SAI CHE SORPRESA: LE BANCHE SVIZZERE “RIPULISCONO” IL DENARO DI TRAFFICANTI E CRIMINALI! – UN TRIBUNALE PENALE HA CONDANNATO CREDIT SUISSE PER RICICLAGGIO DI DENARO: ALL'ORIGINE CI SONO I SOLDI DI EVELIN BANEV, EX LOTTATORE DIVENTATO TRAFFICANTE DI DROGA PER LA MAFIA BULGARA. LA BANCA ELVETICA LO AVREBBE AIUTATO A RICICLARE 146 MILIONI DI FRANCHI PROVENTO  DEI TRAFFICI DI COCAINA – PER L’ISTITUTO È ARRIVATA UNA MULTA DI 2 MILIONI DI FRANCHI, ED È STATO CONDANNATO ANCHE UN CONSULENTE. SI TRATTA DI UN PRECEDENTE STORICO: È IL PRIMO PROCESSO CONTRO UNA BANCA IN SVIZZERA. ORA CHE È STATO APERTO IL VASO DI PANDORA, NE SEGUIRANNO ALTRI OPPURE TORNERÀ SUBITO TUTTO COME PRIMA?

-

Condividi questo articolo


Sandra Riccio per “la Stampa”

 

credit suisse credit suisse

Credit Suisse è stata condannata da un Tribunale penale federale svizzero per riciclaggio di denaro originato da traffici di cocaina della mafia bulgara. Il giudice ha stabilito che il colosso bancario, che ha annunciato ricorso in appello, non ha fatto abbastanza per impedire il «lavaggio» di denaro proveniente da una presunta banda di trafficanti di cocaina.

 

Anche un consulente bancario della banca è stato condannato. A Credit Suisse è stata inflitta una multa di 2 milioni di franchi svizzeri (quasi 2 milioni di euro). Il procedimento è storico: quello con Credit Suisse sul banco degli imputati è stato, infatti, il primo processo penale contro una grande banca in Svizzera.

 

evelin banev evelin banev

Il caso finito in tribunale risale però a 14 anni fa e riguarda fatti accaduti dal 2004 al 2008. Da allora è passato molto tempo e l'istituto ha detto di aver rafforzato le proprie misure che servono a evitare episodi di riciclaggio. Il caso, che ha anche incluso testimonianze su omicidi, è seguito con molta attenzione in Svizzera dove è visto come un test per capire se i procuratori adotteranno in futuro una linea più dura contro le banche elvetiche.

 

Quanto avvenuto ha fatto però parlare molto anche a livello internazionale: al centro degli avvenimenti c'è Evelin Banev, un ex lottatore bulgaro che, dopo la carriera sportiva è diventato imprenditore e trafficante di droga ed è stato condannato in Italia e in Bulgaria per contrabbando di droga. Dalle indagini è emerso che Evelin Banev era un cliente del Credit Suisse.

 

evelin banev 1 evelin banev 1

La banca lo avrebbe aiutato a riciclare 146 milioni di franchi di denaro proveniente dal traffico di droga con tonnellate di cocaina importate dall'America Latina. Il consulente di Credit Suisse, un ex tennista, avrebbe accettato valigie piene di denaro che poi sono state depositate in cassette di sicurezza della banca. Il tribunale ha ritenuto provato che la banca ha accettato i fondi criminali e quindi ha violato le leggi sul riciclaggio di denaro. La corte ha ravvisato da parte della banca carenze sia nel monitoraggio delle relazioni bancarie con la mafia bulgara sia nella sorveglianza delle norme antiriciclaggio nel periodo compreso tra luglio 2007 e dicembre 2008.

suisse secrets suisse secrets

 

I fatti precedenti al 27 giugno 2007 sono prescritti. Il Tribunale svizzero ha anche chiesto il sequestro di 12 milioni di franchi versati su conti legati all'organizzazione criminale. Inoltre l'istituto dovrà versare 19 milioni di franchi per compensare gli importi che non hanno potuto essere sequestrati a causa delle sue inadempienze. Per la banca svizzera la vicenda rappresenta un danno di immagine. Anche per questo la decisione di fare ricorso. -

suisse secrets 2 suisse secrets 2 CREDIT SUISSE 2 CREDIT SUISSE 2 evelin banev evelin banev CREDIT SUISSE BIG CREDIT SUISSE BIG credit suisse credit suisse suisse secrets 4 suisse secrets 4 suisse secrets 3 suisse secrets 3

 

Condividi questo articolo

business

CON QUESTI NUMERI, A CDP CONVIENE FARE UN’OPA SU TUTTA TIM! – L’ANNUNCIO DELLO SPIN-OFF DELLA RETE AVREBBE DOVUTO FAR EMERGERE IL VALORE INTRINSECO DEI VARI PEZZETTI DELL’EX TELECOM. A NON È SUCCESSO, ANZI: AI VALORI ATTUALI DI MERCATO TUTTA LA COMPAGNIA VALE 4,5 MILIARDI, MENTRE VIVENDI SPARA CIFRE MONSTRE SULLA RETE (PIÙ DI 30 MILIARDI) – CON LA CADUTA DI DRAGHI E L'USCITA DI SIRAGUSA E DI STEFANO, IL PROGETTO DI RETE UNICA FINISCE NELLA PALUDE. PER FORZA: COME SI FA A FARE UN'OFFERTA SE NON È BEN DEFINITO L'OGGETTO DELLA VENDITA?