LO SCOPRIREMO SOLO VIVENDI – DAVVERO BOLLORÉ VUOLE FARE HARAKIRI SULLA RETE UNICA? OVVIAMENTE NO: LA VOLONTÀ DEL FINANZIERE BRETONE È PIÙ CHE ALTRO QUELLA DI RIPRENDERSI LA SCENA, PORSI COME INTERLOCUTORE DIRETTO E NEGOZIARE CON IL GOVERNO LE CONDIZIONI DI ADESIONE AL PROGETTO. IN QUEL TAVOLO POTREBBE POI FINIRE LA QUESTIONE MEDIASET…

-

Condividi questo articolo

Antonella Olivieri per “il Sole 24 Ore”

 

vincent bollore vincent bollore

Ma davvero Vivendi vuole mettersi di traverso al progetto rete unica per dispetto contro l'emendamento "salva-Mediaset"? Se c'è un "caso" nei rapporti Italia-Francia che intreccia piano politico e piano aziendale, questo è senz' altro il caso che vede al centro la media company transalpina che fa capo a Vincent Bollorè, primo azionista di Telecom e secondo di Mediaset, in entrambi i casi con una quota importante che sfiora la soglia d'Opa.

 

berlusconi bollore vivendi mediaset berlusconi bollore vivendi mediaset

Certamente Vivendi ha preso male lo schiaffo politico su Mediaset, quando pensava di aver ricostruito i rapporti con le istituzioni italiane "comportandosi bene" in Telecom, al punto di rassegnarsi a restare in minoranza nel consiglio pur avendo una partecipazione del 23,94%, oltre il doppio rispetto al secondo azionista Cdp, che è a ridosso della soglia del 10%.

 

LUIGI GUBITOSI FRANCESCO STARACE LUIGI GUBITOSI FRANCESCO STARACE

Risulta anche che Vivendi sia insoddisfatta dell'andamento del titolo Telecom, che a metà marzo - nel mezzo del lockdown - è sprofondato fino a 29 centesimi ,quando il gruppo transalpino aveva pagato 1,07 euro per azione per mettere assieme la sua partecipazione.

 

È possibile - forse anche probabile - che per recuperare su Mediaset voglia mettere di mezzo Telecom (la quale ovviamente in mezzo non ci vuole finire), ma non ci sta che i francesi siano intenzionati davvero a fare harakiri sulla rete che, negli ultimi tre anni, è stato il principale tema di supporto alle quotazioni. Regola che non si è smentita in questi giorni.

GIUSEPPE CONTE ARNAUD DE PUYFONTAINE GIUSEPPE CONTE ARNAUD DE PUYFONTAINE

 

Dalla ventilata possibilità che l'Enel possa cedere la propria quota in Open Fiber, con la speranza - non si sa quanto fondata - che questo possa spianare la strada alla rete unica, Telecom in un paio di giorni è passata in listino da 36 a 40 centesimi. Vero che in giornata un ruolo l'ha giocato anche l'implicito nulla osta Ue all'operazione FiberCop con Kkr, che non è reputata una concentrazione e come tale non è da notificare all'Antitrust europeo.

gubitosi tim gubitosi tim

 

A questo punto - dopo l'analisi Agcom, comunque non vincolante - non ci sarebbero più altri passaggi da attendere prima del closing, con il trasferimento della rete secondaria di Telecom alla newco, l'ingresso di Kkr e Fastweb nel capitale e il pagamento del corrispettivo da parte del fondo di private equity Usa. Il closing, a questo punto, è confermato per febbraio.

 

E un effetto tecnico di traino c'è stato anche per l'ingresso delle azioni di risparmio Telecom in due indici Eurostoxx, con trenta titoli selezionati in base alla cedola: alla quotazione di 42 centesimi raggiunta ieri dalle azioni senza diritto di voto, il rendimento sul dividendo è ben del 6,5%. Ma, appunto, sulla distanza la rete unica resta il tema di maggior attrazione anche in Borsa.

BOLLORE' VIVENDI BOLLORE' VIVENDI

 

A Roma circola ovunque la voce che Vivendi voglia ostacolare il cammino della rete unica, ma è più facile che in realtà il proposito sia quello di riprendersi la scena con l'obiettivo di porsi come interlocutore diretto del Governo per negoziare le condizioni di adesione al progetto di rete unica, un tavolo sul quale - secondo alcuni osservatori - potrebbe finire anche la questione Mediaset e c'è chi non esclude la riedizione di un'ipotesi di collegamento tra i due gruppi.

 

bollore de puyfontaine assemblea vivendi bollore de puyfontaine assemblea vivendi

Sollecitata più volte, la media company parigina ha opposto un «no comment» a tutte le richieste di riscontro. Secondo indiscrezioni, i francesi starebbero però già sondando possibili candidati alla guida della società da mettere in lista per il rinnovo del consiglio alla prossima assemblea di bilancio di aprile.

 

maximo ibarra 2 maximo ibarra 2

Circolano anche dei nomi - tutti di spessore - che vanno dall'ex ad Marco Patuano, a Massimo Ibarra - attuale ad di Sky Italia più volte finito nella short list per Telecom - a Francesco Caio, un manager che si è fatto le ossa proprio nel settore delle tlc. L'ipotesi che sia il consiglio uscente a presentare la lista di maggioranza - tenendo conto delle indicazioni di un azionariato dove coabitano Cdp e Vivendi - in questo caso perderebbe probabilmente quota e anche Cdp potrebbe presentare una lista di per sè, sostituendosi di fatto al ruolo di pivot ricoperto tre anni fa dal fondo attivista Elliott. Comunque prematuro il tema del rinnovo del board, mentre c'è da aspettarsi che la tregua coi francesi sia finita.

marco patuano 1 marco patuano 1

 

 

 

Condividi questo articolo

business

TUTTE LE VIE DELLA SETA PORTANO A BUDAPEST - UN PROGETTO PRIVATO UNGHERESE MIRA A COSTRUIRE QUEST'ANNO, AL CONFINE UCRAINO, UN NUOVO TERMINAL FERROVIARIO PER I TRENI PROVENIENTI DALLA CINA - ENTRO IL 2024 IL PRIMO CAMPUS DI UNA GRANDE UNIVERSITÀ CINESE IN EUROPA POTREBBE NASCERE PROPRIO NEL PAESE DI VIKTOR ORBAN - MA PER GLI ANALISTI NON SONO PROGETTI CHE PORTEREBBERO GRANDI VANTAGGI ECONOMICI: "SEMBRA UN MODO CON CUI L'UNGHERIA VUOLE MOSTRARE A BRUXELLES CHE HA AMICI POTENTI..."

PER LA CINA IL VIRUS È UN AFFARE! -  PECHINO NEL 2020 HA VISTO LE SUE ESPORTAZIONI DI FORNITURE MEDICHE AUMENTARE DEL 138,5%! SOLTANTO SU MASCHERINE E TUTE IGNIFUCHE, LA CRESCITA VALE ALMENO 5 MILIARDI DI DOLLARI – XI JINPING CONTINUA A FARE IL SALVATORE DEL PIANETA DAL FORUM DI DAVOS, DOVE CONTINUA A LODARE IL MULTILATERALISMO. TE CREDO: GRAZIE ALLA GLOBALIZZAZIONE ABBIAMO DEMANDATO AI CINESI LA PRODUZIONE DI BENI ESSENZIALI. LORO CI COMPRANO CON LE VIE DELLA SETA, E NOI RIMANIAMO FREGATI…