I TEDESCHI VOGLIONO COMPRARE “ITA” A PREZZO DI SALDO – LUFTHANSA POTREBBE RIUSCIRE AD AVERE IL CONTROLLO DELL’EX ALITALIA CON SOLO 500 MILIONI DI EURO: UN MILIARDO IN MENO RISPETTO ALL’OFFERTA FATTA A GENNAIO INSIEME A MSC. PER EVITARE LA SVENDITA, IL GOVERNO STA PROVANDO IN TUTTI I MODI A CONVINCERE APONTE A TORNARE IN TRATTATIVA. IN ALTERNATIVA, L’ALTRO PARTNER POTREBBE ESSERE FERROVIE. CHE ANCORA NON PRENDE UNA POSIZIONE UFFICIALE…

-

Condividi questo articolo


Giu.Bal. per “la Stampa”

 

lufthansa lufthansa

Nei corridoi del ministero dell'Economia, l'imperativo è riportare Msc a bordo della trattativa per la privatizzazione di Ita. Senza il colosso della famiglia Aponte, c'è il rischio concreto che la compagnia nata dalle ceneri di Alitalia passi sotto il controllo di Lufthansa per soli 500 milioni di euro: quasi un miliardo in meno, rispetto alla valorizzazione di inizio anno.

 

E così, mentre i tedeschi accelerano - con l'obiettivo di chiudere entro fine anno, in settimana sono attesi a Roma emissari della compagnia -, è al lavoro la rete diplomatica dell'intero centrodestra per convincere Msc a risedersi al tavolo.

 

ita airways 9 ita airways 9

D'altra parte la società di trasporto marittimo - merci e passeggeri - si è chiamata fuori perché «l'attuale procedura» non permetteva un reale privatizzazione. Tradotto: Msc sarebbe pronta ad ascoltare il Mef se sul tavolo ci fossero proposte concrete per tornare a negoziare.

 

Per quanto riguarda i tedeschi, invece, l'interesse della compagnia non è mai stato un segreto: l'ad di Lufthansa, Carsten Spohr, anche quando Certares trattava in esclusiva, aveva detto che se il governo avesse deciso di procedere a una vera privatizzazione, sarebbe stato «disponibile a volare laggiù ogni giorno». Nel frattempo, i tedeschi hanno avuto accesso alla data room per studiare i conti di Ita.

 

gianluigi aponte 6 gianluigi aponte 6

Intanto, prende piede l'ipotesi di Ferrovie dello Stato in tandem con la compagnia tedesca: Lufthansa potrebbe rilevare il 51% del capitale, Fs il 29% e il Mef manterrebbe il 20%. Nel 2019, il governo Conte coinvolse Fs nel salvataggio di Alitalia: allora il gruppo ferroviario costruì una cordata con Atlantia e Delta per prendere il controllo della vecchia compagnia di bandiera, ma il progetto fu abbandonato.

 

Sulla nuova ipotesi i pareri raccolti sono discordanti, per alcuni può essere verosimile per le sinergie che si potranno creare tra le due società, per altri appare infondata. Fs non commenta: «Le Ferrovie vanno ancora in treno», ha detto l'ad del gruppo, Luigi Ferraris, a margine del forum internazionale Coldiretti. E via XX Settembre precisa che al Mef «non compete esprimere in alcuna modalità giudizi o valutazioni su eventuali partner aggiuntivi alle cordate ammesse» nella data room.

CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA

 

A preoccupare il Tesoro, però, è la valutazione data da Lufthansa che non sarebbe disposta a valutare la compagnia più di 500 milioni di euro, quando a inizio anno, insieme a Msc, offriva 1,4 miliardi. I due gruppi, infatti, avevano presentato insieme un'offerta per Ita, in concorrenza con quella di Certares, puntando complessivamente all'80% con una quota del 60% a Msc, il 20% a Lufthansa e il rimanente 20% in mano allo Stato. Il governo Draghi scelse invece il fondo Certares - che voleva solo il 51% - per andare in trattativa esclusiva. Il voto e l'arrivo del nuovo governo Meloni hanno poi rimescolato le carte in tavola.

ita airways ita airways ita airways 7 ita airways 7 CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA ita airways 8 ita airways 8 ita airways 6 ita airways 6 ita airways 4 ita airways 4 latham e watkins lufthansa articolo law.com latham e watkins lufthansa articolo law.com

 

Condividi questo articolo

business

DARE LA CACCIA AI TRUFFATORI DELLA FINANZA È UN BUSINESS MILIARDARIO – CHI SONO E COME OPERANO I FONDI “ATTIVISTI” CHE STANNO FACENDO TREMARE LA FINANZA GLOBALE: LUNGHE E METICOLOSE INDAGINI PER SCOPRIRE LE MAGAGNE NEI CONTI DELLE AZIENDE, POI LE OPERAZIONI “SHORT” PER INVESTIRE SUI RIBASSI – AZIONI CONDOTTE NON TANTO PER LA GIUSTIZIA DEI MERCATI, QUANTO PER IL PROFITTO – IL CASO DEL PICCOLO FONDO HINDENBURG, DEL 37ENNE AMERICANO NATHAN ANDERSON, CHE È RIUSCITO AD AFFOSSARE GAUTAM ADANI, L'UOMO PIÙ RICCO D'ASIA…