DAGOGAMES BY FEDERICO ERCOLE - LA FANTASCIENZA FILOSOFICA E POLITICA DI TETSUYA TAKAHASHI IN “XENOBLADE CHRONICLES 3” PER NINTENDO SWITCH, L’AVVENTURA SMISURATA IN CERCA DI LIBERTÀ E VERITÀ DI SEI RAGAZZI DISERTORI IN UN MONDO DOVE I GIOVANI SONO “CREATI” PER VIVERE UN SOLO DECENNIO E COSTRETTI A COMBATTERE UNA GUERRA INSENSATA. UNA DELLE OPERE PIÙ SIGNIFICATIVE DEGLI ULTIMI ANNI - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Federico Ercole per Dagospia

 

xenoblade chronicles 3 2 xenoblade chronicles 3 2

Aionios, ovvero il mondo dove si svolge la terza xeno-cronaca di Tetsuya Takahashi e compagnia, o l’ottava se vi aggiungiamo Chronicles X ma soprattutto gli “antichi” Xenogears e la trilogia nietzschiana di Xenosaga, opere connesse in maniera innegabile seppure ermetica, oscura, per intenzioni filosofiche e questioni di diritti.

 

Aionios, che in greco antico e biblico indica qualcosa che perdura, senza inizio né fine, eterno; un significato che sottolinea invece la tragedia della vita funzionale e atrocemente limitata alla guerra dei giovani abitanti di questo mondo-retaggio, “programmati” per vivere solo dieci anni marziali in un ciclo di adolescenza e prima maturità lottando in un insensato, secolare conflitto.

 

XENOBLADE CHRONICLES XENOBLADE CHRONICLES

Conclusosi un decennio e se non muoiono prima, questi ragazzi senza infanzia o vecchiezza vengono ritirati o meglio “tramandati” con un osceno rituale ch’essi considerano tuttavia l’apice di un’esistenza e suo onorevole coronamento. Con “Io sono l’alfa e l’omega, il primo e l’ultimo, l’inizio e la fine” dall’Apocalisse, cominciava invece il seminale Xenogears (1998).

 

Il gioco di ruolo giapponese non classico Xenoblade Chronicles 3, per Nintendo Switch, conferma la volontà di Takahashi di riportare il fantastico in una dimensione più politica, psicanalitica e filosofica, una fantascienza di simboli, ipotesi e teorie dove convivono ricordi dei  tecno-misticismi e le introspezioni di P.K. Dick, l’umanesimo di Simak, gli “oltre-uomini” di Sturgeon e tanto immaginario “robotico” e non giapponese da Astroboy a Evangelion fino al lungometraggio Sky Crawlers di Mamoru Oshii, anche questo una storia di ragazzi che non possono invecchiare creati per combattere un’altra guerra insensata.

xenoblade chronicles 3 10 xenoblade chronicles 3 10

 

Eppure la profondità concettuale della diegesi di Xenoblade Chronicles 3 non esclude il valore giocoso dell’opera, che si rivela tra le più significative dell’anno, lunghissima, travolgente e rivelatrice, un viaggio smisurato attraverso i panorami vari e magnifici di un mondo immenso, la cui progressiva scoperta è un obiettivo fondamentale e imprescindibile, un piacere avventuroso ed estetico.

 

EPICA DELLA DISERZIONE

xenoblade chronicles 3 3 xenoblade chronicles 3 3

Controlliamo un sestetto di disertori e ribelli, tre coppie, all’inizio nemiche poi alleate per infrangere le catene dell’inganno ordite da un misterioso sistema di potere: Noah, Yunie, Lanz, Miyo, Sena e Tayon. Si tratta di personaggi complessi, dal “design” più sobrio del precedente episodio, appesantiti da ricordi traumatici, finalmente liberi sebbene perseguitati. Unendo corpo e menti, le tre coppie possono diventare ognuna un Uroboros (il serpente che si morde la coda, un simbolo ancestrale che può significare l’unità di tutte le cose o l’eterno ritorno) sorta di cavallereschi, bellissimi “Mecha” il cui duplice cervello alimenta ricordi di Pacific Rim.

 

xenoblade chronicles 4 xenoblade chronicles 4

Cominciamo quindi un’impresa di decine di ore, composta da combattimenti strategici in un tempo quasi reale, complessi e appaganti; prolungati segmenti non interattivi e soprattutto esplorazione. Gli spazi di Xenoblade Chronicles 3 sono ancora più vasti dei predecessori, disegnati per divenire sempre più stupefacenti ed esaltare il desiderio di scoperta.

 

Si tratta di panorami che sembrerebbe impossibile vedere sulla (mai) “vecchia” Switch e che soffrono un poco se si gioca in portatile, ma che dimostrano il talento di Monolith Soft nell’inventare mondi. All’impianto visionario composto dalla potenza scenica e da quella narrativa delle intense scene di intermezzo si aggiunge quello sonoro, una partitura maestosa composta da Yasunori Mitsuda con il supporto di altri musicisti, un flusso coscienza che diviene melodie, timbri, armonie.

 

ASTRAZIONI MARZIALI

xenoblade chronicles 3 xenoblade chronicles 3

Gestendo una squadra di sei personaggi, alla quale se ne aggiunge spesso un altro, si potrebbe pensare che i combattimenti di Xenoblade Chronicles 3 siano caotici e forse talvolta per l’occhio lo sono, ma si tratta di una sublime astrazione cromatica e vettoriale, non di disordine, e con la pratica chi gioca riesce a dominarla con la ragione, a controllarla e gestirla. Inoltre sono richiesti un veloce pensiero strategico e una riflessiva preparazione tattica, per non soccombere. C’è un sistema di classi che all’inizio può suscitare qualche perplessità, perché sembra privare i protagonisti della loro specificità e unicità; ma procedendo nel gioco si realizza il valore ludico di questa possibilità.

 

xenoblade chronicles 3 9 xenoblade chronicles 3 9

Può invece dispiacere che non si possano impugnare e indossare  armi o armature diverse, ci sono solo accessori e “gemme” dai vari poteri, tuttavia è così pieno il menù dei personaggi, così ricco di opzioni che gestire anche un equipaggiamento più canonico sarebbe stato addirittura soverchiante. Più immediate nello svolgimento e nel compimento sono invece le innumerevoli missioni secondarie più o meno coinvolgenti.

 

Considerata la complessità della trama e le sue derive nel passato della saga, Xenoblade Chronicles 3 è consigliato soprattutto ai tanti Xeno-appassionati, ma potrebbe coinvolgere anche i neofiti per spingerli poi al recupero di questa immensa epopea.

xenoblade chronicles 3 8 xenoblade chronicles 3 8

Un videogioco drastico nel condannare la guerra come pratica dissennata, nel denunciarla come inutile massacro soprattutto di giovani, mentre rari, potentissimi vecchi si nutrono delle loro tragedie distaccati, insensibili spettatori e insieme registi di un orribile, ingiusto film della vita.

xenoblade chronicles 3 7 xenoblade chronicles 3 7 xenoblade chronicles 3 5 xenoblade chronicles 3 5

 

xenoblade chronicles 3 6 xenoblade chronicles 3 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE