SARÀ QUEL CHE SARAS – LA FAMIGLIA MORATTI CONFERMA LE INDISCREZIONI SULLA TRATTATIVA PER LA CESSIONE DELLA PARTECIPAZIONE DI “SARAS”: “ESISTONO DISCUSSIONI IN CORSO CON VITOL, MA LE AFFERMAZIONI DI STAMPA NON CORRISPONDONO ALLA REALTÀ” – "MILANO FINANZA" AVEVA PARLATO DI UN'OFFERTA DEL COLOSSO SVIZZERO-OLANDESE PER IL 2'% DI "SARAS", A 2,2 EURO PER AZIONE - IL TITOLO IN BORSA GUADAGNA IL 14%...

-

Condividi questo articolo


MASSIMO MORATTI MASSIMO MORATTI

I MORATTI CONFERMANO DISCUSSIONI CON VITOL SU SARAS

(ANSA) - Gli azionisti di Saras, Massimo Moratti S.a.p.a. di Massimo Moratti, Angel Capital Management e Stella Holding, dopo le indiscrezioni relative alla partecipazione detenuta nella società, hanno reso noto che "ancorché esistano discussioni in corso con Vitol, le affermazioni di stampa non corrispondono alla realtà". Gli azionisti si riservano di "valutare eventuali iniziative a tutela degli interessi degli stessi e di Saras".

 

SARAS IN BORSA +14% CON INDISCREZIONI CESSIONE QUOTA MORATTI

(ANSA) - Saras vola in Borsa dopo le indiscrezioni di stampa sull'offerta di Vitol per l'acquisizione di una quota del 20% della società. A Piazza Affari il titolo di Saras guadagna il 14% a 1,89 euro.

STABILIMENTO SARAS STABILIMENTO SARAS

 

Il colosso svizzero-olandese Vitol group, secondo quanto riporta Milano Finanza, offre 2,2 euro per azione, con un premio del 35% rispetto alla chiusura di ieri. L'offerta sarebbe valida fino al 15 febbraio. Angel Capital (Angelo Moratti) e Stella Holding (Gabriele Moratti) che detengono il 20% di Saras, secondo il quotidiano, sarebbero interessati a vendere.

 

Non è ancora chiara l'intenzione della Massimo Moratti Spa, che possiede il restante 20%. Il patto parasociale tra le partecipazioni familiari scade il 30 giugno. Nell'articolo si legge anche che l'offerta di Vitol è in linea con la recente acquisizione di Priolo da parte di Goi Energy per 1,5 miliardi di euro.

 

massimo moratti massimo moratti

La notizia di una offerta presentata da Vitol Group per la quota di Saras ha "implicazioni positive per il titolo nel brevissimo termine, in quanto chiarisce che ci sia un'offerta sul tavolo. Tuttavia, l'adesione della famiglia resta ancora incerta", spiega Equita. Nel settembre 2018, la famiglia Moratti era scesa dal 50% al 40% di quota.

 

Saras renderà noti i risultati del quarto trimestre 2023 il prossimo 15 marzo con gli analisti che si attendono un "significativo indebolimento sequenziale della redditività come risultante del calo dei margini di raffinazione nel periodo". Il rallentamento della domanda globale e l'avvio di nuova capacità di raffinazione "possono comunque far scendere i margini 2024 ma su livelli ancora solidi".

STABILIMENTO SARAS STABILIMENTO SARAS

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…