SE VI PREOCCUPA L'INFLAZIONE ALL’8% IN ITALIA GUARDATE COME STANNO IN ARGENTINA – L'INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO AD AGOSTO IN ARGENTINA È CRESCIUTO DEL 78,5% SU BASE ANNUALE, E POTREBBE SFIORARE IL 100% PER LA FINE DEL 2022 – INTANTO IL PAESE HA DA POCO EVITATO UN NUOVO DEFAULT INCASSANDO L'ENNESIMO PRESTITO, QUESTA VOLTA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI…

-

Condividi questo articolo


inflazione argentina agosto 2022 inflazione argentina agosto 2022

(ANSA) - L'indice dei prezzi al consumo è cresciuto in agosto in Argentina del 7% nel mese di agosto rispetto a luglio, che era stato il mese con maggiore inflazione dell'anno (7,4%), portando l'accumulato del 2022 al 56,4%. Lo riferisce l'Indec (l'equivalente dell'Istat italiano) a Buenos Aires.

 

Lo stesso istituto ha inoltre precisato che l'inflazione, su base interannuale, ha raggiunto il 78,5%. Nell'analisi per settore, precisa l'agenzia, i maggiori aumenti sono stati quelli dell'abbigliamento (9,9%), del materiale per la pulizia della casa (8,4%9 e degli alimenti (7,1%).

 

argentina soldi argentina soldi

Intanto i primi valori dell'inflazione per settembre, misurati dalla Banca centrale, continuano più o meno sulla stessa linea di luglio e agosto, per cui diventa possibile lo scenario che l'inflazione annua raggiunga le tre cifre entro dicembre.

 

Comunque, secondo il centro studi dell'Università metropolitana per l'educazione ed il lavoro (Umet) di Buenos Aires, se l'aumento dei prezzi d'ora in poi fosse del 6% al mese, entro la fine dell'anno l'inflazione sarebbe dell'ordine del 97,4%.

argentina proteste argentina proteste argentina inflazione argentina inflazione

 

Condividi questo articolo

business

LA PART-ITA VA AVANTI - PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL MEF E IL FONDO "CERTARES" CHE È DECISO AD ACQUISTARE IL 50% PIÙ UN'AZIONE DI "ITA AIRWAYS" E LA PROSSIMA SETTIMANA DOVREBBE INCONTRARE I SINDACATI - LE LINEE GUIDA DEL PIANO INDUSTRIALE SONO GIÀ DELINEATE E NON È ESCLUSO L'INGRESSO DI "DELTA" IN "ITA" DEL 10-15%, BASTERÀ PER UNA POLTRONA NEL CDA DELLA COMPAGNIA? - IL FONDO CERTARES PUNTEREBBE A SVILUPPARE NON SOLO LE TRATTE DEL NORD AMERICA MA ANCHE QUELLE DELL'AMERICA LATINA E AFRICANE

TENERE IN PIEDI L'UCRAINA COSTA TROPPO ALL'OCCIDENTE. LA PACE È SOPRATTUTTO UNA QUESTIONE DI SOLDI – IL GOVERNO DI KIEV SPENDE 5 MILIARDI AL MESE SOLO PER PAGARE STIPENDI E PENSIONI. DENARO CHE IN QUESTI MESI È STATO SGANCIATO DA USA E EUROPA (ANCHE SE CON ESTREMA LENTEZZA, TANTO CHE ZELENSKY S'È LAMENTATO CON BRUXELLES). MA NON SARA' POSSIBILE FINANZIARE L'UCRAINA A LUNGO – DOPO IL CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE DI META' OTTOBRE E LE ELEZIONI DI MIDTERM AMERICANE, ASSESTATI I DUE BLOCCHI GEOPOLITICI, SARA' IL CASO DI INTAVOLARE SERIAMENTE UNA TRATTATIVA DI PACE...