SARÀ QUEL CHE SARAS – CON LA VENDITA DELLA SOCIETÀ PETROLIFERA AGLI OLANDESI DI VITOL, I MORATTI CHIUDONO I LORO 62 ANNI DI STORIA NEL GREGGIO E INTASCANO 600 MILIONI DI EURO –DALLO SBARCO IN BORSA DEL 2006 A OGGI, LA FAMIGLIA MILANESE HA INCASSATO DALLA VENDITA DI AZIONI SARAS OLTRE 2,66 MILIARDI – MENTRE È STATO UN BAGNO DI SANGUE PER CHI HA INVESTITO, CON IL TITOLO CHE PERSO IL 70% DEL VALORE...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Nicola Borzi per “il Fatto Quotidiano”

 

MASSIMO MORATTI SARAS MASSIMO MORATTI SARAS

La famiglia Moratti chiude i suoi 62 anni di storia nel petrolio incassando 600 milioni. Gli eredi del fondatore Angelo cedono al gigante olandese delle materie prime Vitol il controllo di Saras, la società quotata che con la raffineria di Sarroch (Cagliari), tra le maggiori del Mediterraneo, produce un quinto dei carburanti italiani.

 

Con questa ultima mossa, dallo sbarco in Borsa a oggi i Moratti hanno incassato dalla vendita di azioni Saras in totale oltre 2,66 miliardi. A rimanere scottati sono stati invece i 79.148 investitori, grandi e piccoli risparmiatori, che il 17 maggio 2006 pagarono nell’offerta pubblica di acquisto le azioni Saras 6 euro ciascuna, investendo oltre 1,71 miliardi. Un affarone per la famiglia milanese, un disastro per chi investì: a oggi (senza considerare i dividendi) ha perso il 70%.

 

raffineria saras di sarroch raffineria saras di sarroch

A spartirsi il consistente assegno sono Massimo Moratti, azionista presidente e Ad di Saras, i suoi figli e i figli di suo fratello Gian Marco, il marito di Letizia Brichetto (presidente della consulta di Forza Italia, ex sindaco di Milano ed ex ministro) morto a febbraio 2018.

 

Il 35% di Saras passa di mano a 1,75 euro per azione e Vitol potrebbe acquistare anche il restante 5%. Solo il 17 aprile 2019 la famiglia avevano giurato che “non intende vendere ulteriori quote”.

 

massimo moratti - saras massimo moratti - saras

[…] Quando quotarono Saras, il 18 maggio 2006, l’indice di Piazza Affari volava vicino a 38mila punti: 18 anni dopo, oggi sta ancora sotto i 31.500, quasi un quinto più sotto. Ma sin dalla prima seduta l’azione perse il 13,3% dal prezzo di collocamento.

 

A gennaio 2007 su quella quotazione si aprì una indagine della Procura di Milano per il sospetto che le banche collocatrici potessero aver gonfiato la valutazione, ma a maggio 2011 l’indagine fu archiviata. Nel mezzo, ad aprile 2013 l’ingresso del gigante russo Rosneft, che comprò il 21% di Saras per uscire quattro anni dopo a causa delle sanzioni contro Mosca per l’invasione della Crimea.

 

A settembre 2018 i Moratti vendettero un altro 10% e un altro 3% a ottobre 2020 passò al colosso del trading su petrolio e altre materie prime Trafigura.

 

SARAS SARAS

[…] Dopo i rumor dei giorni scorsi, venerdì 9 febbraio Mf sparava che Saras sarebbe stata venduta a 2,2 euro per azione, mentre ne quotava 1,6 circa. Il titolo schizzava al rialzo toccando anche +14% per chiudere a 1,79 euro (+7,6%), su scambi sestuplicati rispetto alla media. Saras rilasciava una dura smentita per poi però controsmentirsi domenica, a Borsa chiusa, annunciando l’accordo con Vitol a 1,75 euro: il premio di controllo pare essere stato pagato davvero poco.

 

Così ieri l’azione è crollata del 5,68% a 1,69 euro, mentre incombe l’Opa residuale per il delisting. La soffiata sui 2,2 euro è stata dunque un favore ai Moratti o invece un tentativo di ostacolare l’operazione? Lo deciderà Consob che ha avviato “verifiche di routine”. Nonostante le voci, venerdì Borsa Italiana non ha sospeso l’azione.

 

raffineria saras di sarroch raffineria saras di sarroch

Ora l’ultima parola spetta al governo che, dopo la cessione della raffineria siciliana Isab a mani cipriote, potrebbe esercitare il “golden power” su un’azienda strategica. Resta l’allarme per il futuro di oltre 1.500 dipendenti.

GRUPPO VITOL GRUPPO VITOL STABILIMENTO SARAS STABILIMENTO SARAS

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...