IL SISTEMA BANCARIO MONDIALE È APPESO A UN TWEET? – IL 12 MARZO SCORSO, ALLE 13:29, L’IMPRENDITORE TEDESCO KIM DOTCOM, CHE VANTA 1,3 MILIONI DI FOLLOWER, SCRIVE: “CORRETE IN BANCA! PORTATE VIA I VOSTRI SOLDI!”. IL TWEET, RILANCIATO 4.000 VOLTE PER 2,5 MILIONI DI VISUALIZZAZIONI, DÀ IDEALMENTE IL VIA A 36 ORE DI PANICO CHE PORTERANNO AL FALLIMENTO DI SILICON VALLEY BANK. PER ALCUNI ANALISTI IL PRIMO CRAC FINANZIARIO CAUSATO DAI SOCIAL – IL NUMERO UNO DI CITIGROUP AMMETTE: “SONO BASTATI UN PAIO DI TWEET E…

-

Condividi questo articolo


Estratto dekll'articolo di Argangelo Rociola per www.lastampa.it

 

silicon valley bank 1 silicon valley bank 1

«Correte in banca! Portate via i vostri soldi!». Ore 13:29 del 12 marzo. Su Twitter compare questa frase. L’autore è Kim Dotcom (al secolo Kim Schmitz). È un imprenditore tedesco ma soprattutto, con 1,3 milioni di follower, una delle voci più seguite nel mondo dell’economia digitale. Sul social il suo è tra i primi messaggi di allarme su Silicon Valley Bank (Svb).

 

Il suo tweet è stato rilanciato 4.000 volte per 2,5 milioni di visualizzazioni. Rivela a tutti i timori che imprenditori e investitori si stavano scambiando su WhatsApp nelle ore precedenti. Il suo messaggio dà idealmente il via a 36 ore di panico che porteranno al fallimento della banca delle startup. Uno dei più veloci di sempre. Il primo nato sui social.

 

silicon valley bank silicon valley bank

Per alcuni il primo crac finanziario di una banca causato dai social. Perché dopo quel tweet ne sono seguiti altri. Centinaia di migliaia di altri. Tutte declinazioni dello stesso messaggio: Svb sta fallendo, correte ai ripari.

 

[…] Una fotografia efficace l’ha data il numero uno di Citigroup, Jane Fraser, durante un’intervista a Bloomberg: «È una novità assoluta rispetto a quanto abbiamo visto finora. Sono bastati un paio di tweet e la situazione è precipitata molto più velocemente di quanto sia mai accaduto nella storia». […]

 

silicon valley bank silicon valley bank

Giusto il tempo che serve per passare dalla app di Twitter a quella del proprio conto corrente e portare via i soldi. Tanti soldi: 42 miliardi che hanno svuotato Svb e avviato una crisi che si è allargata a Credit Suisse, First Republic Bank e Deutsche Bank. Finora.

 

È vero, il mondo della finanza ha già dovuto fare i conti con i fenomeni nati sui social. Nel 2021 su Reddit un gruppo di piccoli investitori aveva dichiarato guerra ai fondi speculativi che avevano scommesso sul fallimento di GameStop, una catena di videogiochi, causando loro decine di milioni di perdite. Così come profili molto seguiti su Twitter hanno determinato negli anni rialzi e crolli delle criptovalute. Elon Musk ne è un esempio. Ma il caso Silicon Valley Bank è molto più delicato. Allarga la partita. E allarma istituti di credito e banche centrali.

 

CREDIT SUISSE UBS CREDIT SUISSE UBS

Sia la Banca centrale europea quanto il Tesoro statunitense stanno monitorando con attenzione la velocità con cui si stanno trasferendo i rischi. Anche in virtù della volatilità dei mercati. […]

 

[…] Venerdì il rally sul fronte creditizio è derivato dalla presa di posizione sui Credit default swap (Cds), le polizze assicurative contro il fallimento di un titolo, già note per essere state fondamentali nella copertura dei rischi da parte degli operatori nel corso della crisi di Lehman Brothers.

credit suisse crollo del titolo in borsa credit suisse crollo del titolo in borsa

 

Nel caso di DB, così come è stato per Paradeplatz, la ricerca di protezione è stata amplificata dai social media. Secondo S&P Market Intelligence, venerdì i prezzi dei Cds sono schizzati oltre 200 punti base dai 142 punti di due giorni fa. E per ottenere tale protezione, perché di assicurazione si tratta, bisogna sborsare cifre non irrilevanti.

 

Nel caso dei fondi che hanno preso Cds, si tratta di milioni di dollari “upfront”, ovvero anticipati. Pochi quelli che possono permetterselo: Bridgewater, Citadel, Pershing, Man Group, AQR, Millennium e Farallon sono tra i principali indiziati. Su Reddit, così come sulle chat di Telegram per i trader, si parla già della prossima vittima. Gli occhi sono puntati, per ora, su chi ha emesso bond At1. Un mercato da 275 miliardi di dollari per l’eurozona. [...]

sede della silicon valley bank sede della silicon valley bank deutsche bank 2 deutsche bank 2 deutsche bank 1 deutsche bank 1 silicon valley bank 1 silicon valley bank 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?