STANGATA PER ZUCKERBERG! MAXI-MULTA IN USA A FACEBOOK PER IL CASO CAMBRIDGE ANALYTICA: 5 MILIARDI DI DOLLARI, LA PIÙ ALTA DI SEMPRE A UNA SOCIETÀ HI-TECH - L’AUTHORITY DEL SETTORE HA SANZIONATO CON IL MASSIMO DELLA PENA LA VIOLAZIONE DELLA PRIVACY - L'INDAGINE INIZIATA NEL 2018 QUANDO FU SCOPERTO CHE CAMBRIDGE ANALYTICA ERA VENUTA IN POSSESSO DEI DATI DI CIRCA 87 MILIONI DI UTENTI PER SCOPI POLITICI. NEL 2012 GOOGLE ERA STATO SANZIONATO CON 22,5 MILIONI DI DOLLARI PER VIOLAZIONE DELLA PRIVACY

-

Condividi questo articolo

Da www.ilfattoquotidiano.it

 

MARK ZUCKERBERG MARK ZUCKERBERG

Massimo della pena. Ovvero una stangata da 5 miliardi di dollari si abbatte su Facebook per aver violato le norme sulla privacy nel caso Cambridge Analytica. La multa – secondo quanto riporta il Wall Street Journal – è stata decisa dalla Federal Trade Commission (Ftc), l’autorità del settore, ed è la più pesante mai comminata contro una società hi-tech. L’authority aveva cominciato ad indagare nel marzo 2018 quando fu scoperto che Cambridge Analytica era venuta in possesso dei dati di circa 87 milioni di utenti Facebook per scopi politici.

 

Cambridge Analytica Cambridge Analytica

 

“Zuckerberg deve dimettersi”. Investitori e fondi pensione premono dopo gli scandali

Finora la multa più salata contro un’azienda hi-tech per violazione della privacy era quella inflitta a Google nel 2012, pari a circa 22,5 milioni di dollari. Facebook aveva già accantonato nei conti del primo trimestre dell’anno una cifra di 3 miliardi di dollari per far fronte alla prevista sanzione. La decisione di punire Mark Zuckerberg è stata presa a maggioranza dalla Ftc, con i repubblicani che hanno votato a favore e i democratici contro. La decisione passerà ora all’esame del Dipartimento di giustizia.

mark zuckerberg 1 mark zuckerberg 1 Cambridge Analytica Cambridge Analytica L AZIONE DI FACEBOOK DOPO CAMBRIDGE ANALYTICA L AZIONE DI FACEBOOK DOPO CAMBRIDGE ANALYTICA Cambridge Analytica Cambridge Analytica mark zuckerberg mark zuckerberg

 

Condividi questo articolo

business

ITALIA DA RECOVERY – È ARRIVATA LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: IL FONDO DIVENTA DA 750 MILIARDI: 500 IN ‘GRANTS’, CIOÈ STANZIAMENTI A FONDO PERDUTO (IN TEORIA) E 250 IN ‘LOANS’, CIOÈ PRESTITI – PER L’ITALIA LA QUOTA TOTALE È DI 172 MILIARDI, DI CUI 82 DI 'SUSSIDI'. TOGLIENDO I 56 CHE VERSIAMO ALL’UE FANNO 26 MILIARDI IN TRE ANNI. SENZA CONTARE LA QUOTA PARTE DI GARANZIA DEI PRESTITI – QUALCHE CONDIZIONALITÀ CI SARÀ PER FORZA, INFATTI LA COMMISSIONE HA GIÀ RIVOLTO QUATTRO ‘RACCOMANDAZIONI’ SPECIFICHE ALL’ITALIA – E L’OLANDA FRENA: “I NEGOZIATI SARANNO LUNGHI”

IL NORD PAPPA TUTTO - QUATTRO REGIONI FANNO RAZZIA DEI PRESTITI CON GARANZIA PUBBLICA: LOMBARDIA, PIEMONTE, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA SI ASSICURANO OLTRE LA META' DEI FINANZIAMENTI - MA LA FABI DI SILEONI LANCIA L'ALLARME ROSSO: “AL SUD RESTANO LE BRICIOLE E C'E' RISCHIO USURA” - NON C'E' PROPORZIONE TRA CREDITI E PRESENZA SUL TERRITORIO DI PMI - AL NORD C'E' IL 38% DI PMI E PARTITE IVA CHE INTASCA IL 50,7% DELLA LIQUIDITA' PROTETTA DALLO STATO, MENTRE NEL CENTRO-SUD, CON IL 62%, I FINANZIAMENTI SI FERMANO AL 49%...

CAIRO-BLACKSTONE 1 A 0 – IL COLLEGIO ARBITRALE DI MILANO HA EMANATO UN PRIMO PARERE SULLA VENDITA DELLA SEDE DI VIA SOLFERINO – HA “ESCLUSO L’INVALIDITÀ DEI CONTRATTI CON CUI È STATA CONCLUSA L’OPERAZIONE” MA CONTESTUALMENTE “HA RILEVATO CHE IL COMPORTAMENTO DELL’ACQUIRENTE POTREBBE DARE LUOGO AL RISARCIMENTO DEL DANNO IN FAVORE DI RCS” – IN PIÙ, HA CONFERMATO CHE L’ITALIA È LA SEDE COMPETENTE DOVE DECIDERE LA CONTROVERSIA (DIVERSAMENTE DA QUANTO SOSTIENE BLACKSTONE)