IL SALVATAGGIO NON BASTA: I CLIENTI DI CREDIT SUISSE CONTINUANO A RITIRARE I PROPRI SOLDI DALLA BANCA! – NEI PRIMI TRE MESI DEL 2023 L’ISTITUTO HA PERSO ASSET PER 61 MILIARDI DI FRANCHI (62 MILIARDI DI EURO), IL 5% DI QUANTO GESTITO A FINE 2022 – NONOSTANTE IL SALVATAGGIO DA PARTE DI UBS, I DEFLUSSI NON SI SONO INTERROTTI…

- -

 

-

Condividi questo articolo


MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE

(ANSA) - I clienti del Credit Suisse continuano a ritirare i propri soldi dalla banca svizzera nonostante il salvataggio da parte di Ubs. Nel corso del primo trimestre del 2023 l'istituto elvetico ha subito "significativi deflussi netti di asset" a livello di gruppo, pari a 61,2 miliardi di franchi, il 5% degli asset in gestione a fine 2022. Ad oggi "questi deflussi si sono attenuati ma non hanno ancora subito un'inversione", si legge nella nota sui risultati trimestrali, chiusi con un utile balzato a 12,4 miliardi di franchi, a fronte di una perdita di 1,39 miliardi nello stesso periodo del 2022, per effetto della cancellazione di 15 miliardi di franchi di bond At1.

UBS CREDIT SUISSE UBS CREDIT SUISSE credit suisse crollo del titolo in borsa credit suisse crollo del titolo in borsa AXEL LEHMANN CREDIT SUISSE AXEL LEHMANN CREDIT SUISSE credit suisse credit suisse axel lehmann all'assemblea degli azionisti di credit suisse axel lehmann all'assemblea degli azionisti di credit suisse

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...