DAGOGAMES BY FEDERICO ERCOLE - "SUNBREAK", PER SWITCH E PC, È LA GARGANTUESCA ESPANSIONE DI "MONSTER HUNTER RISE" CHE CI TRAGHETTA DALLA DEMONOLOGIA GIAPPONESE DEGLI YOKAI AL GOTICO DEGLI ARCHETIPI DELL’HORROR OCCIDENTALE, CON MOSTRI ISPIRATI AI LICANTROPI, A DRACULA E ALLA CREATURA DI FRANKENSTEIN. UNA BESTIALE VACANZA VIRTUALE PER FUGGIRE QUEST’ARIDA, ARDENTE, INFETTA E VIOLENTA ESTATE… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 Federico Ercole per Dagospia

monster hunter sunbreak 1 monster hunter sunbreak 1

 

Da Carletto a Castlevania, da Resident Evil Village a Darkstalkers, risulta allettante quando il Giappone si impadronisce con risultati chimerici dell’horror occidentale, riciclando e mutando soprattutto i suoi archetipi, quelli identificati da Stephen King nel teorico Danse Macabre: il Licantropo, il Vampiro e la Cosa senza Nome.  La nuova variazione giapponese del lupo mannaro, di Dracula e della creatura di Frankenstein giunge con la grande espansione di Monster Hunter Rise, ovvero Sunbreak, uscita per Nintendo Switch e PC.

 

monster hunter sunbreak 2 monster hunter sunbreak 2

Traghettandoci con stile dalla demonologia nipponica degli “yokai” del gioco originale alla superficie fantastica del romanzo gotico, Capcom amplifica  dunque il suo già straordinario bestiario con il  gorillesco Garangolm ispirato all’invenzione di Mary Shelley, con il glaciale e oscuro lupo Lunagaron, con lo spaventoso e solenne drago Malzeno che rimanda al Conte di Bram Stoker nelle sue traduzioni cinematografiche più che nell’origine letteraria.

 

monster hunter sunbreak 3 monster hunter sunbreak 3

Sunbreak arricchisce in maniera mostruosa la già gigantesca simulazione fanta-venatoria di Rise, trasformandolo in uno dei Monster Hunter più riusciti, immediati e appaganti sia che si desideri cacciare da soli (il metodo più cavalleresco) che in cooperativa locale o online (un po’ scorretto verso le bestie, anche se almeno questa volta il numero dei giocatori che le caccia determina un aumento di difficoltà).

 

monster hunter sunbreak 4 monster hunter sunbreak 4

Monster Hunter Rise aveva un punto debole, le missioni “Furia”, uno scervellato e caotico assalto continuo di mostri obbligatorio in alcuni noiosi ma per fortuna pochi passaggi necessari per proseguire nel gioco. In Sunbreak, mutandi lo scenario e già scoperta ed eliminata la causa delle “Furie”, queste non esistono più! Capcom ha ascoltato il suo pubblico di appassionati che quasi sempre ha torto (da Mass Effect 3 in poi) ma questa volta no.

monster hunter sunbreak 5 monster hunter sunbreak 5

 

Per cominciare Sunbreak bisogna tuttavia finire Rise, e dovrete quindi tollerare le “Furie” come tutti i cacciatori di mostri prima di voi; ma non preoccupatevi sono poche quelle inevitabili, meno ostiche di quello che si potrebbe pensare e soprattutto queste non penalizzano lo svolgimento comunque epico e spettacolare del gioco.

 

monster hunter sunbreak 6 monster hunter sunbreak 6

LA CACCIA SI FA (DAVVERO) DURA

Sunbreak è quello che nella storia di Monster Hunter si chiamava versione “G”, un’espansione definitiva che introduceva nuovi elementi narrativi, mostri e una difficoltà più elevata. Assecondando questa tradizione ogni sfida di Sunbreak risulta assai più ostica anche delle missioni più complesse che concludevano Rise, e il rapporto bestiale tra uomo e mostro (laddove anche l’uomo è mostro nell’accezione di Nietzsche) è più equilibrato, tornando le bestie ad essere davvero punitive e spesso vittoriose.

 

monster hunter sunbreak 7 monster hunter sunbreak 7

Per sconfiggere un velocissimo, nero e perfido Nargacuga; per vincere schivando le code tossiche e le fiamme di Rathian e Rathalos; o per trionfare sui viola fumi esplosivi del Magnamalo ci vorranno (da soli almeno) oltre trenta minuti di lotta, consumando ogni risorsa, soccombendo inevitabilmente se non si indossa l’armatura adatta e non si impugna l’arma giusta. Insomma, Sunbreak è un puro Monster Hunter “G”, destinato a crescere ancora, mese dopo mese, con aggiornamenti gratuiti che introdurranno nuove creature o nuove mutazioni.

monster hunter sunbreak 8 monster hunter sunbreak 8

 

TRA SPIAGGE TROPICALI E RUDERI DI UN MEDIOEVO PSEUDO TRANSILVANO

Può sembrare in contraddizione con il tono gotico che una delle due nuove ambientazioni aggiunte da Sunbreak a Rise sia composta da spiagge tropicali, dalle quali si espandono caverne e colli invasi dalla giungla. Si tratta di una regione già vista nella serie Capcom e qui rivisitata in maniera drastica, per uniformarla alle nuove idee ludiche ed esplorative introdotte con Rise; la sua assolata presenza non stona tuttavia con la tetra atmosfera generale, così evidente nella regione assai cupa e “transilvanica” della Cittadella, perché le creature mostruose condizionano il paesaggio, rimandando inoltre ad un’altra tipologia di horror occidentale, quello “da spiaggia” da lo Squalo di Spielberg/Benchley in poi.

 

monster hunter sunbreak 14 monster hunter sunbreak 14

Sunbreak ci offre inoltre la possibilità di tornare ad esplorare le regioni di Rise con nuove missioni. Ci sono altre novità, oltre la mai troppo lodata latitanza delle “Furie”: caccie cooperative con personaggi gestiti dall’intelligenza artificiale per il giocatore solitario e sconnesso che vuole provare comunque l’ebbrezza della cooperazione o la possibilità davvero vincente di “equipaggiare” due set di mosse speciali o la facoltà di accelerare la fusione degli utilissimi talismani.

monster hunter sunbreak 13 monster hunter sunbreak 13

 

Con le sue lunghe cacce convulse quanto strategiche, la sua quieta e riflessiva esplorazione, l’attenta raccolta delle risorse e la contemplazione dei panorami selvaggi e magnifici di una natura quasi possibile, Monster Hunter Sunbreak è una ferina vacanza virtuale nell’altrove, videogioco ideale per viaggiare da fermi verso una preistoria favolosa che risulta brutale e sanguinaria ma non come il sudato, infetto, disseccato, bruciante e guerresco presente.

 

 

monster hunter sunbreak 11 monster hunter sunbreak 11 monster hunter sunbreak 10 monster hunter sunbreak 10 monster hunter sunbreak 9 monster hunter sunbreak 9 monster hunter sunbreak 12 monster hunter sunbreak 12

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?