STATE BONI, ANZI BONOMI! – IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA, CARLO BONOMI, PRIMA RANDELLA LA BCE (“POTREBBE MIGLIORARE QUALCOSA NELLA SUA COMUNICAZIONE, SPAVENTA COME VENGONO COMUNICATE LE DECISIONI”) E POI IL COMMISSARIO EUROPEO FRANS TIMMERMANS IN MERITO ALLA TRANSIZIONE AI VEICOLI ELETTRICI:  “QUESTE SCELTE CHE SPIAZZANO INTERI SETTORI INDUSTRIALI PORTANO IL SUO NOME”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di F. Sp. da “la Stampa”

 

IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA CARLO BONOMI IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA CARLO BONOMI

Sarà che gli imprenditori sono «ottimisti per natura». Ma il numero uno di Confindustria, Carlo Bonomi, è netto: «Non vedo la recessione, non ci sono i numeri». Al contrario «siamo moderatamente positivi». Ci sono però tre condizioni perché la profezia si avveri: «La prima è che non ci sia una nuova fiammata nei costi energetici, che si facciano giusti interventi di politica industriale e che si affrontino le sfide delle transizioni a livello europeo», spiega intervenendo al 29° congresso di Assiom-Forex a Milano.

 

TIMMERMANS HA UN CETRIOLONE PER VOI TIMMERMANS HA UN CETRIOLONE PER VOI

L'inflazione, secondo Confindustria, scenderà «in maniera importante» soprattutto a partire da settembre. Il rialzo dei tassi della Bce preoccupa molto meno di quanto si possa immaginare. «Probabilmente qualcuno si era illuso di poter vivere con interessi negativi, il che era impensabile. Non vedo quale sia il problema di un tasso al 3% per un'azienda sana».

 

Piuttosto «credo che la Bce potrebbe migliorare qualcosa nella sua comunicazione: quello che spaventa è come vengono comunicate le decisioni». Quanto a possibili strette al credito «non ne vedo i motivi. Il sistema è liquido, le imprese sono liquide». Bonomi critica invece la politica delle transizioni in Europa, ad esempio quella che porterà (o dovrebbe portare) lo stop ai motori endotermici a partire dal 2035.

 

Dopodomani. «Qui è venuto meno lo spirito dell'Ue, quello di fare transizioni in neutralità tecnologica. Ci si è spinti invece su scelte ben precise, e questo sta condizionando fortemente l'industria europea». Invece la sostenibilità ambientale, per Bonomi, «non può venir meno a quella economica e sociale». La transizione ai motori elettrici «vuol dire che alcune filiere dell'industria italiana di qui al 2035 saranno messe fuori gioco».

 

carlo bonomi atreju 2021 carlo bonomi atreju 2021

E ancora: ora si privilegia il riuso al riciclo, quando le imprese italiane hanno investito su quest'ultimo e sono leader europee. «Sono scelte che si spiegano con un nome: Frans Timmermans, un commissario che sceglie di venir meno al principio della neutralità tecnologica. Peccato che spiazzi interi settori industriali e paesi». Infine il Pnrr. Per Bonomi il vero obiettivo, al di là di inserire 200 miliardi nell'economia, «è intervenire sulle riforme, mai fatte, si diceva, perché non c'erano i soldi. Ora ci sono e non ci sono più scuse. Le riforme contano più dei miliardi».

ursula von der leyen frans timmermans ursula von der leyen frans timmermans frans timmermans frans timmermans

 

Condividi questo articolo

business

IL GOVERNO HA SETTE GIORNI PER NON PERDERE 19 MILIARDI DEL PNRR – PER INCASSARE LA TERZA RATA DEL RECOVERY, ENTRO FINE MESE L'ITALIA DEVE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI RICHIESTI SUGLI INVESTIMENTI. SU 221 MILIARDI MESSI SUL TAVOLO DA BRUXELLES, OGGI È STATO SPESO SOLO IL 27,9% DEL TOTALE: BISOGNA ARRIVARE ALMENO AL 39% (ALL'APPELLO MANCANO DUNQUE 25,7 MILIARDI) – STENTANO I PROGETTI SU INFRASTRUTTURE, TRANSIZIONE ECOLOGICA E SCUOLA. MENTRE SONO STATI RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI SULLE RIFORME...

LAGARDE, ASCOLTA BENE PANETTA – IL MEMBRO ITALIANO DEL BOARD DELLA BCE, FABIO PANETTA, TORNA A CHIEDERE CAUTELA ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA SULLA POLITICA MONETARIA: “LA NOSTRA STRETTA VA CALIBRATA CON PRUDENZA, PERCHÉ STA GIÀ AVENDO UN FORTE IMPATTO E VOGLIAMO EVITARE VOLATILITÀ INDESIDERATA” – TRADOTTO, COME GIÀ HANNO FATTO CAPIRE ANCHE IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E PRIMA DI LUI IL MINISTRO CROSETTO, LA POLITICA DI RIALZO DEI TASSI NON PUÒ CONTINUARE PER SEMPRE (ANZI, PRIMA FINISCE, MEGLIO È)