SAUDITA NELL’OCCHIO DI ELON MUSK - A STRONCARE I SOGNI DI GLORIA DEL FONDATORE DI TESLA, CHE SI VUOLE COMPRARE TWITTER, CI HA PENSATO IL PRINCIPE SAUDITA, ALWALEED BIN TALAL, PROPRIETARIO DI UNA QUOTA DEL 5,2% DEL SOCIAL NETWORK: L’OFFERTA DEL FONDATORE DI TESLA NON LO SODDISFA - CHE FARÀ ORA ELON? INTANTO ROSICA E AVVERTE: “IL CDA AVREBBE UN’ENORME RESPONSABILITÀ SE INFRANGESSE I DOVERI FIDUCIARI, AGENDO CONTRO GLI INTERESSI DEGLI AZIONISTI”

-

Condividi questo articolo


 

 

 

ELON MUSK ELON MUSK

Twitter: Musk avverte cda sui doveri verso gli azionisti

(ANSA) - Il consiglio di amministrazione di Twitter avrebbe una enorme responsabilità nel caso in cui infrangesse i doveri fiduciari agendo contro gli interessi degli azionisti. Lo afferma Elon Musk rispondendo a chi gli chiedeva un commento su una possibile poison pill per fermare la sua scalata alla società che cinguetta.

 

TWITTER, ASSALTO MANCATO DI MUSK

Flavio Pompetti per “il Messaggero”

 

 Elon Musk non si accontenta del 9% di Twitter, vuole tutte le azioni ed è disposto a valutare la società 43 miliardi di dollari per raggiungere il suo scopo. L'imprenditore sudafricano-statunitense ha comunicato alla Sec che è pronto a lanciare un'offerta che fissa il valore dell'azione Twitter a 54,20 dollari, con un premio di 7 dollari rispetto alla chiusura a Wall Street di mercoledì, ma di 14 dollari dal primo di aprile, giorno in cui Musk aveva annunciato di essersi già impossessato di un pacchetto pari al 9,2% del capitale azionario.

ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER

 

Le ostilità tra il patron della Tesla e la rete di comunicazione sociale più popolare del mondo dura da anni. Musk rimprovera al consiglio di amministrazione di Twitter di mettere un bavaglio all'informazione con le sue direttive sulla correttezza del linguaggio e il rispetto dell'equità sociale. Oltre la forma, ci sono comunque obiezioni sostanziali alla strategia del gruppo.

 

Alwaleed bin Talal Alwaleed bin Talal

Musk è convinto che Twitter abbia un potenziale di espansione ancora largamente inesplorato nel settore e pensa di essere l'uomo giusto per portare la società fuori dalla Borsa e liberarla dai tanti paletti legali che imprigionano un'azienda quotata. La realtà è però che nemmeno un ultraricco come lui è in grado di comprare tutto ciò che vuole (quali che siano i suoi fini reali).

 

Soprattutto in questa fase che è a corto di contanti. Pare infatti che per procurarsi 39 miliardi (43 miliardi meno l'equivalente del 9,2% di Twitter in suo possesso) dovrebbe accendere un prestito su un quarto delle cedole Tesla nel suo portafoglio (lo statuto della casa automobilistica fissa un tetto del 25% all'indebitamento basato sulle azioni) e bruciare così future possibilità di accesso al credito.

 

I DETTAGLI

Inoltre un altro azionista in posizione rilevante, il principe saudita Alwaleed bin Talal, proprietario di una quota che nel 2015 era del 5,2% di Twitter, ha fatto sapere ieri che l'offerta non lo soddisfa. Anche lui pensa che il potenziale della società sia sottovalutato ai prezzi attuali, e quindi non è disposto a vendere a 54,20 dollari.

Tweet di Elon Musk Tweet di Elon Musk

 

Musk in apertura di giornata si era dichiarato fiducioso della sua capacità finanziaria, forte della consulenza di Morgan Stanley. Poche ore dopo ha dovuto fare una parziale ritirata nel corso di una conferenza Ted, nella quale ha detto che non era più ben sicuro di portare a termine l'operazione. È la seconda volta che la casa saudita lo tradisce. La prima fu due anni fa, quando il fondo sovrano di Riad negò di essere la fonte di finanziamento per la manovra di acquisto della Tesla che lo stesso Musk stava cercando di organizzare.

ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER Il principe miliardario saudita Alwaleed bin Talal Il principe miliardario saudita Alwaleed bin Talal Il principe miliardario saudita Alwaleed bin Talal Il principe miliardario saudita Alwaleed bin Talal Alwaleed bin Talal 1 Alwaleed bin Talal 1 ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER

 

Condividi questo articolo

business

CHE SUCCEDE CON L’INGRESSO DI ROCCO BASILICO IN DELFIN? – IL FIGLIASTRO DI DEL VECCHIO AVRÀ IL 12,5% DELLA HOLDING DEL PAPERONE DI AGORDO: COME I SEI FIGLI DEL FONDATORE DI LUXOTTICA (E SUA MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO) – GLI OTTO EREDI LITIGHERANNO SULLE STRATEGIE DI GESTIONE DELLE MOLTE PARTECIPAZIONI? SÌ, MA POTRANNO FARE POCO: LA REGOLA DELL’88% DEI VOTI IMPONE L’UNANIMITÀ PER OGNI DECISIONE IMPORTANTE. CON IL RISCHIO, EVIDENTE, CHE LA SOCIETÀ RIMANGA INGESSATA DAI VETI

POI UNO SI CHIEDE PERCHÉ GLI ITALIANI EMIGRANO: DOPO I NO-VAX, ORA ARRIVANO I NO-POS! – DA IERI I COMMERCIANTI CHE NON PERMETTONO AI CLIENTI DI PAGARE CON LA CARTA POTRANNO BECCARSI UNA MULTA, MA LORO SE NE FREGANO BELLAMENTE. LA SCUSA È SEMPRE LA STESSA: LE COMMISSIONI TROPPO ALTE, SOPRATTUTTO PER I MICRO-PAGAMENTI. MA È DAVVERO COSÌ OPPURE VOGLIONO SOLO CONTINUARE A EVADERE? COMUNQUE, IN MOLTI HANNO GIÀ TROVATO UN TRUCCHETTO PER AGGIRARE EVENTUALI CONTROLLI: BASTA DIRE CHE IL POS NON FUNZIONA…

L’INFLAZIONE AUMENTA, IL PORTAFOGLIO SI RESTRINGE – I SALARI RESTANO FERMI MENTRE I PREZZI SCHIZZANO IN ALTO: NEL PRIMO SEMESTRE DEL 2022 UNA FAMIGLIA TIPO È ARRIVATA A PERDERE 2400 EURO DI POTERE D’ACQUISTO. LA SOLUZIONE? PRODOTTI DI BASSA QUALITÀ E/O RIDUZIONE DEI CONSUMI – COTTARELLI TWEET: “NEL 92 IL GOVERNO PRELEVÒ LO 0,6% DEI DEPOSITI, UNA PATRIMONIALE. ANCORA CE LO RICORDIAMO. OGGI, CON TASSI ZERO DEI DEPOSITI, L’INFLAZIONE ALL’8% SIGNIFICA UNA PATRIMONIALE DELL’8%. E NESSUNO SI LAMENTA. MISTERO!”