATO

-

Condividi questo articolo


USA: INFLAZIONE RALLENTA, PREZZI AL CONSUMO +8,5% A LUGLIO

INFLAZIONE NEGLI USA INFLAZIONE NEGLI USA

(ANSA) - L'inflazione rallenta la sua corsa negli Stati Uniti. I prezzi al consumo sono saliti in luglio dell'8,5%, meno dell'8,7% atteso dagli analisti e del 9,1% di giugno. Il rallentamento dell'inflazione è legato al calo dei prezzi della benzina e delle tariffe aeree.

 

Su base mensile i prezzi al consumo sono rimasti invariati, mentre l'indice core - quello al netto di cibo e energia e monitorato dalla Fed - ha segnato un aumento congiunturale dello 0,3%. La frenata dei prezzi, che comunque restano non lontani dai massimi degli ultimi 40 anni, è una buona notizia per la Casa Bianca e la Fed, impegnate in prima linea nella lotta all'inflazione.

 

joe biden in israele joe biden in israele

FUTURE WALL STREET VOLANO CON PREZZI,DJ +1,3%, S&P 500 +1,7%

(ANSA) - L'inflazione rallenta negli Stati Uniti e i future sui listini di Wall Street volano, con quelli sullo S&P 500 che salgono dell'1,7% e quelli del Dow Jones dell'1,3%.

 

INFLAZIONE USA RALLENTA, FED VERSO RIALZO TASSI DELLO 0,50%

(ANSA) - La corsa dei prezzi negli Stati Uniti rallenta e gli analisti scommettono su un rialzo dei tassi dello 0,50% da parte della Fed in settembre, inferiore quindi allo 0,75% inizialmente stimato. La frenata dell'inflazione è una buona notizia per la banca centrale americana ma, è la convinzione, non si può ancora prevedere una Fed colomba. I prezzi anche se in rallentamento continuano a mantenersi sui massimi degli ultimi 50 anni indicando come, con molta probabilità, la banca centrale continuerà nella sua battaglia contro l'inflazione.

 

jerome powell jerome powell

BORSA: EUROPA MIGLIORA DOPO INFLAZIONE USA, MILANO +1%

(ANSA) - Le Borse europee migliorano dopo i dati sull'inflazione Usa che rallenta. Nel Vecchio continente netto rialzo per Milano che gudagna l'1%. In positivo anche Francoforte (+0,9%), Parigi e Madrid (+0,5%), Londra (+0,2%).

 

IN EUROPA CALANO RENDIMENTI TITOLI DI STATO A DIECI ANNI

(ANSA) - In Europa i rendimenti dei Titoli di Stato a dieci anni sono in netto calo dopo l'inflazione negli Usa che rallenta. Lo spread tra Btp e Bund scende a 208 punti, rispetto ai 210 dell'avvio di seduta. Il rendimento del decennale italiano scende al 2,94%. In calo anche i tassi dei Paesi 'periferici' con il decennale spagnolo all'1,95% (-5,4 punti base) e quello greco al 3,1% (-6,6 punti).

 

supermercato usa supermercato usa

CAMBI: EURO SI RAFFORZA SUL DOLLARO DOPO INFLAZIONE USA

(ANSA) - L'Euro si rafforza sul dollaro dopo i dati sull'inflazione in Usa che segnano un rallentamento. La moneta unica ha registrato un balzo sul biglietto verde a 1,0324 rispetto al cambio di 1,0224 precedente alla diffusione dei dati sui prezzi negli Stati Uniti.

prezzo benzina usa prezzo benzina usa

 

Condividi questo articolo

business

“LIZ TRUSS SEMBRA VIVERE NEL MONDO DELLE FIABE E IGNORARE LE PREOCCUPAZIONI E LA SOLIDARIETÀ SOCIALE” – IL PREMIO NOBEL PAUL KRUGMAN ASFALTA LA PREMIER BRITANNICA PER IL PIANO FISCALE (POI RIMANGIATO) CHE PREVEDEVA IL TAGLIO DELLE TASSE AI PIÙ RICCHI: “GLI INTERROGATIVI SULLE SUE CAPACITÀ DI GIUDIZIO SONO CONSOLIDATI DALL'INCOMPETENZA E DALL'INTEMPESTIVITÀ. DI QUESTI TEMPI, DECURTARE LE TASSE AI PIÙ FACOLTOSI, COLPITI MENO DAI PIÙ ALTI PREZZI ENERGETICI, MANDA UN MESSAGGIO: SOLO I MENO ABBIENTI DOVRANNO FARE FRONTE ALLE AVVERSITÀ”