IL VERO GUAIO PER TRUMP? I DEBITI – CON L’ADDIO ALLA CASA BIANCA “THE DONALD” È ENTRATO IN UN CAMPO MINATO FINANZIARIO: I SUOI RESORT STAVANO PERDENDO MILIONI GIÀ PRIMA DELLA PANDEMIA, LUI HA DEBITI PER PIÙ DI 300 MILIONI DI EURO GARANTITI PERSONALMENTE – IL PROBLEMA È CHE IL SUO NOME ORMAI È "TOSSICO" E NESSUNO È DISPOSTO A DARGLI CREDITO. NEMMENO DEUTSCHE BANK. E LA REVISIONE FISCALE POTREBBE COSTARGLI PIÙ DI...

-

Condividi questo articolo

Articolo del “New York Times” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

donald trump deutsche bank 3 donald trump deutsche bank 3

Non molto tempo dopo aver attraversato il terreno della Casa Bianca mercoledì mattina per l'ultima volta come presidente, Donald J. Trump entrerà in un campo minato finanziario che sembra essere diverso da tutto ciò che ha affrontato nei suoi precedenti crolli.

 

I documenti fiscali che ha a lungo lottato per tenere nascosti, rivelati in un'indagine del New York Times dello scorso settembre, descrivono dettagliatamente le sue sfide finanziarie:

 

TRUMP SOLDI TRUMP SOLDI

Molti dei suoi resort stavano perdendo milioni di dollari all'anno anche prima della pandemia. Centinaia di milioni di dollari di prestiti, da lui personalmente garantiti, devono essere rimborsati entro pochi anni. Ha bruciato gran parte del suo denaro e dei suoi beni facili da vendere. E una revisione contabile decennale del fisco minaccia di costargli più di 100 milioni di dollari.

 

Nei suoi primi momenti bui, Trump era stato in grado di salvare le aziende che gestisce con infusioni multimilionarie da suo padre o accordi derivanti dalla sua celebrità televisiva. Quelle possibilità sono scomparse. E la sua presidenza divisiva ha costantemente eroso la commerciabilità del marchio che è al centro della sua attività.

 

trump tower trump tower

Questa tendenza si è solo accelerata con la sua campagna senza prove per sovvertire l'esito delle elezioni presidenziali, culminata nell'assalto al Campidoglio del 6 gennaio. Sulla sua scia, il suo ultimo prestatore di denaro ha giurato di tagliargli la strada. Il P.G.A. ha annullato un imminente campionato in un campo da golf di Trump, e New York City si è mossa per fermare dei contratti per la gestione di diversi immobili.

 

La famiglia di Trump ha descritto la sua fine dell'incarico come l'apertura di nuove opportunità che sono state precluse quando era presidente. Suo figlio Eric ha recentemente detto al Times che la società si aspetta una notevole richiesta di contratti di branding all'estero che coinvolgono Trump. La famiglia ha anche preso in considerazione la possibilità di avviare una media company per stare in contatto con i suoi sostenitori.

THE APPRENTICE DONALD TRUMP THE APPRENTICE DONALD TRUMP

 

"Non c'è mai stata una figura politica con più sostegno di mio padre", ha detto Eric Trump in una dichiarazione. "Non mancheranno le incredibili opportunità nel settore immobiliare e non solo".

 

Ma senza un nuovo soggetto pronto a fare credito , o una nuova linea di entrate che non richieda un grande investimento di tempo e denaro, l'ex presidente dovrà probabilmente affrontare scelte difficili, tra cui la possibilità di essere costretto a vendere campi da golf poco performanti o il suo hotel nell'Old Post Office Building di Washington.

donald trump sulla golf car con il caddy aggrappato sul retro donald trump sulla golf car con il caddy aggrappato sul retro

 

"Trump è talmente tossico a causa della sua reputazione che molte istituzioni finanziarie non vorranno fare affari con lui", ha detto Adam J. Levitin, un professore di legge della Georgetown University che si occupa di finanza e bancarotta.

 

Anche nella sconfitta, Trump ha raccolto più di 250 milioni di dollari in donazioni politiche dalle elezioni. Eppure, mentre una parte di quel denaro potrebbe essere speso in modi che mescolano in maniera artistica, o aggressiva, le spese per il lavoro politico con i costi personali e aziendali, le leggi sul finanziamento delle campagne elettorali non permetterebbero a Trump di utilizzare l'intero importo per sostenere i suoi affari.

 

protesta davanti al trump national golf club di sterling, virginia protesta davanti al trump national golf club di sterling, virginia

Dopo le sfide precedenti, Trump si ritraeva come un ragazzo in rimonta, qualcuno che indipendentemente si è innalzato al di sopra delle avversità finanziarie concludendo nuovi favolosi accordi. Ciò che nascondeva era la misura in cui il patrimonio di suo padre e una seconda fortuna accumulata con l'intrattenimento - l'equivalente combinato oggi di quasi un miliardo di dollari - fornivano un serbatoio di liquidità che poteva coprire ripetuti fallimenti.

 

Alla fine degli anni '80, quando il suo impero di casinò, hotel, una compagnia aerea e una squadra di calcio cominciò a crollare sotto il peso di debiti eccessivi e spese elevate, il padre di Trump intervenne segretamente, coprendo un pagamento di interessi di 3 milioni di dollari qui, una perdita di 15 milioni di dollari su un nuovo condominio lì.

eric trump commosso durante il discorso del padre eric trump commosso durante il discorso del padre

 

Più tardi, dopo la crisi finanziaria iniziata nel 2008, Trump non è riuscito a ripagare gli enormi prestiti sulla sua torre di Chicago, gran parte del suo spazio commerciale si è svuotato e i suoi casinò si sono avvicinati a un altro fallimento. Anche se il disastro si profilava per le attività che gestiva, Trump ha incassato più di 154 milioni di dollari dal 2008 al 2011 da "The Apprentice" e ha concesso in licenza il suo nome per l'utilizzo su progetti gestiti da altre persone.

 

donald trump deutsche bank 1 donald trump deutsche bank 1

Ha ricevuto l'ultima quota multimilionaria della sua eredità circa due anni fa. E la fonte di ricchezza dall'attività di intrattenimento si era quasi prosciugata quando è entrato in politica, passando da profitti superiori ai 50 milioni di dollari negli anni di punta a meno di 3 milioni di dollari nel 2018. (Naturalmente, anche il mancato pagamento dei suoi debiti ha avuto un ruolo significativo).

 

dichiarazione fiscale donald trump dichiarazione fiscale donald trump

Il Times ha ottenuto dati sui rimborsi fiscali per Trump che coprono più di vent'anni, comprese informazioni sui suoi profitti personali fino al 2017 e sui suoi profitti commerciali fino al 2018. I dati mostrano che molte delle sue attività sono rimaste raramente, se non mai, in piedi da sole.

 

I suoi tre golf resort in Scozia e in Irlanda, ad esempio, hanno registrato perdite di cassa consistenti. Fino al 2018, negli anni successivi alla riapertura dei tre resort, Trump ha pompato altri 66 milioni di dollari in contanti, contribuendo a mantenerli a galla.

 

Il Trump International Hotel di Washington, aperto nel 2016, ha registrato perdite di cassa ogni anno fino al 2018. Trump ha investito altri 17,6 milioni di dollari nell'hotel in quegli anni, oltre al suo investimento iniziale. E la situazione è probabilmente diventata più tetra l'anno scorso. Da quando è scoppiata la pandemia, l'hotel ha aperto per gli ospiti notturni, ma il bar, un luogo di incontro popolare per i funzionari governativi e i sostenitori di Trump, è chiuso.

donald trump fischiato al nationals park di washington 4 donald trump fischiato al nationals park di washington 4

 

Con l'esaurirsi delle sue fortune con l' intrattenimento, Trump ha colmato parte del vuoto che ne è derivato con un'ipoteca di 100 milioni di dollari sullo spazio commerciale della Trump Tower, e con la vendita di quasi tutte le sue azioni e obbligazioni, per un totale di oltre 270 milioni di dollari per il periodo dal 2014 al 2016.

 

Ma ora deve far fronte a prestiti in scadenza: 100 milioni di dollari sulla Trump Tower l'anno prossimo, 125 milioni di dollari sul suo Doral golf resort in Florida nel 2023 e 170 milioni di dollari sull'hotel di Washington nel 2024. Trump ha garantito personalmente la maggior parte di questo debito, il che significa che i finanziatori potrebbero perseguire i suoi altri beni se non può pagare o rifinanziare.

donald trump deutsche bank 4 donald trump deutsche bank 4

 

Le sue prospettive si sono fatte più cupe dopo la violenza al Campidoglio, quando la Deutsche Bank - l'ultima banca tradizionale disposta a fare affari con Mr. Trump negli ultimi anni e il suo prestatore per il Doral e l'hotel di Washington - ha detto che non gli avrebbe più concesso prestiti.

 

Phillip Braun, professore di finanza alla Northwestern University, si aspetta che il Trump trovi un altro prestatore, ma con altri prezzi.

 

"Sarà in grado di trovare credito se sarà disposto a pagare interessi più alti", ha detto il signor Braun.

 

trump tower 1 trump tower 1

La proprietà più redditizia e a lungo termine del presidente sembra essere uno dei suoi primi progetti: gli spazi commerciali e di vendita al dettaglio all'interno e intorno alla Trump Tower, a Manhattan, che per anni ha fornito in modo affidabile più di 20 milioni di dollari all'anno di profitti. Ma nella situazione attuale anche quell'asset chiave del suo successo finanziario è in difficoltà.

 

E sebbeneTrump abbia ancora beni che potrebbe vendere per generare liquidità, non ha la possibilità di vendere unilateralmente quello che forse è il più prezioso: una partecipazione del 30% in due edifici per uffici controllati dalla Vornado Realty Trust. L'investimento, in cui Trump si è praticamente imbattuto e che non gestisce, si è rivelato una delle sue maggiori e più affidabili fonti di reddito, ma Trump non può venderlo senza il consenso di Vornado.

 

donald trump arriva in florida donald trump arriva in florida

La decennale revisione fiscale da parte dell'I.R.S. rappresenta un ulteriore rischio. Secondo i documenti ottenuti dal Times, sembra essere iniziata dopo che Trump ha dichiarato che la rinuncia alla sua partecipazione nella sua attività di casinò gli ha dato diritto a un rimborso di 72,9 milioni di dollari - tutte le imposte federali sul reddito che aveva pagato (più gli interessi) per il periodo dal 2005 al 2008.

 

Il rimborso ha fatto scattare automaticamente una revisione contabile, che è rimasta attiva almeno fino alla primavera scorsa. I registri indicano che la questione è stata messa in attesa mentre era in carica, ma potrebbe riprendere ora. Una sentenza sfavorevole potrebbe costare a Trump più di 100 milioni di dollari, con interessi e sanzioni.

donald trump jr e la fidanzata kimberly guilfoyle donald trump jr e la fidanzata kimberly guilfoyle

 

Trump si trova anche di fronte a minacce legali che potrebbero aggravare qualsiasi difficoltà finanziaria, comprese le indagini su potenziali frodi fiscali perseguite dal procuratore distrettuale di Manhattan e dal procuratore generale di New York, nonché le cause civili per il suo ruolo nella promozione di uno schema di marketing multilivello.

un camion di traslochi a mar a lago un camion di traslochi a mar a lago tutta la famiglia trump schierata mentre parla donald tutta la famiglia trump schierata mentre parla donald donald jr si commuove durante il discorso del padre donald jr si commuove durante il discorso del padre

 

Condividi questo articolo

business

ASPI E SPERA – I BENETTON CONTINUANO A TIRARE LA CORDA E DICONO CHE L’OFFERTA DI CDP PER L’88% DI AUTOSTRADE È “INFERIORE ALLE ATTESE” E “NON COERENTE”. L’ENNESIMO PENULTIMATUM LASCIA LA PORTA APERTA A UN’ULTERIORE TRATTATIVA. MA TUTTO DIPENDE ANCHE DAL NUOVO GOVERNO. SALVINI È GIÀ SULLE BARRICATE E I 5 STELLE SI GIOCANO LA FACCIA – INTANTO IL PATRON DEL REAL MADRID E DI “ACS” FLORENTINO PEREZ IERI HA DETTO DI ESSERE INTERESSATO A ENTRARE NEL CAPITALE. SARÀ VERO?