VOLARE, OH! OH! - DELLE OFFERTE PER RILEVARE DALLO STATO ITA: MSC-LUFTHANSA HA MESSO SUL PIATTO 800-850 MILIONI DI EURO RISPETTO AL MILIARDO IPOTIZZATO A MAGGIO, MENTRE CERTARES OFFRE 500-600 MILIONI CONTRO I 600-800 MILIONI PRECEDENTI – SE A GENNAIO LA COMPAGNIA AEREA ERA VALUTATA TRA 1,2 E 1,5 MILIARDI DI EURO, LA GUERRA IN UCRAINA, LA CORSA DEI PREZZI DELL'ENERGIA E LA PAURA DI UNA NUOVA RECESSIONE HANNO PORTATO A RIVEDERE A RIBASSO LE PROPOSTE – INTANTO LA COMPAGNIA SCANDINAVA SAS HA DICHIARATO IL FALLIMENTO...

-

Condividi questo articolo


Giuliano Balestreri per “La Stampa”

 

ITA AIRWAYS ITA AIRWAYS

La partita per il futuro di Ita Airways si giocherà nelle prossime ore. Ieri, si è chiusa la data room per studiare i conti e il piano industriale della newco guidata dal presidente Alfredo Altavilla e dall'amministratore delegato Fabio Lazzerini: in serata sono arrivate al ministero dell'Economia le due offerte vincolanti per rilevare dallo Stato il controllo della compagnia nata lo scorso 15 ottobre dalle ceneri di Alitalia.

 

In una busta c'è la proposta Msc-Lufthansa, nell'altra quella del fondo Usa Certares in una partnership commerciale con Air France-Klm e Delta Airlines. Le offerte si compongono di due voci: oltre alla proposta economica, gli acquirenti hanno dovuto dettagliare il piano industriale dell'integrazione e la governance.

 

fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 9 fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 9

Sulla base anche dei risultati raggiunti da Ita in questi mesi, il Mef valuterà le offerte e poi le trasmetterà a Palazzo Chigi che dovrebbe decretare entro pochi giorni il vincitore.

 

Secondo indiscrezioni, le due cordate avrebbero ridotto il valore economico dell'offerta: Msc-Lufthansa avrebbe messo sul piatto 800-850 milioni di euro rispetto al miliardo ipotizzato a maggio, mentre Certares offrirebbe 500-600 milioni contro i 600-800 milioni precedenti.

 

fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 8 fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 8

Quando a gennaio il Gruppo Aponte e Lufthansa presentarono la prima manifestazione d'interesse per la newco, chiedendo l'accesso esclusivo alla data room per 90 giorni, la valutazione si aggirava tra 1,2 e 1,5 miliardi di euro per una quota di maggioranza. Lo scoppio della guerra in Ucraina, la corsa dei prezzi dell'energia e la paura di una nuova recessione, però, hanno convinto le parti a limare la proposta economica.

 

La cordata europea avrebbe intenzione di rilevare l'80% dell'azionariato, col 60% a Msc e il 20% al colosso tedesco. Più complessa la proposta di Certares che manca ancora di un partner industriale: fino a quando Air France-Klm non avrà rimborsato gli aiuti di Stato ricevuti per il Covid, infatti, non potrà investire in altre compagnie (motivo per cui ha appena chiuso un aumento di capitale da 2,26 miliardi di euro, ndr).

 

fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 12 fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 12

Intanto sul caos voli è intervenuto il Garante, chiedendo ai sindacati di ridurre la durata degli scioperi proclamati in EasyJet, Ryanair, Malta Air, Volotea e Crewlink per il 17 luglio prossimo. Uiltrasporti e Filt Cgil si sono adeguate, riducendo le astensioni da 24 a 4 ore.

 

E sempre sui disagi nel trasporto aereo il ministero delle Infrastrutture ha convocato i sindacati per l'11 luglio mentre oggi il ministro Giovannini vedrà Enav ed Enac.

 

E proprio uno sciopero dei piloti ha spinto la compagnia scandinava Sas a dichiarare il fallimento e a far ricorso negli Usa al Chapter 11 per ristrutturarsi. Lunedì 1.000 piloti hanno incrociato le braccia e Sas ha annullato il 78% dei voli (236).

ITA AIRWAYS ITA AIRWAYS caos aeroporti 3 caos aeroporti 3 caos aeroporti 2 caos aeroporti 2 caos aeroporti caos aeroporti fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 11 fabio lazzerini e alfredo altavilla di ita airways 11

 

Condividi questo articolo

business

TEMPI DURI PER SOFTBANK – IL COLOSSO GIAPPONESE NAVIGA DI NUOVO IN ACQUE BURRASCOSE: NEL SECONDO TRIMESTRE DEL 2022 HA BRUCIATO 23 MILIARDI DI EURO E IL VALORE DEGLI INVESTIMENTI È CROLLATO – LA SOCIETÀ INCOLPA L’INFLAZIONE, MA IL PROBLEMA È PIÙ AMPIO: A ESSERE COLPITO MAGGIORMENTE È IL “VISION FUND”, IL FONDO CHE INVESTE IN TECNOLOGIA E STARTUP. LA CINA HA VARATO UNA STRETTA SU BIG TECH E LE VALUTAZIONI, GONFIATE PER ANNI, INIZIANO A MOSTRARE QUALCHE CREPA. INSOMMA, LA BOLLA STA PER SCOPPIARE…

PONTI D’ORO PER I BENETTON – QUATTRO ANNI DOPO IL CROLLO DEL VIADOTTO MORANDI, C’È SOLO UNA CERTEZZA: I BENETTON DA QUELLA TRAGEDIA CI HANNO GUADAGNATO! – IL GIORNO DEL CROLLO IL TITOLO ATLANTIA VALEVA IN BORSA 25 EURO. OGGI NE VALE 23, NONOSTANTE PANDEMIA, GUERRA E CRISI ECONOMICA – LE RESPONSABILITÀ VANNO DIVISE EQUAMENTE TRA I DUE GOVERNI CONTE E QUELLO DRAGHI, CHE HA CONCLUSO L’ACQUISTO DI ASPI PER 8,2 MILIARDI DI EURO – IL RUOLO DI PAOLETTA DE MICHELI E LA BEFFA: ANCHE LE CONSEGUENZE DEL CROLLO SARANNO PAGATE DAGLI UTENTI DELLE AUTOSTRADE…

QUESTO BUSINESS E' UN CRIPTOBLUFF – LA NEW FINANCIAL TECHNOLOGY CHE INVESTE IN CRIPTOVALUTE, CHE HA SEDE LEGALE A LONDRA MA E' NATA A TREVISO, HA COMUNICATO AI PROPRI CLIENTI DI ESSERE A CORTO DI LIQUIDITÀ E DI DOVER SOSPENDERE TUTTI CONTRATTI – PIÙ DI 6.000 INVESTITORI SONO NEL PANICO, ANCHE SE PER IL MOMENTO NON CI SONO DENUNCE: LA CIFRA SPARITA SUPEREREBBE I 100 MILIONI – DUE PROPRIETARI DELLA SOCIETA’ SAREBBERO SCAPPATI A DUBAI, IL TERZO DICE: “NON È UNA TRUFFA O UNO SCHEMA PONZI”