STUDIA FIGLIO MIO, COSÌ UN GIORNO POTRAI DIVENTARE… PRECARIO – PERFINO AGLI STUDENTI DELLA PRESTIGIOSA UNIVERSITÀ DI OXFORD TOCCA UN TRAVAGLIATO INGRESSO NEL MONDO DEL LAVORO. TRA CHI DI LORO DECIDE DI CONTINUARE IL PERCORSO ACCADEMICO POST-LAUREA CON UN DOTTORATO NON VEDRÀ VERSATO NEANCHE UN CONTRIBUTO PER LA PENSIONE. CONGEDI E MATERNITÀ RIMANGONO UN MIRAGGIO PER I RICERCATORI ASSUNTI CON UN CONTRATTO A TEMPO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Benedetta Cosmi per “la Stampa”

 

lavoratori precari proteste lavoratori precari proteste

Partiamo da Oxford. Per capire cosa sta succedendo alle Università. Ce l’abbiamo sotto gli occhi, in Italia, la precarietà e i giovani che si sentono respinti. Ma andiamo dove non ci aspetteremmo di trovare «la miccia», nel prestigio di una istituzione, che non si sarebbe potuta permettere la «Gig economy accademica».  Quella «economia dei lavoretti» che incastra una intera generazione di studiosi, «senza previdenza, assistenza, congedi di maternità».

 

lavoratori precari proteste lavoratori precari proteste

Le borse di dottorato, anche in Italia, legalmente non sono un compenso per un lavoro svolto, anche se sono state una lunga copertura a compiti extra, dalla didattica ai laboratori (impiegate per supplire il personale amministrativo). Hanno lasciato anni di buchi contributivi nelle vite dei trentenni, bisogna avere il coraggio di rifletterci.  […]

 

Le università iscrivono sempre più studenti ai corsi post-laurea, sostenuti dalle ingenti tasse di giovani e famiglie nazionali e internazionali, generando liquidità, senza la necessità di grossi investimenti. Mentre un numero massiccio di ricercatori ha «contratti a tempo», come diretta conseguenza del modello di finanziamento della Ricerca» […]

lavoro precario 6 lavoro precario 6

 

 Ad Oxford dal 2006 al 2021 il numero di studenti «post-laurea» è quasi raddoppiato ma a sorreggere il sistema è chi non potrà pagare gli studi ai figli, anzi al momento non ne fa.

oxford 1 oxford 1 oxford oxford

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?