L’ITALIA SI METTE IN MOTO – IL MERCATO DELLE DUE RUOTE RINGRAZIA LA PANDEMIA: DA QUATTRO MESI CONTINUA A CRESCERE. PER FORZA. CON I MEZZI PUBBLICI STRACOLMI DI GENTE (E DI DROPLET) LE PERSONE RICORRONO SEMPRE DI PIÙ ALLE DUE RUOTE PER EVITARE IL TRAFFICO E MUOVERSI SENZA PAURA. TRA BOLIDI E MODELLI (QUASI) ALLA PORTATA DI TUTTI, ECCO LE 10 MOTO PIÙ VENDUTE

-

Condividi questo articolo

 

 

Stefano Cordara per www.corriere.it

 

le 10 moto piu' vendute in italia 2020 le 10 moto piu' vendute in italia 2020

Voglia di riconquistare la libertà, urgenza del distanziamento sociale. Semplicemente: esigenza di mobilità individuale. Il mercato delle due ruote, dopo il lockdown, sta vivendo mesi floridi come non se ne vedevano da anni. «È innegabile che le due ruote siano il mezzo di trasporto dell’anno — commenta Paolo Magri, presidente di ANCMA (Associazione nazionale ciclo motociclo e accessori) —: da quattro mesi il mercato di quelle a motore continua a crescere insieme a un rinnovato desiderio degli italiani, che era già molto promettente prima del “tutti a casa” imposto dalla pandemia».

 

benelli trk 502 moto piu' venduta tra gennaio e settembre 2020 benelli trk 502 moto piu' venduta tra gennaio e settembre 2020

7Se le bici vanno forte («Prevediamo che il 2020 chiuderà con oltre 2 milioni di pezzi venduti»), le due ruote a motore sono in piena impennata. «Moto, scooter e ciclomotori — prosegue Magri — vengono scelti sia come soluzione di mobilità individuale sia come un fruibile strumento di svago e divertimento». Crescite a doppia cifra non soltanto del segmento degli scooter (mezzi utility per eccellenza), ma anche delle moto che hanno spinto il segmento (e fatto bene a tutta la filiera) verso traguardi onestamente impensabili fino a qualche tempo fa.

 

Il dovere e il piacere della mobilità

honda africa twin honda africa twin

Il settembre appena trascorso è stato un altro mese da ricordare, non senza qualche sorpresa a livello di classifica di vendite. Anche se, forse, più che di sorprese si dovrebbe parlare di conferme, perché da tempo i modelli più venduti si caratterizzano piuttosto nitidamente. Il «nuovo» mercato delle moto appare sempre più polarizzato: da una parte i costosi modelli premium, evoluti, poco toccati dalla crisi; dall’altra, le proposte semplici, facili da affrontare già a partire dal prezzo, relativamente contenuto, e che sono in grado di soddisfare tanto il dovere quanto il piacere della mobilità. Così nella top ten delle più vendute nei primi nove mesi dell’anno troviamo le une e le altre, le più esclusive e le più abbordabili.

BMW r 1250 gs BMW r 1250 gs

 

La TRK 5002 prima nelle immatricolazioni

Se alla prima categoria appartiene l’intramontabile Bmw R 1250 GS, da anni in classifica, a portare la bandiera della seconda categoria, quella più «popolare», c’è la «piccola» Benelli TRK 502, saldamente piazzata al primo posto delle immatricolazioni. Una moto che parte sfiorando i 20mila euro la prima, una che sta sotto i 6.000 la seconda: in comune hanno solo la ruota anteriore da 19 pollici e il fatto di essere due maxi enduro... E sul terzo gradino del podio ecco la (costosetta) Honda Africa Twin, altra abbonata alle zone alte della classifica.

 

Cento cavalli e prezzi sotto i 10 mila euro

scooter honda scooter honda

Alla fine, spulciando tra le prime 10 moto (ma andando oltre anche tra le prime 20) si scopre che, sebbene siano i modelli premium più potenti e più «esoterici» quelli che fanno lavorare di più la rete e i social, sono i modelli meno appariscenti (e meno costosi) a dominare le classifiche. Voglia di normalità? Sicuramente sì. Parliamo di modelli con potenze nell’orbita dei 100 cavalli, con prezzi che rimangono (anche molto) al disotto della soglia dei 10.000 euro. Modelli che sono in grado di soddisfare le esigenze della vita quotidiana, la routine del via-vai tra l’abitazione e la scuola o l’università o l’ufficio, ma anche di fare da complici nelle emozionanti scorribande del week end.

scooter yamaha scooter yamaha in tanti in motorino in tanti in motorino

 

Condividi questo articolo

business

PALADINO DEGLI AFFARI – DITE A MATTIA FELTRI CHE LA FIDANZATA DEL PREMIER NON È UNA “MOGLIE" E "FIGLIA DI” QUALUNQUE, MA POSSIEDE IL 47,5% DELLA “AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO”. LA SOCIETÀ CONTROLLA IL GRAND HOTEL PLAZA E LA IMMOBILIARE SPLENDIDO, A CUI SONO INTESTATI VARI EDIFICI E NEGOZI DI LUSSO E SETTE IMMOBILI A VIA DI FONTANELLA BORGHESE. LA STESSA DEL SUPERMERCATO DOVE SI È RIFUGIATA CON IL BORSONE DELLA PALESTRA – I DETTAGLI CHE NON TORNANO NELLA STORIA DELLA SCORTA

FANTAFINANZA A MISURA DUOMO - NEL CASO IN CUI ALBERTO NAGEL VENGA NOMINATO A CAPO DI UNICREDIT, COL COMPITO DI PRENDERSI IN CARICO LA SALMA SENESE, DOVE ANDRÀ MEDIOBANCA: VERSO BANCA INTESA O VERSO UNICREDIT? OVVIAMENTE, UNA VOLTA METABOLIZZATA LA BANCA SENESE, NULLA VIETEREBBE A NAGEL DI RIPRENDERSI IL SUO ISTITUTO DEL CUORE E CREARE UN POLO BANCARIO TROPPO GROSSO ANCHE PER I DENTI AGUZZI DI DEL VECCHIO - CERTO, PER UNA FUSIONE CI VOGLIONO ALMENO SEI MESI E OTTENERE I SEMAFORI VERDI DELLA BCE. E NEL FRATTEMPO DEL VECCHIO, UNA VOLTA RAGGIUNTO IL 20% DI MEDIOBANCA, INIZIERÀ A FAR VEDERE I SORCI VERDI A NAGEL E PAGLIARO...