IL VALZER DI DE AGOSTINI – LA HOLDING DEL GRUPPO DELLA CASA EDITRICE CAMBIA I VERTICI: IL NUOVO AD SARÀ MARCO SALA E LORENZO PELLICIOLI DIVENTERÀ PRESIDENTE – ENTRAMBI LASCERANNO LE RISPETTIVE CARICHE IN IGT, DOVE VINCENT SADUSKY ASSUMERÀ LE DELEGHE DI CEO E EXECUTIVE DIRECTOR

-

Condividi questo articolo


lorenzo pellicioli lorenzo pellicioli

DE AGOSTINI: NUOVO VERTICE, SALA AD E PELLICIOLI PRESIDENTE

 (ANSA) - Marco Sala sarà il nuovo amministratore delegato di De Agostini al posto di Lorenzo Pellicioli, che diventerà presidente. E' quanto annuncia Marco Drago, presidente di De Agostini e dell'azionista di controllo B&D Holding.

 

marco sala marco sala

"In occasione delle riunioni degli organi societari di De Agostini che si terranno il prossimo giugno 2022 e che saranno chiamate al rinnovo dell'organo amministrativo - si legge in una nota - verrà proposta la candidatura di Marco Sala quale amministratore delegato della società in sostituzione di Lorenzo Pellicioli, che verrà candidato al ruolo di presidente del consiglio di amministrazione".

 

IGT: SADUSKY NUOVO CEO ED EXECUTIVE DIRECTOR

 (ANSA) - International Game Technology ha deciso cambiamenti ai vertici e nel Consiglio di amministrazione che "saranno efficaci a partire dal 24 gennaio". Lo annuncia la società in una nota indicando che Lorenzo Pellicioli si dimetterà dalla carica di presidente del Consiglio di amministrazione di IGT, mantenendo il ruolo di amministratore non esecutivo.

 

vincent sadusky vincent sadusky

Marco Sala, attuale Ceo di IGT, diventerà presidente esecutivo del Consiglio stesso e Vincent Sadusky assumerà la carica di Ceo ed Executive Director. In un comunicato stampa separato pubblicato oggi, B&D Holding S.p.A., l'azionista di maggioranza di De Agostini, ha annunciato che nel corso dell'assemblea degli organi societari di De Agostini che si terrà nel mese di giugno 2022, Marco Sala sarà proposto come Ceo della società, in sostituzione di Lorenzo Pellicioli che verrà candidato al ruolo di Presidente del Consiglio di amministrazione.

DE AGOSTINI DE AGOSTINI Lorenzo Pellicioli Lorenzo Pellicioli lorenzo pellicioli lorenzo pellicioli vincent sadusky vincent sadusky

 

Condividi questo articolo

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

LA GUERRA IN UCRAINA MINACCIA SCONQUASSI MAI VISTI PER L’ECONOMIA MONDIALE - UNA RECESSIONE ANCORA NON È IN VISTA, MA POTREBBERO FARSI PESANTI GLI EFFETTI COMBINATI DI UN RALLENTAMENTO DEGLI USA, DI UNA FRENATA DELLA CINA, DI CARESTIE NEI PAESI PIÙ POVERI, DI CRISI DEBITORIE IN ALCUNI EMERGENTI A CAUSA DEI TASSI PIÙ ALTI - L'ITALIA SI TROVA NELLA PARADOSSALE SITUAZIONE DI AVERE UN CAPO DI GOVERNO ALL'ALTEZZA DEL MOMENTO, E UN SISTEMA POLITICO PRIGIONIERO DI SÉ STESSO. PER IL FONDO MONETARIO, NEMMENO I FONDI DEL PNRR CI FARANNO ACCELERARE OLTRE UN “APPENA SOPRA L'1%” NEGLI ANNI FUTURI

AL GREGGIO NON C’È MAI FINE - INCREDIBILE MA VERO: L’ITALIA A MAGGIO HA AUMENTATO LE IMPORTAZIONI DI PETROLIO RUSSO! DA MOSCA SONO ARRIVATI IN ITALIA CIRCA 450MILA BARILI AL GIORNO DI GREGGIO, PIÙ DI QUATTRO VOLTE RISPETTO A FEBBRAIO (E IL MASSIMO DAL 2013) - IL PARADOSSO È CHE SI TRATTA DI UN EFFETTO DELLE SANZIONI EUROPEE: DUE TERZI DI QUEL PETROLIO ARRIVA ALLA RAFFINERIA ISAB DI AUGUSTA, CONTROLLATA DA LUKOIL. LA COMPAGNIA RUSSA NON È STATA SANZIONATA, MA LE BANCHE HANNO BLOCCATO LE LINEE DI CREDITO, E COSÌ È COSTRETTA A FARE AFFIDAMENTO ESCLUSIVAMENTE SULLE FORNITURE DELLA SOCIETÀ MADRE