SI FA PRESTO A DIRE ENEL - GLI INVESTITORI E I FONDI INTERNAZIONALI VOGLIONO CAPIRE QUALI SIANO LE STRATEGIE DEL NUOVO AD FLAVIO CATTANEO - LA SOCIETA’ ELETTRICA CONTINUERÀ A PUNTARE TUTTO SULLA TRANSIZIONE ECOLOGICA? IN CHE MODO RIDURRÀ IL SUO DEBITO DA 60 MILIARDI DI EURO? E COSA NE FARÀ DEGLI INVESTIMENTI ALL’ESTERO, A PARTIRE DA QUELLI NEGLI STATI UNITI, VISTO CHE CATTANEO SOSTIENE CHE SIA “DOVEROSO COSTRUIRE UNA FILIERA TUTTA ITALIANA” E BADARE ALL’INTERESSE NAZIONALE?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marco Dell'Aguzzo per https://www.startmag.it

 

PAOLO SCARONI FLAVIO CATTANEO PAOLO SCARONI FLAVIO CATTANEO

I cambiamenti in Enel agitano gli investitori, ma il Tesoro li rassicura: niente stravolgimenti su rinnovabili e dividendi, e impegno per la riduzione del debito. Ma che ne sarà della presenza all’estero, dopo le recenti parole di Cattaneo? Enel continuerà a puntare tutto sulla transizione ecologica? In che modo ridurrà il suo debito? E cosa ne farà degli investimenti all’estero, a partire da quelli negli Stati Uniti?

 

Sono i tre grandi interrogativi degli azionisti della società elettrica, una delle più grandi al mondo […]

flavio cattaneo italo flavio cattaneo italo

 

LE DELEGHE DI SCARONI E CATTANEO

Al presidente Scaroni è stato assegnato il ruolo di supervisore sulle attività di audit e sull’applicazione delle norme di corporate governance relative alle attività del consiglio di amministrazione. Ha anche l’incarico di intrattenere rapporti con le istituzioni e le autorità, in coordinamento con l’amministratore delegato.

 

Cattaneo si è visto conferire tutti i poteri per l’amministrazione, “a eccezione” […] “di quelli diversamente attribuiti dalla normativa applicabile, dallo statuto sociale o mantenuti dal consiglio di amministrazione nell’ambito delle proprie competenze”.

francesco starace foto di bacco (2) francesco starace foto di bacco (2)

 

I TIMORI DEGLI INVESTITORI

Gli investitori – al di là del ministero dell’Economia, che ne possiede il 23,6 per cento e ha rimodellato il board a suo piacere – aspettano ora di conoscere la visione della nuova dirigenza di Enel. Per rassicurarli, il Tesoro […] ha detto loro […]: nessuna inversione di marcia rispetto alla linea generale tracciata da Starace.

 

[…] gli investitori di Enel temono tre cose. La prima è il debito, che a fine 2022 ammontava a circa 60 miliardi di euro, contro i 45,5 miliardi di soli due anni prima. La seconda è che la nuova amministrazione possa rivedere drasticamente la strategia sulle energie rinnovabili. Il terzo timore è una maggiore concentrazione di Enel sul mercato italiano a scapito della presenza internazionale (e in particolare nordamericana).

 

I PIANI DI ENEL SULLE RINNOVABILI

PAOLO SCARONI ENEL PAOLO SCARONI ENEL

A fine 2021 Enel aveva annunciato l’intenzione di spendere 70 miliardi di euro nelle fonti rinnovabili, con l’obiettivo di portare la propria capacità a 129 gigawatt entro il 2030 (oggi ha quasi 60 GW), più altri 70 miliardi nell’espansione e nell’aggiornamento delle reti elettriche, in modo da poter collegare gli impianti con gli utenti finali. […] Parallelamente all’espansione delle rinnovabili, Enel conta di abbandonare la generazione a carbone entro il 2027 e quella a gas naturale entro il 2040. Sempre entro il 2040, punta ad abbandonare le attività di vendita al dettaglio del gas. Nel giro di nemmeno vent’anni, dunque, dovrebbe raggiungere una condizione di carbon-free.

 

I PIANI PER LA RIDUZIONE DEL DEBITO

gigafactory catania gigafactory catania

[…] Nel periodo gennaio-marzo 2023 il debito di Enel è sceso a 58,9 miliardi, rispetto ai circa 60 di fine 2022. Per la fine dell’anno corrente la società vorrebbe portarlo sui 51-52 miliardi. Per raggiungere l’obiettivo, ha avviato un processo di dismissione di attività 21 miliardi di euro in tutto: le cessioni già chiuse ammontano a quasi 11 miliardi, mentre quelle attese per i prossimi mesi si aggirano sui 7 miliardi.

 

IL FASTIDIO DI CATTANEO PER GLI INVESTIMENTI ALL’ESTERO

La strategia 2023-2025 di Enel prevede […] la focalizzazione su sei mercati chiave in Europa e nelle Americhe: ovvero Italia, Spagna, Stati Uniti, Brasile, Cile e Colombia.

francesco starace gigafactory enel catania francesco starace gigafactory enel catania

Il mercato più interessante per gli investitori internazionali della società è quello nordamericano, visti i generosi incentivi pubblici alle energie pulite contenuti nella legge Inflation Reduction Act. […]

 

I piani americani di Enel, tuttavia, infastidiscono il nuovo amministratore delegato Flavio Cattaneo. Qualche settimana fa ha dichiarato infatti al Foglio che “è doveroso costruire una filiera tutta italiana che includa anche la produzione nazionale di pannelli […]”. Non esattamente quello che gli azionisti vogliono sentire.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP