SE SI FERMA TAIWAN, IL MONDO SI BLOCCA – IL MICROSTATO AL CENTRO DEI NUOVI VENTI GUERRA PRODUCE DUE TERZI DEI MICROCHIP UTILIZZATI NEL MONDO – TAIPEI CONTROLLA ANCHE IL 10% DELLA CAPACITÀ DI SPEDIZIONE MARITTIMA GLOBALE ED È TRA I PRINCIPALI ESPORTATORI DI ACCIAIO – ECCO PERCHÉ IN REALTA' WASHINGTON E PECHINO HANNO UN INTERESSE VITALE A CHE LE OPERAZIONI NELLO STRETTO DI TAIWAN SI SVOLGANO SENZA INTOPPI…

-

Condividi questo articolo


Rita Fatiguso per “Il Sole 24 Ore”

 

microchip microchip

Taiwan è talmente strategica per posizione geografica e forza economica che nessuno può farne a meno. La stessa Cina in questi giorni carichi di tensione continua ad accogliere investimenti taiwanesi ingenti, tra cui uno stabilimento nuovo di zecca per semiconduttori da 800 milioni di dollari.

 

La Cina è il più importante partner commerciale di Taiwan, con una quota superiore al 26% del commercio totale. Dietro ci sono gli Stati Uniti con il 13%, seguiti da Giappone (11%), Unione europea e Hong Kong (entrambi all’8%).

 

Un microstato pari allo 0,4% della superficie degli Stati Uniti, e una popolazione pari all’1,7% di quella della Cina vanta un peso specifico ben superiore alle dimensioni fisiche. Le fonderie taiwanesi dominano quasi due terzi del mercato dei semiconduttori, Tsmc, Taiwan Semiconductor Manufacturing Company, controlla l’84% della produzione dei chip più avanzati ed efficienti senza i quali il mondo si blocca. Taipei controlla anche un decimo della capacità di spedizione marittima globale grazie a colossi del calibro di Evergreen, Yang Ming Marine e Wan Hai.

 

NANCY PELOSI A TAIWAN NANCY PELOSI A TAIWAN

Mezzo mondo corteggia l’Isola Stato che, non a caso, è il Paese con il maggior numero di titoli tecnologici quotato nei listini di borsa. Taipei si difende, ha ripreso il controllo del business della sicurezza e gestione dei dati, riportandoli in patria. Ma per il resto attacca e fa affari ovunque. Esporta tecnologia ma controlla anche il 10% circa della flotta commerciale mondiale. Ha due porti tra i più grandi del mondo, Kao-hsiung e Taipei.

 

Stati Uniti e Cina hanno un interesse vitale a che le operazioni nello Stretto di Taiwan si svolgano senza intoppi. Taipei, dal canto suo, esercita un notevole soft power nel Mar Cinese Meridionale. L’Australian Strategic Policy Institute stima che circa un terzo della navigazione globale – e dunque quasi un quarto dell’intero commercio globale in termini di volumi – passa da lì.

MICROCHIP BIDEN MICROCHIP BIDEN

 

Le prospettive? Per il 2022 l’ufficio statistico di Taiwan stima un Pil pro capite di quasi 35mila dollari, pari a oltre il triplo della media mondiale. Il Paese spende il 3,5% circa del proprio Pil in attività di ricerca e sviluppo – superato solo da Israele e Corea – e vanta uno dei tassi di produttività del lavoro più elevati al mondo pari a oltre 2.000 ore annue nel 2020.

 

nancy pelosi arriva a taipei nancy pelosi arriva a taipei

I beni ad alta tecnologia come le attrezzature e i macchinari elettrici, le attrezzature meccaniche - qui è concentrata la maggiore produzione mondiale di telai in carbonio per le bici - e, in misura minore, le attrezzature ottiche e mediche rappresentano più di due terzi delle esportazioni taiwanesi. Il totale delle esportazioni di beni si è attestato a 347 miliardi di dollari, mentre le importazioni sono state di 287 miliardi di dollari.

 

Alcuni dei settori interessanti, non direttamente collegati all’attuale forza trainante economica di Taiwan, sono la biomedicina, l’Internet of Things, l’energia verde e l’economia circolare. Ma i semiconduttori restano in cima alla lista.

 

microchip. 2 microchip. 2

A fine 2021, ad esempio, Tsmc ha annunciato la costruzione di un nuovo impianto a Phoenix, Arizona, da 12 miliardi di dollari, in produzione non prima del 2024. Complessivamente, intende investire 100 miliardi di dollari in tre anni per espandere la propria capacità.

tsmc taiwan microchip tsmc taiwan microchip crisi microchip crisi microchip microchip microchip

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...