SAMBA PA TIM - VIVENDI, NEL CONSIGLIO D’AMMINISTRAZIONE DI TIM DI DOMANI, VUOLE IMPALLINARE GUBITOSI PER SOSTITUIRLO CON PIETRO LABRIOLA, CAPO DI TIM BRASIL - LA BATTAGLIA SU TELECOM È UNA GRANDE OPERAZIONE INTERNAZIONALE SULL’ASSE WASHINGTON-PARIGI-ROMA PER ISOLARE IL FINANZIERE BRETONE, ARCINEMICO DI MACRON - NON È UN CASO CHE, MENTRE GUBITOSI TAGLIAVA FUORI I CINESI DI HUAWEI DALL’ITALIA, LABRIOLA LI ARRUOLAVA COME FORNITORI, INCLUDENDOLI ANCHE NEI TEST PER IL 5G…

-

Condividi questo articolo


Da www.affaritaliani.it

luigi gubitosi luigi gubitosi

 

Parte il conto alla rovescia per il consiglio di amministrazione straordinario di domani di Tim chiesto dalla maggioranza dei consiglieri che hanno espresso preoccupazione per l’andamento del business del ex Sip e che potrebbe portare a un terzo profit warning in soli cinque mesi. Con evidenti ricadute sul titolo in borsa.

 

Mentre è ancora in corso il collegio sindacale al lavoro sull’allineamento fra numeri, stime prospettiche e target aziendali, non è un mistero che il primo azionista (con il 23,75%) Vivendi voglia presentarsi al board di domani per impallinare l’amministratore delegato Luigi Gubitosi.

 

pietro labriola pietro labriola

Da sfiduciare costruendo un consenso nel board per far passare una mozione ad hoc, consenso che se prima dell’ufficializzazione delle velleità sulla compagnia del fondo americano Kkr si stava delineando, con l’operazione straordinaria dell’Opa all’orizzonte e in piena fase di incertezza operativa, pare lasciare spazio anche a considerazioni di opportunità: forse meglio prender tempo e non esporre il gruppo a ribaltoni nella governance.

 

vincent bollore vincent bollore

Non è neanche un mistero che il Governo Draghi abbia salutato positivamente la volontà del fondo newyorkese di investire in Italia, valorizzando Tim circa 11 miliardi, valutazioni che secondo alcune indiscrezioni si spingerebbero anche sulle conseguenze a cascata che potrebbero derivare dal blitz a stelle e strisce in termini di spin-off per quanto riguarda l’assetto proprietario della rete.

 

pietro labriola pietro labriola

La tecnologia e l’infrastruttura rappresentano la partita centrale del Paese per la messa a terra dei 222 miliardi del Recovery Plan. Opportunità che l'economia nazionale non può permettersi di sprecare.  L’investimento di Kkr in Tim ovviamente è benedetto anche dalla Casa Bianca che ha in Mario Draghi un interlocutore affidabile all’interno del Patto Atlantico.

MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI

 

E se le considerazioni internazionali piombano nella vicenda Tim-Vivendi-Kkr a 24 ore dalla firma del Trattato del Quirinale fra Francia e Italia con Emmanuel Macron già a Roma da questa mattina, alcune fonti finanziarie vicine alla vicenda fanno notare come uguali considerazioni internazionali potrebbero fare da convitato di pietra nel ribaltone nella stanza dei bottoni di Tim, con il passaggio di consegne alla guida dell’ex Sip, dove Vivendi, stando a quanto risulta ad Affaritaliani.it, vuole piazzare il 54enne capo di Tim Brasil Pietro Labriola.

 

vincent bollore emmanuel macron vincent bollore emmanuel macron

Il motivo? Mentre in Italia Gubitosi ha tagliato fuori i cinesi di Huawei, il fornitore tecnologico del Dragone sgradito agli Stati Uniti e ai servizi segreti europei, sia dalla gara per la rete 5G sia da quella per l’aggiornamento della parte centrale della rete Tim, oltre Oceano Labriola ha arruolato invece il campione tecnologico cinese come fornitore (con Nokia ed Ericsson) della tecnologia 4G di Tim Brasil e ora li ha inclusi nei test per il 5G. Aspetto che potrebbe non passare inosservato negli States. A poche ore dal board, la situazione è ancora fluida.

luigi gubitosi di tim luigi gubitosi di tim

 

Condividi questo articolo

business

È STATO DAVVERO UN “BLACK FRIDAY” – IERI LE BORSE EUROPEE HANNO BRUCIATO 390 MILIARDI DI CAPITALIZZAZIONE PER LA PAURA CHE LA VARIANTE “OMICRON” DEL COVID PORTI A NUOVE CHIUSURE CHE DISTRUGGEREBBERO L’ECONOMIA – IGNAZIO VISCO: “IL NUOVO INCREMENTO DI CONTAGI SPOSTA IN AVANTI LA PROSPETTIVA POST-PANDEMIA”. CHE FARANNO I BANCHIERI CENTRALI, CHE STAVANO PENSANDO DI RIALZARE I TASSI PER SCONGIURARE L’INFLAZIONE? LA RISPOSTA ARRIVA DAL PETROLIO, CHE IERI È CROLLATO DEL 10%...