TAROCCATA A SUA INSAPUTA - "REPORT": PER COMPRARE IL 37,5% DI ALITALIA NEL 2019, CLAUDIO LOTITO PRESENTÒ UNA LETTERA FALSA DEL BANCO SANTANDER A GARANZIA DI UN INVESTIMENTO DI 375 MILIONI - A SMENTIRNE L'AUTENTICITA? E? STATO L'ISTITUO SPAGNOLO E IL PRESIDENTE DELLA LAZIO HA SPIEGATO: "LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ NON L'HO FATTA IO MA UNA BANCA D'AFFARI. VORRÀ DIRE CHE È STATA FATTA UNA TRUFFA AI NOSTRI DANNI" - RANUCCI: "MA CHI HA PREPARATO QUEL FALSO? SAREBBE IMPORTANTE SCOPRIRLO PERCHÉ POTREBBE ESSERE IN GRADO DI PREPARARNE ALTRI..."

-

Condividi questo articolo


Stefano Agresti per www.corriere.it

 

MEME SULL INGRESSO DI LOTITO IN ALITALIA MEME SULL INGRESSO DI LOTITO IN ALITALIA

Una lettera con l'intestazione del Banco di Santander, a garanzia di un investimento di 375 milioni per acquistare il 37,5% delle azioni di New Alitalia, la società che avrebbe gestito la compagnia aerea. L'ha presentata Claudio Lotito, presidente della Lazio, nel luglio 2019. Solo che – secondo quanto denunciato dalla trasmissione Report di Rai 3, che andrà in onda stasera – quel documento sarebbe falso.

 

Racconta così il conduttore Sigfrido Ranucci nella puntata in programma alle 21,20: «Dopo l'esperienza fallimentare degli arabi, Alitalia era finita in procedura di amministrazione straordinaria. E il governo nel dicembre 2018 coinvolge per il salvataggio Ferrovie dello Stato, che ha il compito di trovare un partner strategico e affidabile per acquistare il 37,5% della compagnia di bandiera. Lotito e un imprenditore cui piacciono le sfide e ha dimostrato anche di poterle dominare.

 

CLAUDIO LOTITO CLAUDIO LOTITO

E convinto di poter risanare Alitalia. Presenta la sua offerta. Advisor di Ferrovie e Mediobanca. Mediobanca chiede a Lotito quanto vuole investire e con quali garanzie. Lotito risponde che avrebbe investito 375 milioni per il 37,5% delle azioni. E produce una lettera con intestazione del Banco di Santander firmata e timbrata da due funzionari.

 

Questa lettera, che porta l'intestazione del Banco Santander, non e però del Banco Santander. E quelli che l'hanno firmata non sono neppure dipendenti del Santander. E una lettera falsa. A smentirne l'autenticita e stata la stessa Santander. Lotito in merito ci scrive: il falso non l'ho preparato io».

 

meme sull'offerta di lotito per alitalia meme sull'offerta di lotito per alitalia

Aereo Lazio, la storia del 737 di Lotito: di terza mano, con 31 anni di volo (ma sicuro)

Lotito anche pubblicamente ha affermato, nel momento di maggiore difficoltà di Alitalia, di volerla risanare: ama vantarsi di avere rimesso a posto i conti disastrati della Lazio, questa sarebbe stata la sua grande sfida. E in effetti un tentativo di entrare nella nuova società lo ha fatto. Ma adesso si sente vittima per quel documento che gli è stato consegnato.

 

Nel corso della trasmissione che andrà in onda stasera, l'imprenditore romano dice: «Non ci sono problemi, perché ho dato l'incarico di fare questa cosa a una struttura. La dichiarazione di conformità non l'ho fatta io. Se non ricordo male, era una banca d'affari. Benissimo, sarà un documento falso: vorrà dire che è stata fatta una truffa ai nostri danni».

meme sull'offerta di lotito per alitalia 2 meme sull'offerta di lotito per alitalia 2

 

Lotito si sente dunque vittima, tanto che – spiega Ranucci – intende procedere a tutela della sua persona nei confronti del soggetto al quale quel documento è stato commissionato. «Ma chi ha preparato quel falso? Sarebbe importante scoprirlo perché potrebbe essere in grado di prepararne altri e di tirare pacchi di dimensione milionaria».

 

Condividi questo articolo

business

ITALIA, IL FISCO E’ UN FIASCO - CON CIRCA 800 LEGGI FISCALI IN VIGORE, SERVONO 341 PAGINE DI ISTRUZIONI PER FARE UNA DICHIARAZIONE FISCALE - LA SCARSA RISCOSSIONE E I MANCATI ACCERTAMENTI INCIDONO SULL’ATTRATTIVITÀ DEGLI INVESTIMENTI ESTERI - POI CI SONO I GIUDICI TRIBUTARI (2700), DI CUI SI DOVREBBE DISCUTERE RUOLO E COMPETENZE: METÀ DELLE SENTENZE EMESSE È RIFORMATA NEI GRADI SUCCESSIVI - QUEI 20 MICROTRIBUTI, CON GETTITO COMPLESSIVO NON SUPERIORE AI 200 MILIONI, PRIVI DI UNA CORRETTA CODIFICAZIONE E SONO DIFFICILMENTE TRACCIABILI…

GAS, CHE CAOS! - L’UNIONE EUROPEA APRE AL "CONTO K”, MA NON SI CAPISCE BENE COSA VOGLIA DIRE! MENTRE SI AVVICINANO LE SCADENZE PER I PAGAMENTI DEL GAS RUSSO, DA BRUXELLES ARRIVANO I SOLITI CHIARIMENTI CHE NON CHIARISCONO NIENTE. L’UNICA COSA CERTA È CHE SECONDO L’UE NON SI PUÒ PAGARE IN RUBLI: LA TRANSAZIONE SARÀ EFFETTIVA PRIMA DELLA CONVERSIONE DELLA VALUTA. AL CONTRARIO, IL DECRETO DEL CREMLINO INDICA COME MOMENTO IN CUI CONSIDERARE COMPIUTO IL PAGAMENTO L’EFFETTIVA CONVERSIONE, SENZA PREVEDERE UNA FINESTRA TEMPORALE. E NEL FRATTEMPO LE SOCIETÀ CHE DEVONO FARE? 

AUTO DA FÉ - LE ATTIVITÀ RUSSE DI RENAULT DA OGGI PASSANO ALLO STATO: LE AZIONI SONO STATE TRASFERITE AL GOVERNO DELLA CITTÀ DI MOSCA, E L’ISTITUTO STATALE DI RICERCA DEL SETTORE AUTOMOBILISTICO È DIVENTATO PROPRIETARIO DELLA PARTECIPAZIONE NELLA CASA RUSSA AVTOVAZ - L’ACCORDO È STATO APPROVATO DAL CDA DEL GRUPPO FRANCESE: SI PREVEDE UN’OPZIONE DI RIACQUISTO DA PARTE DEL GRUPPO RENAULT, ESERCITABILE NEI PROSSIMI 6 ANNI - L’AD, DE MEO: DECISIONE DIFFICILE MA NECESSARIA; STIAMO FACENDO UNA SCELTA RESPONSABILE NEI CONFRONTI DEI NOSTRI 45.000 DIPENDENTI IN RUSSIA…”