ALLA SILICON VALLEY CONVIENE VOTARE TRUMP - I DEMOCRATICI VOGLIONO FARE A PEZZI I GIGANTI DI INTERNET: IL RAPPORTO DELLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DECRETA CHE AMAZON, APPLE, FACEBOOK E GOOGLE HANNO ESERCITATO UNA FORMA DI MONOPOLIO. CHIEDONO LA RIFORMA DELLE NORME ANTITRUST E NON ESCLUDONO DI VOLER FARE UNO SPEZZATINO DI QUESTE COMPAGNIE. I REPUBBLICANI CONCORDANO SULLE PRATICHE SCORRETTE MA NON SULLA SOLUZIONE ''SPACCATUTTO''

-

Condividi questo articolo


Paolo Mastrolilli per www.lastampa.it

 

mark zuckerberg mark zuckerberg

Fosse per loro, le farebbero a pezzi. Come era accaduto con i grandi monopoli del petrolio, le ferrovie o il telefono. Stiamo parlando delle compagnie digitali della Silicon Valley, che sono finite nel mirino dei deputati democratici. Non stanno simpatiche neppure ai repubblicani, che le accusano di avere pregiudizi contro il loro messaggio politico, ma il Gop è meno duro sui rimedi.

 

Dopo un'indagine durata 15 mesi sulle pratiche di questi colossi, i membri della Commissione Giustizia della Camera dei deputati Usa sono arrivati alla conclusione che Amazon, Apple, Facebook e Google hanno esercitato una forma di monopolio. Perciò chiedono una riforma delle norme antitrust degli Stati Uniti, e arrivano a prospettare la necessità di fare uno spezzatino di queste compagnie.

 

Il rapporto conclusivo è lungo 449 pagine, ed è stato presentato dalla presidenza democratica della Commissione, guidata da Jerrold Nadler. Il documento sottolinea che le società indagate hanno abusato della loro posizione dominante, dettando i prezzi e le regole nei campi in cui operano. Secondo il New York Times, che ha rivelato per primo la notizia, i legislatori hanno chiesto di ripristinare la concorrenza attraverso ristrutturazioni e ostacolando le acquisizioni.

BEZOS ZUCKERBERG PICHAI COOK BEZOS ZUCKERBERG PICHAI COOK

 

Si tratterebbe della più grande modifica delle leggi del settore dai tempi dell’Hart-Scott-Rodino Act del 1976, e non si esclude che la soluzione richieda di dividere le aziende digitali. «Le prove prodotte durante questa indagine dimostrano l'urgente necessità di un’azione legislativa e di riforma. Queste aziende hanno troppo potere e bisogna frenarlo, sottomettendolo a controlli».

 

I repubblicani condividono le critiche all’operato dei colossi della Silicon Valey, ma non i rimedi, perché non vogliono interferire con il loro modello di business. In più sono risentiti soprattutto perché accusano queste aziende di avere un pregiudizio politico contro le posizioni conservatrici, che censurano. I democratici però non vogliono prendere in considerazione questo aspetto, e quindi non c’è una convergenza bipartisan che lasci intravedere la possibilità di prendere iniziative legislative concrete, almeno fino a quando non cambieranno gli equilibri in Congresso, dove un partito controlla la Camera e l’altro il Senato.

IL FAKE AD DI ELIZABETH WARREN SU TRUMP E ZUCKERBERG IL FAKE AD DI ELIZABETH WARREN SU TRUMP E ZUCKERBERG

 

Le aziende prese di mira intanto hanno reagito, sostenendo che non gestiscono un monopolio, e la loro attività è stata benefica al progresso degli Stati Uniti e alla crescita dell’economia.

 

Condividi questo articolo

business

COSE MAI VISTE: IL SOTTOSEGRETARIO CON DELEGA ALL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA, ALESSIO BUTTI, A BORSE APERTE BOLLA COME “FANTASIA” L’IPOTESI DI UN’OPA TOTALITARIA SU TUTTA TIM (PREVISTA DAL SUO “PIANO MINERVA” E FA CROLLARE IL TITOLO DI TELECOM – L’UNICA COSA CERTA, AL MOMENTO, È CHE IL MEMORANDUM DI MAGGIO CDP-OPEN FIBER È CARTA STRACCIA – LE IPOTESI SONO DUE: UN’OPA PARZIALE (CHE PERÒ RICHIEDE IL VIA LIBERA DI VIVENDI) E LO SPIN-OFF DELLA RETE CON SCISSIONE PROPORZIONALE DEL TITOLO…

I RELIGIOSI VADANO A PREGARE, SUI SOLDI MEGLIO I LAICI – PAPA FRANCESCO NOMINA PREFETTO DELLA SEGRETERIA PER L'ECONOMIA IL MANAGER MAXIMINO CABALLERO LEDO - È IL SECONDO LAICO CHE PRENDE LA GUIDA DI UN MINISTERO DELLA SANTA SEDE - LA SEGRETERIA, NATA NEL 2014, DOPO LA CONTROVERSA GESTIONE DEL CARDINALE GEORGE PELL, HA INTRODOTTO NOVITA’ COME IL CODICE DEGLI APPALTI, LA GESTIONE DELLE "MATERIE RISERVATE", IL NUOVO CODICE PER GLI INVESTIMENTI FINANZIARI, L'ACCENTRAMENTO DELLE RISORSE DELLA SANTA SEDE (CIRCA 2 MILIARDI) NELL'APSA (E AFFIDATE IN GESTIONE ALLO IOR)

DAGOREPORT - CHE CI FACEVA ALESSANDRO MICHELE, FRESCO DI DIVORZIO GUCCI, NEI PRESSI DELLA SEDE ROMANA DI BULGARI, CELEBERRIMA MAISON DI ALTA GIOIELLERIA? – COSA C’ENTRA CON ANELLI E COLLIER LO STILISTA CHE HA IMPOSTO IL GENDER FLUID SULLA SCENA DEL TAGLIA E CUCI? INVECE, ESISTE UN GUCCI GIOIELLI - I RUMORS SPIFFERANO CHE L’OFFERTA DI BULGARI PER MICHELE SAREBBE CONCRETA MA, A QUANTO PARE, NON ANCORA CORRISPOSTA. IL NUOVO DIRETTORE ARTISTICO DI GUCCI DOVREBBE ARRIVARE PRIMA DI NATALE. E IL NOME CHE CIRCOLA È QUELLO DEL BRAVISSIMO JW ANDERSON…

“È STATA SUZANNE HEYWOOD, PUPILLA DI JOHN ELKANN, A COSTRUIRE LA TRAPPOLA IN CUI È CADUTO ANDREA AGNELLI” – GIGI MONCALVO RICOSTRUISCE IL SILURAMENTO DEL PRESIDENTE DELLA JUVENTUS: “NON SI È DIMESSO, È STATO ‘DIMESSO’, LO HANNO COSTRETTO AD ANDARSENE, SI È TROVATO IN MINORANZA NEL CONSIGLIO (SI PARLA DI SEI VOTI CONTRO, UN INDECISO A TUTTO, PAVEL NEDVED, E SOLO DUE A FAVORE, LO STESSO AGNELLI E IL SUO FEDELE FRANCESCO RONCAGLIO). SI ERA PRESENTATO PIENO DI CERTEZZE E SICURO DI SFANGARLA UN'ALTRA VOLTA. CONTAVA SUL FATTO CHE IL CUGINO JOHN ELKANN NON VOLESSE AFFONDARE IL COLPO DECISIVO. MOLTI DEI CONSIGLIERI COVAVANO DENTRO DI SÉ DA MESI, FORTI DI AUTOREVOLI PARERI LEGALI, IL TIMORE DI FINIRE NEI GUAI CON LA MAGISTRATURA PER AVER ‘ACCOMPAGNATO’ ANDREA NELLE SUE ‘ACROBAZIE’ ED ERANO PRONTI AD ABBANDONARLO…”