UBS RICHIAMA SERGIO ERMOTTI – IL MANAGER TORNA ALLA GUIDA DEL COLOSSO SVIZZERO, CHE HA APPENA ACQUISITO CREDIT SUISSE: ERMOTTI, NATO NEL 1960 A LUGANO, ERA STATO AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA BANCA GIÀ DAL SETTEMBRE 2011 ALL’OTTOBRE 2020 – IL PROFILO: A 15 ANNI LASCIA LA SCUOLA PER FARE IL CALCIATORE, POI A 18 INIZIA A LAVORARE IN BANCA. LA LUNGA ESPERIENZA A MERRILL LYNCH E QUELLA AL FIANCO DI PROFUMO A UNICREDIT

-

Condividi questo articolo


sergio ermotti sergio ermotti

Estratto dell’articolo di Fausta Chiesa per www.corriere.it

 

Cambio al vertice di Ubs, il colosso svizzero che ha appena acquisito Crédit Suisse dopo il crollo. Il Consiglio di amministrazione ha nominato Sergio Ermotti Chief Executive Officer e presidente del Group Executive Board, con effetto dal 5 aprile 2023. Ermotti, che era già stato a capo di Ubs, si è dimesso dalla presidenza di Swiss Re.

 

Succederà a Ralph Hamers, che ha accettato di dimettersi — si legge un comunicato — «per servire gli interessi della nuova combinazione, del settore finanziario svizzero e del Paese». 

 

UBS CREDIT SUISSE UBS CREDIT SUISSE

[…] Per Ermotti si tratta di un ritorno: era già stata ceo di Ubs negli anni difficili seguenti alla crisi finanziaria scoppiata alla fine del 2008, prendendo le redini della banca come amministratore delegato dal settembre 2011 all’ottobre 2020. Alla guida di Ubs, ha denunciato lo scandalo dei trader disonesti del 2011, implementando rigorose politiche aziendali che disciplinano gli standard comunitari e ha avviato un’importante ristrutturazione della banca attorno al private banking e limitato le sue operazioni di vendita.

 

ralph hamers ceo ubs ralph hamers ceo ubs

«Sono molto onorato di gestire questa transizione in un momento così importante sia per gli azionisti che per la comunità finanziaria», ha dichiarato Ermotti nel corso della conferenza stampa per la sua nomina alla guida di Ubs.

 

«Sono stati anni sfidanti e abbiamo un compito urgente, che possiamo affrontare grazie al lavoro fatto in Ubs negli ultimi due anni, sotto la guida di Ralph (Hamers, ndr). [...] Vi do la mia parola e il mio impegno e del mio team, faremo di tutto affinché questa transazione sia un successo. Cercheremo un equilibrio per tutte le parti in causa coinvolte, dai dipendenti agli azionisti ai clienti».

 

Le sue sfide immediate includono una ristrutturazione della nuova entità finanziaria, compresa la riduzione del personale e quella della banca d’investimento del Credit Suisse , ma soprattutto riportare la fiducia nelle banche svizzere e i Paperon de’ Paperoni del fatto che Ubs resta il posto migliore dove tenere al sicuro i loro soldi.

ALEX WEBER SERGIO ERMOTTI ALEX WEBER SERGIO ERMOTTI

 

Nato nel 1960 a Lugano, in Svizzera, Ermotti a 15 anni lascia la scuola perché vuol fare il calciatore decidendo in seguito, a 18 anni, di fare l’apprendista (per «mettersi al passo con la contabilità, la finanza e così via») presso la Cornèr Banca di Lugano, filiale nella quale lavorava il padre. Al termine dell’apprendistato […], viene promosso mandatario commerciale all’interno della stessa banca, consegue l’Attestato federale di esperto bancario (Swiss Certified Banking Expert) e segue un corso di formazione di tre settimane (Advanced Management Programme) all’Università di Oxford.

 

sergio ermotti 4 sergio ermotti 4

Nel 1985 torna in Svizzera, stabilendosi a Zurigo dove lavora per un biennio presso la filiale Citigroup, […] ricoprendo il ruolo di Resident Vice President. […] Ermotti si trasferisce nel 1987 a Merrill Lynch, prima presso la sede di Zurigo, […] e dal 1993 a Londra in qualità di responsabile del Dipartimento europeo di derivati azionari. Dal 1994 al 1999 è responsabile per i prodotti equity linked di Merrill Lynch e nel 1999 guida il Dipartimento mercati azionari per l’Emea. Nel 2001 diventa direttore esecutivo dei mercati azionari globali ed entra a far parte dell’Executive Management Committee for Global Markets and Investment.

 

UBS CREDIT SUISSE UBS CREDIT SUISSE

Nel 2005 Ermotti lascia dopo 16 anni Merrill Lynch per Unicredit, a Milano, ricoprendo la carica di dirigente dei mercati azionari e degli investimenti. Due anni dopo è nominato vice amministratore delegato del gruppo, […] carica che ricoprirà fino al 2010.

 

Nell’aprile del 2011 è nominato presidente e amministratore delegato di Ubs per l’Emea e membro del comitato direttivo del gruppo. Il 24 settembre 2011, dopo le dimissioni di Oswald Grübel legate a uno scandalo, Ermotti è nominato amministratore delegato ad interim di Ubs, carica confermata dal consiglio di amministrazione il 15 novembre 2011 e riconfermata nel 2014 dalla società capogruppo Ubs Group. […] Nell’aprile 2021 è nominato presidente del gruppo assicurativo Swiss Re.

CREDIT SUISSE UBS CREDIT SUISSE UBS

sergio ermotti 1 sergio ermotti 1 sergio ermotti sergio ermotti sergio ermotti 2 sergio ermotti 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...