SCENATE DA UN PATRIMONIO - SCOPPIA LA GUERRA SULL’EREDITÀ DI PIERRE CARDIN – DOPO UNA SERIE DI DENUNCE PRESENTATE DALLE NIPOTI DELLO STILISTA VENETO NATURALIZZATO FRANCESE, A POCO MENO DI 3 ANNI DALLA SUA SCOMPARSA, È STATA APERTA UN’INDAGINE. NEL MIRINO IL TESTAMENTO DELLO STILISTA CHE NOMINA IL NIPOTE RODRIGO BASILICATI COME UNICO EREDE DEL PATRIMONIO DA 750-800 MILIONI DI EURO, CON UN DOCUMENTO RITROVATO NEL 2022 NELLA RESIDENZA PARIGINA DI CARDIN DALLO STESSO BASILICATI…

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Fruzsina Szikszai per www.quotidiano.net

 

pierre cardin 5 pierre cardin 5

Scoppia il caso giudiziario sull’eredità dello stilista veneto naturalizzato francese, Pierre Cardin, a poco meno di 3 anni dalla sua scomparsa. La rivista economica d’Oltralpe Challenges ha appreso da fonti giudiziarie che è stata aperta un’indagine dopo una serie di denunce presentate dalle pronipoti di Cardin. Nel mirino il testamento dello stilista che nomina il nipote Rodrigo Basilicati come unico erede del patrimonio multimilionario. Il documento è stato ritrovato nel 2022 nella residenza parigina di Cardin dallo stesso Basilicati. “Una scoperta caduta a pennello”, nelle parole dell’avvocato Jean-Louis Rivière, che rappresenta le pronipoti.

 

pierre cardin e il nipote rodrigo basilicati pierre cardin e il nipote rodrigo basilicati

Rodrigo Basilicati, classe 1970 e originario di Padova, prima è diventato direttore generale del gruppo nel 2019, poi presidente nel novembre 2020, un mese e mezzo prima della morte dello zio. Il testamento che lo designa come unico erede risalirebbe al 2016, ma non ce n’è traccia nell’inventario dei beni fatto all’indomani della scomparsa di Cardin. Infatti, è stato rinvenuto solo nel 2022, e il procedimento civile sulla validità del documento è ancora in corso.

 

Secondo l’avvocato delle pronipoti, non si tratta di altro che un “tentativo di spoliazione dell’eredità”. Basilicati è accusato di voler bloccare la vendita dell’impero di famiglia, su cui “l’insieme degli eredi, rappresentanti dell’85%, è d’accordo”, ha affermato l’avvocato Rivière. Un patrimonio stimato tra i 750 e gli 800 milioni di euro, fatto di holding, filiali, licenze, marchi, e numerosi beni immobiliari. Basilicati, a sua volta, ha sporto denuncia per diffamazione. […]

 

pierre cardin 7 pierre cardin 7

E mentre la guerra tra gli eredi continua, la casa di alta moda è finita anche sotto la lente dell’Unione europea per sospetta violazione delle norme antitrust. In base a una prima valutazione del caso, su cui la Commissione indaga da oltre due anni, le aziende Pierre Cardin e Ahlers avrebbero infranto le regole sulla concorrenza attraverso intese bilaterali che avrebbero favorito questa ultima limitando o impedendo le vendite su mercati esteri e a determinati clienti di vestiti della casa di moda francese da parte di altre società autorizzate. Secondo quanto si legge in una nota, il comportamento anti concorrenziale sarebbe in atto da più di dieci anni e avrebbe penalizzato altre aziende che avevano ottenuto la licenza di commercializzare i prodotti di Pierre Cardin. Se i sospetti dovessero essere confermati, le due imprese potrebbero essere soggette al pagamento di sanzioni pari fino al 10% dei loro fatturati.

rodrigo basilicati (2) rodrigo basilicati (2) pierre cardin 6 pierre cardin 6 pierre cardin 1 pierre cardin 1 pierre cardin 3 pierre cardin 3 pierre cardin 2 pierre cardin 2 pierre cardin pierre cardin

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA BATOSTA DELL’ITALIA NELLA CORSA A EXPO 2030 È UN BOCCONE AMARISSIMO PER GIORGIA MELONI: ERA CONVINTA CHE ROMA STRAPPASSE ALMENO IL BALLOTTAGGIO, E INVECE L'HANNO ABBANDONATA ANCHE I PAESI UE. A COMPLICARE LA CORSA DI ROMA È STATO ANCHE L’ESPLICITO SOSTEGNO DI ISRAELE – ORA È CACCIA AL CAPRONE ESPIATORIO, CHE A DESTRA VEDONO IN GUALTIERI, L’UNICO INSIEME A MASSOLO CHE SI È SPESO PER LA CITTÀ – PERCHÉ NON È STATO COINVOLTO MATTARELLA? – LO SCARSO SOSTEGNO DEI PAESI UE NON FA BEN SPERARE PER LA PARTITA EUROPEA DEL PATTO DI STABILITÀ – L’ULTIMATUM DEL PPE ALLA DUCETTA...

MELONI? UN “CAMALEONTE”! – MA QUANTO SI E' INCAZZATA LA DUCETTA CON I SUOI GERARCHI DI PALAZZO CHIGI! SULLE PRIME, IL GIUDIZIO DI POLITICO.EU, CHE L'HA ELETTA AL NUMERO UNO DEI “DOERS” (GLI ESECUTORI) IN EUROPA, E' STATO SBANDIERATO DAI SUOI BALILLA COME UN GRAN RICONOSCIMENTO - POI, MELONI HA  SBARRATO GLI OCCHIONI LEGGENDO L'ARTICOLO COMPLETO E HA CAPITO CHE SI TRATTAVA DI UN BEL CALCIO NEL SEDERE – MELONI È SÌ PRIMA, MA PERCHÉ È “CAMALEONTICA”: AD ESSERE APPREZZATO IN UE È IL FATTO CHE STA FACENDO ESATTAMENTE IL CONTRARIO DI QUANTO PROMESSO DURANTE GLI ANNI DELL'OPPOSIZIONE E IN CAMPAGNA ELETTORALE - È LO STESSO ARGOMENTO UTILIZZATO DA SALVINI, CHE STA PROVANDO A FARLA PASSARE DA TRADITRICE DEI SOVRANISTI, LOGORANDOLA DA DESTRA - L'ARTICOLO INTEGRALE DI POLITICO.EU

FLASH! - MARIO DRAGHI SULL’ALTARE: MEJO DEL PAPA! - PER IL PRESENTARE IL SUO LIBRO, “QUANDO ERAVAMO PADRONI DEL MONDO”, CAZZULLO CHIAMA "SUPERMARIO" E RIEMPIE LA MERAVIGLIOSA CHIESA DI SANT’IGNAZIO DI LOYOLA, GRAN PATRON DEI GESUITI (PRESSO I QUALI DRAGHI HA VISSUTO LA SUA GIOVENTÙ SCOLASTICA) - ASSALTO DI FOTOGRAFI E TELECAMERE PER FLASHARE CAIRO, GUERINI, CALENDA, ZANDA, FOLLINI, CARMEN MORAVIA, ROBERTO COTRONEO, RONCONE, FOLLI, DE ANGELIS, SARDONI, ETC... - TUTTI IN TREPIDANTE ATTESA DI UNA BENEDIZIONE URBI ET ORBI DI DRAGHI CHE SPENGA LA FIAMMETTA NERA DEI BALILLA D’ITALIA

FLASH! – RAI, DI TUTTO…DI MENO! - L’ITALIA VINCE LA COPPA DAVIS E A VIALE MAZZINI CANTANO VITTORIA PER IL 23% DI SHARE OTTENUTO DA RAI2, CHE HA TRASMESSO LA FINALE. MA IL 19 NOVEMBRE, CON LE ATP FINALS DI TORINO, IL TENNIS SUL PRIMO CANALE AVEVA SFIORATO IL 30%. CHISSA’ QUANTI TELE-MORENTI AVREBBE PORTATO A CASA LA FINALE SE FOSSE ANDATA SU RAI1 – È COME SE MEDIASET LASCIASSE A RETE4, ANZICHÉ A CANALE5, LA PARTITA DI CHAMPIONS DI DOMANI, FRA MILAN E BORUSSIA DORTMUND - È LA SOLITA SCELTA KAMIKAZE DEL DG GIAMPAOLO ROSSI, STAVOLTA CONTRO L’ACERRIMO NEMICO, GIANMARCO CHIOCCI, E IL SUO TG1, A CUI FA PERDERE 11 PUNTI DI SHARE (CONSENTENDO AL TG5 DI VINCERE LO SCONTRO DIRETTO)