SIAMO UOMINI O GENERALI? – MENTRE CALTAGIRONE METTE IN CASCINA UN ALTRO 0,09% DEL CAPITALE DI GENERALI, ARRIVA LA TREGUA TRA MEDIOBANCA E DEL VECCHIO: ALL’ASSEMBLEA DEL 28 OTTOBRE NON CI SARANNO “PROGETTI ALTERNATIVI” DI RIFORMA DELLO STATUTO. SALTA IL VINCOLO CHE CONSENTE SOLO AI DIRIGENTI DELLA BANCA DI GUIDARE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COSÌ DA PERMETTERE AL MERCATO E AI FONDI DI INVESTIMENTO DI AVERE PIÙ SPAZIO NEL FUTURO DELLA BANCA…

-

Condividi questo articolo


Da “Libero Quotidiano”

 

francesco gaetano caltagirone philippe donnet francesco gaetano caltagirone philippe donnet

Una goccia alla volta per far saltare il muro di resistenza attorno all'attuale governance di Generali. Ieri, rispettando il copione dell'alternanza, è toccato a Francesco Gaetano Caltagirone annunciare di aver messo in cascina un altro po’ di azioni del gruppo assicurativo. Ha acquistato lo 0,09% del capitale sociale, salendo così al 6,56%. Il patto di consultazione siglato con Leonardo Del Vecchio e Fondazione Crt sale raggiunge così il 13,19%. Il derby di Trieste richiederà ancora tempo prima della conclusione.

LEONARDO DEL VECCHIO NAGEL LEONARDO DEL VECCHIO NAGEL

 

 C'è invece un piccolo armistizio su Mediobanca che di Generali resta l'azionista di maggioranza potendo votare in assemblea con il 17,2%. La tregua riguarda proprio la governance della banca d'affari. All'assemblea del 28 ottobre non ci saranno progetti alternativi per quanto riguarda la riforma dello statuto. Le richieste di Leonardo Del Vecchio sono confluite nell'emendamento elaborato dal consiglio d'amministrazione. Salterà il vincolo che consente solo ai dirigenti della banca di guidare anche il consiglio d'amministrazione.

mediobanca nagel mediobanca nagel

 

 E' la regola su cui si basano le deleghe del presidente Renato Pagliaro, dell'amministratore delegato Alberto Nagel e al direttore generale Francesco Vinci. L'altra proposta consentirà al mercato e, in particolare ai fondi d'investimento, di avere maggiore spazio nel futuro della banca. La modifica favorisce una costruttiva 'diversity' di tipologia di soci rappresentati in consiglio e assicura agli investitori istituzionali, di avere un amministratore anche se la lista da loro presentata ottenesse voti inferiori a quelli delle altre liste di minoranza.

Donnet Caltagirone Del Vecchio Donnet Caltagirone Del Vecchio Renato Pagliaro Renato Pagliaro

 

 

Condividi questo articolo

business

RETROSCENA SUL NAUFRAGIO MPS-UNICREDIT – CON IL SUO “VAFFA” AL TESORO ANDREA ORCEL AVRA' SALVATO UNICREDIT MA SI È GIOCATO, DOPO MILANO, ANCHE LA BENEVOLENZA DEI PALAZZI ROMANI PER EVENTUALI ACQUISIZIONI, A PARTIRE DA BPM. NON È UN CASO CHE ORCEL ABBIA SPOSTATO ALL’ESTERO LE SUE BRAME: LA FRANCESE SOCIÉTÉ GENERALE E LA SPAGNOLA BBVA – L’IRA DI DRAGHI: IL DG DEL TESORO RIVERA DOVEVA ACCORGERSI PRIMA DEGLI OSTACOLI CHE HANNO FATTO SALTARE LA TRATTATIVA - PATETICO INCONTRO TRA RIVERA E CASTAGNA PER SPINGERE BPM A SCIROPPARSI GLI SCARTI DI MPS RIFIUTATI DA ORCEL - SI APRE LA VIA DEL TERZO POLO?