LE SANZIONI SONO UNA BARZELLETTA: PER AGGIRARLE BASTA ESPORTARE LE MERCI VERSO I PAESI CHE HANNO ANCORA RAPPORTI CON LA RUSSIA! SECONDO IL “FINANCIAL TIMES” CI SAREBBERO PRODOTTI PER ALMENO 1 MILIARDO DI DOLLARI CHE SONO FINITI NELLE MANI DI PUTIN, TRAMITE KAZAKISTAN, KIRGHIZISTAN E ARMENIA. MA LA CIFRA REALE È PRESUMIBILMENTE MOLTO PIÙ ALTA…

-

Condividi questo articolo


Articolo del “Financial Times” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

vladimir putin parla per il giorno della vittoria 9 maggio 2023 vladimir putin parla per il giorno della vittoria 9 maggio 2023

I funzionari occidentali ritengono che la nazione abbia dirottato le esportazioni sensibili oggetto delle sanzioni

 

Più di un miliardo di dollari di esportazioni dell'UE, oggetto di sanzioni, sono scomparsi durante il transito verso i partner economici della Russia, un flusso di "commercio fantasma" che i funzionari occidentali ritengono abbia contribuito a sostenere l'economia di guerra di Vladimir Putin. Scrive il Financial Times.

 

I dati pubblici analizzati dal Financial Times hanno rilevato che solo circa la metà di un campione di 2 miliardi di dollari di prodotti controllati "a doppio uso" spediti dall'UE ha effettivamente raggiunto le destinazioni dichiarate in Kazakistan, Kirghizistan e Armenia.

 

SANZIONI CONTRO LA RUSSIA SANZIONI CONTRO LA RUSSIA

Questi beni, ritenuti dall'UE potenzialmente utilizzabili dai servizi militari o di intelligence e soggetti a controlli sulle esportazioni, potrebbero essere entrati in Russia direttamente dall'UE con la scusa di essere solo di passaggio.

 

Una quota sproporzionata delle esportazioni fantasma, che non hanno mai raggiunto la loro destinazione ufficiale, ha lasciato l'UE dai Paesi baltici confinanti con la Russia e la Bielorussia.

 

shavkat mirziyoyev e qasym jomart toqaev con vladimir putin alla parata del 9 maggio 2023 shavkat mirziyoyev e qasym jomart toqaev con vladimir putin alla parata del 9 maggio 2023

Gli articoli sono stati spediti nel 2022, dopo l'invasione su larga scala dell'Ucraina da parte della Russia, quando il delicato commercio dell'UE con Kazakistan, Kirghizistan e Armenia - tre Stati ex-sovietici ora in unione economica con la Russia - è salito a livelli senza precedenti.

 

La mancata corrispondenza dei registri suggerisce che la Russia ha eluso le sanzioni a tappeto inserendo nelle dichiarazioni doganali dell'UE destinazioni false da parte di intermediari, agenti o fornitori. Questa tecnica ha aiutato Mosca a mantenere l'accesso a prodotti europei cruciali, tra cui componenti per aerei, apparecchiature ottiche e turbine a gas.

 

"Dove altro potrebbe andare?", ha chiesto Erki Kodar, ministro estone per le sanzioni. "Perché quei Paesi dovrebbero improvvisamente avere bisogno di quei beni in questo momento? Chi ha più bisogno di questi beni nella regione? Ovviamente la Russia".

RUSSIA SANZIONI RUSSIA SANZIONI

 

Per alcune categorie specifiche di beni - tra cui turbine a gas, saldatrici e apparecchiature per la radiodiffusione - quasi nessuno degli articoli inviati dall'UE sembra aver raggiunto le destinazioni previste, secondo i dati sulle importazioni.

 

Questo commercio mancante sottolinea la complessità degli sforzi per chiudere l'accesso della Russia ai beni sensibili, anche quando questi sono soggetti a restrizioni concertate dai Paesi del G7.

 

"Alcune discrepanze nelle statistiche degli specchi commerciali globali non sono insolite, ma questo va oltre i tipici errori minori", ha dichiarato Elina Ribakova, senior fellow del Peterson Institute for International Economics.

 

"Ci sono voluti quasi dieci anni e molte multe multimiliardarie perché il settore finanziario iniziasse a prestare attenzione alle sanzioni. Perché le aziende dovrebbero essere diverse con i controlli sulle esportazioni?".

 

Gabrielius Landsbergis Gabrielius Landsbergis

Gli sforzi occidentali per inasprire le sanzioni si sono in gran parte concentrati sulle scappatoie della riesportazione, quando le merci raggiungono la Russia attraverso un Paese terzo. L'analisi del FT suggerisce che anche il commercio fantasma, in cui gli articoli scompaiono durante il transito e non arrivano mai a destinazione, ha potenzialmente rappresentato una grande stampella economica per la Russia.

 

A febbraio, l'UE ha vietato il transito in Russia dei beni a duplice uso, il che significa che non possono entrare in Russia direttamente dall'UE, anche se in ultima analisi sono destinati a un altro Paese.

 

Ma i funzionari degli Stati baltici temono che il divieto non sia sufficiente ad arginare il flusso e stanno cercando di fermare il contrabbando a livello nazionale.

 

vladimir putin consiglio di sicurezza nazionale vladimir putin consiglio di sicurezza nazionale

La Lituania ha spinto per restrizioni più severe su una gamma più ampia di beni a duplice uso e sensibili, in particolare tecnologie avanzate e parti dell'aviazione, e vuole impedire che le merci vietate vengano inviate alla Bielorussia, alleata della Russia. I ministri hanno anche iniziato a studiare misure nazionali per impedire che alcuni prodotti lascino la Lituania.

 

Gabrielius Landsbergis, ministro degli Esteri lituano, ha dichiarato che l'UE avrà bisogno di molta "volontà politica" per adottare le misure necessarie ad applicare il regime di sanzioni contro i Paesi o le aziende non conformi. "Siamo pronti ad adottare misure nazionali per assicurarci che le tecnologie sensibili non appaiano sul campo di battaglia", ha dichiarato.

 

vladimir putin vladimir putin

Gli estoni hanno anche appoggiato un divieto completo di transito per i prodotti che lasciano l'UE, che copra non solo i beni a doppio uso, ma anche altre categorie di beni soggetti a sanzioni e restrizioni. "La questione è se sia meglio avere un divieto totale di transito - con eccezioni umanitarie. È più facile implementare un divieto totale che un elenco aperto che continua a crescere", ha aggiunto Kodar.

 

La cifra reale del probabile flusso di importazioni fantasma della Russia è significativamente più alta, poiché il miliardo di dollari si riferisce solo a un campione di beni soggetti a restrizioni che il FT è riuscito a confrontare con i dati dei flussi commerciali internazionali.

matteo salvini con maglietta no sanzioni alla russia (e dietro savoini) matteo salvini con maglietta no sanzioni alla russia (e dietro savoini)

 

Considerando tutti gli scambi commerciali dell'UE nell'anno successivo all'inizio della guerra in Ucraina, il divario tra le statistiche dell'UE e del Kazakistan implica che 2,9 miliardi di dollari di scambi commerciali sono scomparsi tra i due Paesi.

 

Nel 2021, l'ultimo anno solare completo prima dell'invasione su larga scala dell'Ucraina, la cifra equivalente era di 450 milioni di dollari. L'analisi del FT conferma anche che i prodotti soggetti a restrizioni hanno molte più probabilità di diventare esportazioni fantasma rispetto ad altri.

 

Heli Simola, economista senior presso l'Istituto per le Economie Emergenti della Banca di Finlandia, ha dichiarato: "Questi dati speculari [corrispondenza tra i registri delle esportazioni e delle importazioni] non sono mai identici, ma le discrepanze e l'improvvisa impennata ci dicono che c'è qualcosa. Ci sono esportazioni reali verso il Kazakistan. Ma in alcuni casi è chiaro che si tratta di evasione delle sanzioni".

 

XI JINPING E VLADIMIR PUTIN - QUASI AMICI - BY EDOARDO BARALDI XI JINPING E VLADIMIR PUTIN - QUASI AMICI - BY EDOARDO BARALDI

Nessuno dei dati è completo. Il Kirghizistan ha pubblicato solo i dati commerciali fino all'ottobre 2022. La maggior parte dei dati degli altri Paesi arriva solo fino a dicembre.

 

Le cifre citate dal FT non includono il flusso separato e consistente di merci che sembrano arrivare in Kazakistan e poi essere riesportate in Russia.

 

L'aumento delle merci controllate dall'UE con il Kazakistan come destinazione è ora sufficiente a compensare circa il 40% del calo delle esportazioni verso la Russia e la Bielorussia dopo l'imposizione di sanzioni all'inizio della guerra.

 

I dati indicano possibili problemi a lungo termine legati all'abuso delle regole di transito. La Russia è stata soggetta a sanzioni da quando ha conquistato il territorio ucraino nel 2014, creando un incentivo per il Paese a utilizzare l'esenzione dal transito per aggirare le regole.

 

la russia dopo le sanzioni 8 la russia dopo le sanzioni 8

Nei 13 mesi precedenti la guerra, la Lituania ha dichiarato di aver inviato al Kazakistan 28 milioni di dollari di beni a duplice uso statisticamente tracciabili, mentre i kazaki hanno dichiarato di averne ricevuti solo 9 milioni.

 

L'invasione su larga scala del 2022 ha aumentato in modo significativo le dimensioni dei flussi e il divario delle importazioni. Nei 13 mesi successivi all'inizio della guerra, i dati della Lituania mostrano che la Lituania ha inviato 84 milioni di dollari di tali beni al Kazakistan, che ha riferito di averne ricevuti solo 11 milioni; ciò significa che le esportazioni dichiarate verso il Paese sono aumentate di 56 milioni di dollari nel periodo, ma le importazioni dichiarate sono aumentate di soli 2 milioni di dollari.

 

la russia dopo le sanzioni 6 la russia dopo le sanzioni 6

Il governo kazako ha recentemente adottato misure contro la riesportazione di merci in Russia. "Per una questione di principio, come governo non abbiamo aderito alle sanzioni, ma stiamo facendo del nostro meglio per proteggere la nostra economia dalle loro conseguenze indesiderate", ha dichiarato un alto funzionario kazako.

 

"Ciò significa che stiamo adottando misure per impedire l'uso del nostro territorio per aggirare le sanzioni. E su questo manteniamo un dialogo regolare e franco con i nostri partner".

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP