STELLANTIS TRANSALPINA - SE AVEVATE ANCORA DUBBI SU CHI COMANDA DOPO LA FUSIONE PSA-FCA SAPPIATE CHE DEI 120 NUOVI MANAGER DELLA SQUADRA ACQUISTI SOLO UNA DOZZINA SONO ITALIANI, LA METÀ DI QUELLI FRANCESI - GLI EXECUTIVE RIPORTANO TUTTI AL CAPO PURCHASING E LOGISTICA, MICHELLE WEN - NELLA PLANCIA DI COMANDO RIMANE MONICA GENOVESE, EX CAPO ACQUISTI EMEA DI FIAT CHRYSLER E UNO DEI VOLTI PIÙ NOTI ALLE IMPRESE PIEMONTESI CHE GESTISCONO ORDINI E COMMESSE PER STELLANTIS…

-

Condividi questo articolo


CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS

Christian Benna per www.corriere.it

 

Stellantis schiera in campo la nuova squadra acquisti & supply chain del gruppo automotive: 120 manager di prima linea e con portafoglio pesante, una dozzina circa quelli italiani, il doppio, i francesi. I nomi e i ruoli degli executive freschi di nuovi incarichi, comunicati tra il 30 aprile e il primo maggio, sono in questi giorni studiati con attenzione, quasi compulsivamente, dalla filiera dei fornitori italiani dell’indotto auto.

michelle wen michelle wen

 

Perché si tratta dei manager che faranno la «spesa» di componenti per i 14 marchi della multinazionale, le nuove interfacce di chi vorrà lavorare con Stellantis. Nomine che non interessano solo gli addetti ai lavori, le imprese dell’indotto auto, ma che sono decisive anche per il riassetto della supply chain Stellantis, nei giorni in cui la carenza di semiconduttori ha ridotto dell’11% le consegne: circa 190 mila vetture in meno, come evidenziato dalla trimestrale 2021 di Stellantis.

 

Su un centinaio di executive freschi di nomina, che riportano tutti al capo Purchasing e logistica Michelle Wen, la presenza di manager italiani arriva a una dozzina circa. Ma si tratta di una squadra internazionale, con manager provenienti dai quattro angoli del pianeta, che dovrà gestire, nel campo degli acquisti, la transizione del mondo auto: verso l’elettrificazione del 98% dei modelli previsto entro il 2025 e l’arrivo di quattro nuove piattaforme produttive.

carlos tavares carlos tavares

 

Nella plancia di comando acquisti & supply chain del nuovo gruppo rimane uno dei volti più noti alle imprese piemontesi che gestiscono ordini e commesse per Stellantis. L’ex capo acquisti Emea di Fiat Chrysler Monica Genovese si occuperà del purchasing della componentistica per chassis & adaptation dei veicoli.

monica genovese monica genovese

 

Poi ci sono Zaira Tarussio che assume il ruolo di responsabile dei programmi globali Pwt, e riporterà direttamente a Veronique Morel; Marco Della Vedova, alla guida di Global Exterior Parts; Paolo Sasso a capo di Adas (Advance driver assistence) e connettivity; Piera Giusti all’Aftermarket, Federica Re, sinergy leader della supply chain; Sara Lovera, Sales e marketing, e Davide Esposito al volante degli acquisti di Maserati. Tra i ruoli apicali della nuova organizzazione che interessano i fornitori del territorio, ci sono quelli di David Mcqueen a capo degli acquisti motori Powertrain; Laurent Sellier per la qualità dei fornitori in Europa, e Marco Volrath per i progetti regionali Enlarged Europe di Stellantis.

john elkann – quotazione stellantis 1 john elkann – quotazione stellantis 1 john elknan john elknan STELLANTIS STELLANTIS stellantis stellantis

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…