TEMPI DURI PER SOFTBANK – IL COLOSSO GIAPPONESE DELLA TELEFONIA MOBILE PERDE 18 MILIARDI – IL GRUPPO È APPESANTITO DAL CORONAVIRUS, MA SOPRATTUTTO DAGLI INVESTIMENTI SBAGLIATI IN UBER E WEWORK – SOFTBANK PER IL MOMENTO CEDERÀ UNA QUOTA DI T-MOBILE A DEUTSCHE TELEKOM, MA POTREBBE VENDERE ALTRI "GIOIELLI" COME LE QUOTE DI ALIBABA. E INFATTI E JACK MA SCAPPA E LASCIA IL CONSIGLIO D’AMMINISTRAZIONE NEL QUALE SEDEVA DA 13 ANNI

-

Condividi questo articolo

 

 

1 – IMPRESE: SOFTBANK, JACK MA LASCIA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DOPO 13 ANNI

il ceo di softbank masayoshi son il ceo di softbank masayoshi son

(Agenzia Nova) - Il colosso della telefonia mobile giapponese SoftBank Group sta per concludere un’era di strette relazioni con il fondatore di Alibaba Group Holding, Jack Ma. Il noto imprenditore cinese intende infatti lasciare il consiglio di amministrazione di Softbank, nel quale sedeva da 13 anni.

 

jack ma jack ma

Lo scrive il quotidiano “Nikkei”, che cita fonti interne all’azienda; SoftBank si appresterebbe a nominare tre direttori, due dei quali indipendenti, in risposta alle richieste degli investitori attivisti di aumentare i dividendi e irrobustire la governance aziendale, in risposta alle gravi battute d’arresto subite dall’ambizioso piano multimiliardario di investimento nelle startup promosso dal fondatore di SoftBank, Masayoshi Son. Proprio la scommessa di Son in Alibaba, nel 2000, è stato uno degli accordi finanziari di maggior successo della storia: la startup cinese dell’e-commerce si è infatti progressivamente affermata come una delle più grandi aziende del mondo, con una capitalizzazione di mercato di 546 miliardi di dollari. Ancora oggi SoftBank detiene il 25 per cento di Alibaba. (Git) © Agenzia Nova - Riproduzione riservata

 

2 – SOFTBANK METTE IN VENDITA LE QUOTE DI T-MOBILE. AVANTI TUTTA SU VISION FUND

wework wework

Patrizia Licata per www.corrierecomunicazioni.it

 

l gruppo giapponese SoftBank intende cedere “una porzione significativa” della propria quota dell’operatore T-Mobile US all’azionista di controllo Deutsche Telekom. Lo riporta il Wall Street Journal in base a fonti confidenziali. T-Mobile ha ottenuto lo scorso mese il via libera dei regolatori alla fusione con l’operatore rivale Sprint, filiale mobile della stessa SoftBank.

 

softbank softbank

Un’eventuale cessione di gran parte delle quote del gruppo giapponese alla telco tedesca porterebbe la partecipazione di  Deutsche Telekom in T-Mobile al di sopra del 50%. Attualmente SoftBank possiede il 24% di T-Mobile US. Non è chiaro quale percentuale verrebbe ceduta, ma, sottolinea il WSJ, i termini di lock-up concordati tra le parti al momento del merger dovranno essere modificati per permettere la transazione.

 

A SoftBank servono 41 miliardi di dollari

Secondo gli analisti di mercato SoftBank è ansiosa di monetizzare la partecipazione in T-Mobile. Il gruppo giapponese mira a mettere insieme 41 miliardi di dollari vendendo diversi asset per finanziare un programma record di riacquisto di azioni proprie. Il gruppo ha in effetti annunciato oggi, riporta Reuters, che il cda ha approvato una seconda tranche (dopo la prima di aprile) di riacquisto per 500 miliardi di yen (4,7 miliardi di dollari), come parte di un programma di buyback da 2.500 miliardi di yen varato a marzo per far risalire il valore del titolo in Borsa.

 

uber uber

Ma la cessione delle quote in T-Mobile US serve a SoftBank soprattutto per sostenere il Vision Fund, un fondo da 100 miliardi di dollari al quale partecipano i fondi sovrani dell’Arabia Saudita ma anche i capitali di Apple e Qualcomm e con cui SoftBank si è spostata dal business delle telecomunicazioni verso attività di investimento nelle tecnologie e startup più innovative. Ma molte delle aziende nelle quali il fondo ha investito non si stanno rivelando profittevoli, ha messo in guardia il Ceo di SoftBank, Masayoshi Son, e il Vision Fund sta perdendo rapidamente valore. Detiene ancora la proprietà di aziende come Arm, il produttore britannico di chip, e di 88 startup, alcune delle quali in via di diventare unicorni, ma il fallimento di OneWeb, la crisi di WeWork e i forti rischi per almeno una quindicina di società pesano sui conti di SoftBank.

 

Jack Ma lascia il Cda di SoftBank

adam nuemann adam nuemann

SoftBank ha anche ufficialmente confermato che Jack Ma, il co-fondatore di Alibaba, si dimetterà dal suo Cda. Si tratta di una perdita di un alleato importante per il ceo di SoftBank Masayoshi Son, ma Jack Ma, che si è già ritirato dal ruolo di presidente esecutivo di Alibaba a settembre, sta abbandonando tutte le attività imprenditoriali e manageriali per dedicarsi alla filantropia.

 

SoftBank proporrà nell’assemblea generale del 25 giugno tre nuove nomine per il board, tra cui il chief financial officer del gruppo, Yoshimoto Goto. I membri del Cda saliranno a tredici. Ai voti verrà messa anche l’elezione di Lip-Bu Tan, deo del produttore di software per chip Cadence Design Systems e presidente della società di venture capital Walden International, e di Yuko Kawamoto, professoressa alla Waseda Business School e primo e unico membro femminile del Cda.

 

jack ma meme jack ma meme

Masayoshi Son risponderebbe così alle pressioni dell’investitore attivista Elliott Management, che ha chiesto più diversity nel board e anche una nuova commissione che supervisioni gli investimenti del Vision Fund, le cui perdite continuano ad allargarsi

 

 

SoftBank perde soldi e Jack Ma lascia

Da www.businessweekly.it

 

Abbiamo già visto che SoftBank, attraverso investimenti in unicorni senza business model chiari e destinati alla profittabilità, come Uber e WeWork, naviga in cattive acque. La pandemia da coronavirus, che ha bloccato l’intera sharing economy, ha peggiorato la situazione, mettendo l’enfasi sulla liquidità e la solidità delle aziende. SoftBank ha dichiarato una perdita operativa di 13 miliardi di dollari e una perdita complessiva di 9 miliardi, per l’ultimo anno fiscale.

 

jack ma 3 jack ma 3

Il tanto decantato fondo di investimento tecnologico dedicato a società ad alta crescita e con exit miliardarie ha dimostrato così come il modello non sia sostenibile. Quasi 10 miliardi di dollari di perdite provengono da due sole società: Uber e WeWork, entrambe in difficoltà prima che la pandemia di coronavirus prendesse piede. Le perdite sono state anche superiori di circa il 7% rispetto agli alert emessi nelle ultime settimane per attenuare il colpo sui mercati.

 

SoftBank ha dichiarato che sta raccogliendo circa 11,5 miliardi di dollari per riacquistare azioni proprie e sostenerne il valore in Borsa, vendendo parte dei suoi ‘gioielli della corona’ come le azioni di Alibaba, che fu una delle prime aziende finanziate da SoftBank, o T-Mobile US. Questa scelta non deve essere piaciuta a Jack Ma, il co-fondatore di Alibaba, che si è dimesso dal consiglio di amministrazione di SoftBank subito dopo queste dichiarazioni senza fornire spiegazioni.

jack ma 2 jack ma 2

 

La partecipazione di SoftBank in Alibaba è valutata in 100 miliardi di dollari, quindi la vendita dovrebbe essere limitata, ma la scelta di tempo e la modalità di vendita – attraverso derivati finanziari che dovrebbero funzionare da leva per moltiplicarne il valore – non è stata concordata. Sembra che l’obiettivo di Masayoshi Son, patron di SoftBank, di fondare un nuovo Vision Fund da 100 miliardi di dollari sia destinato a finire prima ancora di arrivare sui mercati, tra unicorni senza visione, mercati senza liquidità e sauditi senza soldi.

 

Condividi questo articolo

business

ITALIA DA RECOVERY – È ARRIVATA LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: IL FONDO DIVENTA DA 750 MILIARDI: 500 IN ‘GRANTS’, CIOÈ STANZIAMENTI A FONDO PERDUTO (IN TEORIA) E 250 IN ‘LOANS’, CIOÈ PRESTITI – PER L’ITALIA LA QUOTA TOTALE È DI 172 MILIARDI, DI CUI 82 DI 'SUSSIDI'. TOGLIENDO I 56 CHE VERSIAMO ALL’UE FANNO 26 MILIARDI IN TRE ANNI. SENZA CONTARE LA QUOTA PARTE DI GARANZIA DEI PRESTITI – QUALCHE CONDIZIONALITÀ CI SARÀ PER FORZA, INFATTI LA COMMISSIONE HA GIÀ RIVOLTO QUATTRO ‘RACCOMANDAZIONI’ SPECIFICHE ALL’ITALIA – E L’OLANDA FRENA: “I NEGOZIATI SARANNO LUNGHI”

IL NORD PAPPA TUTTO - QUATTRO REGIONI FANNO RAZZIA DEI PRESTITI CON GARANZIA PUBBLICA: LOMBARDIA, PIEMONTE, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA SI ASSICURANO OLTRE LA META' DEI FINANZIAMENTI - MA LA FABI DI SILEONI LANCIA L'ALLARME ROSSO: “AL SUD RESTANO LE BRICIOLE E C'E' RISCHIO USURA” - NON C'E' PROPORZIONE TRA CREDITI E PRESENZA SUL TERRITORIO DI PMI - AL NORD C'E' IL 38% DI PMI E PARTITE IVA CHE INTASCA IL 50,7% DELLA LIQUIDITA' PROTETTA DALLO STATO, MENTRE NEL CENTRO-SUD, CON IL 62%, I FINANZIAMENTI SI FERMANO AL 49%...