VIVENDI E LASCIA VIVERE – I FRANCESI NON POTRANNO PIÙ ALZARE BARRICATE SULLA VENDITA DELLA RETE, ORA CHE È SCESO UFFICIALMENTE IN CAMPO LO STATO. E INFATTI, ARRIVA LA VELINA DI “FONTI VICINE” ALLA SOCIETÀ DI BOLLORÈ, CHE COMMENTANO “L’IMPEGNO DIRETTO DEL GOVERNO COME UNA NOTIZIA POSITIVA. TUTTAVIA, È NECESSARIA L’APERTURA DI UN DIALOGO SERIO…”

-

Condividi questo articolo


vincent bollore vincent bollore

VIVENDI, IMPEGNO DEL GOVERNO POSITIVO, ORA DIALOGO SERIO

(ANSA) - In merito alla decisione del ministero dell'Economia e delle Finanze (Mef) di firmare un memorandum d'intesa con Kkr, fonti vicine a Vivendi commentano "l'impegno diretto del governo come una notizia positiva". "Tuttavia - proseguono - per arrivare a soluzioni concrete e praticabili, è necessaria l'apertura di un dialogo serio con Vivendi. Un confronto è ora indispensabile per trovare la migliore soluzione per la società e per tutti i suoi azionisti, di cui Vivendi continuerà a rappresentare gli interessi con la massima determinazione.

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

 

RETE TIM, IL TESORO IN CAMPO AL FIANCO DI KKR CON IL 20%

Estratto dell’articolo di Rosario Dimito per “il Messaggero”

 

Il governo affianca Kkr nella acquisizione di Netco, la società dove Tim trasferirà la rete primaria, secondaria (Fibercop) e la partecipazione di maggioranza in Sparkle, cavi sottomarini. Ieri […] è stato sottoscritto un Memorandum of understanding (Mou), cioè un accordo-quadro, sulla rete Tim.

 

La discesa in campo diretta dello Stato spariglia le carte su tutti fronti, facilitando l'acquisizione, di fronte alla quale il primo azionista Vivendi (23,7%) non potrà più alzare barricate come ha fatto fino a qualche tempo fa, sostenendo un prezzo di 31 miliardi per tutta la rete. Ed è prevedibile che per fine mese il Tesoro possa convocare Vivendi e concordare i termini finali dell'acquisizione.

 

giancarlo giorgetti giancarlo giorgetti

L'accordo prevede la definizione di un'offerta vincolante che stabilisce, tra l'altro, l'ingresso del Tesoro nella Netco in una percentuale fino al 20%. […] Con la presenza diretta del Mef, Cdp potrebbe uscire per sempre di scena così come è molto in forse la presenza di F2i che ha studiato l'ingresso in cordata […]. I prossimi passaggi saranno relativi all'adozione di un Dpcm da parte del governo per completare l'iter procedurale. I termini dell'Mou sono stati diffusi ieri sera da via XX Settembre. Sembra che l'accordo-quadro sia subordinato a una serie di condizioni e vincoli.

Vincent Bollore - Emmanuel Macron - Vivendi Tim -poste by macondo Vincent Bollore - Emmanuel Macron - Vivendi Tim -poste by macondo

 

[…] Il reperimento dei soldi (circa 4,6 miliardi) considerando l'offerta ultima di Kkr di 23 miliardi complessivi, con un Dpcm per stanziare le risorse. Poi c'è il tema dell'Antitrust europeo perché l'acquisto del 20% da parte del governo potrebbe configurare aiuto di Stato […] e poi dovrà essere consultata la Corte dei Conti. Questa svolta, nell'aria da molti mesi e che nelle ultime settimane era evidente si concretizzasse, dovrebbe finalmente sbloccare una volta per tutte la partita sull'infrastruttura nevralgica per cablare il paese. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...