C’È UN NUOVO CASO NELLA MAGGIORANZA: L’“EMENDAMENTO CALTAGIRONE” – IL TESORO HA FATTO SLITTARE DI 48 ORE LA VOTAZIONE ALL'EMENDAMENTO AL DDL CAPITALI CHE ASSEGNA IL 49% DEI CONSIGLIERI AGLI AZIONISTI DI MINORANZA CHE RACCOLGONO PIÙ DEL 20% DEI VOTI – UNA PROPOSTA VOLUTA DA FDI E ISPIRATA DA FAZZOLARI, CHE SI TRASFORMEREBBE IN UN REGALO AL DUO CALTAGIRONE-MILLERI NELLA LORO BATTAGLIA IN GENERALI E MEDIOBANCA – NON A CASO, A GIUGNO, CALTAGIRONE HA INVITATO A PRANZO GIORGIA MELONI – UN TOP MANAGER CHE VUOLE RESTARE ANONIMO: “VA BENE DISCUTERE DI COME DARE SPAZIO ALLE MINORANZE, MA NON SI PUÒ SCASSARE IL SISTEMA SOLO PER AIUTARE CALTAGIRONE

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Alessandro Barbera per “la Stampa”

 

giancarlo giorgetti al forum ambrosetti di cernobbio giancarlo giorgetti al forum ambrosetti di cernobbio

«Le mele si mangiano mature, e questa ancora non lo è». Una fonte di governo sotto stretto anonimato commenta così il rinvio a mercoledì dei subemendamenti in commissione Finanze del Senato al disegno di legge sulla competitività dei capitali. La questione che sta creando imbarazzo nella maggioranza è il ribattezzato «emendamento Caltagirone» che secondo gli addetti ai lavori potrebbe avere un impatto rilevante sugli equilibri del capitalismo italiano.

 

[…] Il nodo è l'articolo 12 bis, spuntato nel corso della discussione parlamentare grazie - così raccontano più fonti - all'azione di lobbying dell'imprenditore romano. La legge - immaginata quando ancora c'era Mario Draghi - ha l'obiettivo di migliorare la governance delle società, ed evitare la fuga verso Paesi dalla normativa più favorevole come l'Olanda. Nelle pieghe della discussione sono però emersi dettagli che - questa l'obiezione arrivata al governo dal mondo delle quotate - rischiano di renderle ingovernabili.

 

giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato

[…] una maggioranza trasversale che unisce il governo al Movimento 5 Stelle vuole limitare i poteri della lista che presenta il Consiglio di amministrazione uscente. Oggi - come in tutti i grandi Paesi - la maggioranza uscente impone la sua linea. Uno degli emendamenti prevede invece che nel caso in cui gli azionisti di minoranza abbiano il 20 per cento dei voti, otterrebbero fino al 49 per cento dei consiglieri. Una norma giudicata dall'universo delle quotate a dir poco eccessiva.

 

«Va bene discutere di come dare spazio alle minoranze, ma non si può scassare il sistema con emendamenti sui quali occorrerebbe un'ampia consultazione. E magari solo per aiutare Caltagirone nella sua battaglia per il controllo delle Generali», spiega un top manager di una quotata, anch'esso disposto a parlare solo sotto la garanzia dell'anonimato.

 

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE

A Trieste si vota nel 2025, ma già l'anno scorso l'imprenditore romano aveva tentato di contrapporre una propria lista a quella proposta dal Consiglio uscente. In questi giorni si discute di una situazione molto simile a Mediobanca. In questo caso Delfin, la finanziaria della famiglia Del Vecchio, ha provato a trattare per l'ingresso di alcuni propri rappresentanti nella lista del nuovo Consiglio.

 

Delfin, primo azionista col 19,8 per cento, ha chiesto - senza successo - un presidente condiviso. Fra i candidati c'erano l'ex ministro del Tesoro Vittorio Grilli, Flavio Valeri e Fabrizio Palenzona. Viceversa il consiglio uscente di Mediobanca, in nome dell'indipendenza dagli azionisti, punta alla riconferma di Renato Pagliaro. In assemblea si andrà probabilmente allo scontro.

 

Stretto fra molti fuochi, il ministro del Tesoro Giancarlo Giorgetti ha preso altre 48 ore per studiare un compromesso. Il leghista ha una sola certezza: non passare dalla dittatura delle maggioranze a quella delle minoranze.

francesco gaetano caltagirone francesco gaetano caltagirone

giancarlo giorgetti al forum ambrosetti di cernobbio giancarlo giorgetti al forum ambrosetti di cernobbio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…