CAFONALINO – LA SPETTINATISSIMA ALDA FENDI E IL FEDELE RAFFAELE CURI PIAZZANO DAVANTI ALL’ARCO DI GIANO 70 MANICHINI IN KIMONO, PER LA PERFORMANCE “NU-SHU - LE PAROLE PERDUTE DELLE DONNE” – HA TIMBRATO IL CARTELLINO IL MEJO GENERONE CACIO E PEPE: SGARBI, MARISELA FEDERICI, VITTORIO SGARBI, URBANO BARBERINI, MARIAPIA RUSPOLI E FERDINANDO BRACHETTI PERETTI CHE FA IL SIMPATICONE CON MASCHERINA IN FACCIA…

-

Condividi questo articolo


Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

Simona Isacchini per www.exibart.com

 

alda fendi marisela federici foto di bacco alda fendi marisela federici foto di bacco

Dopo 28 anni, l’Arco di Giano è stato di nuovo aperto al pubblico grazie alla collaborazione tra Alda Fendi e la Soprintendenza Speciale di Roma. «La mia Fondazione è felice di aprire al pubblico la prestigiosa area dell’Arco di Giano – spiega Alda Fendi – e di favorire la fruizione di un importante monumento.

 

Da 20 anni ho esplorato il mondo dei Fori Imperiali lasciando testimonianze artistiche e spettacolari. Ringrazio il Soprintendente Speciale Daniela Porro per la sua Lungimiranza». Per un evento firmato Fendi non ci si può che aspettare una riapertura in grande stile. Infatti, il monumento è stato protagonista di “NU-SHU – Le parole perdute delle donne”, performance contro il femminicidio, elaborata ad hoc da Raffaele Curi.

arco di giano foto di bacco (1) arco di giano foto di bacco (1)

 

NU-SHU: le parole perdute delle donne all’Arco di Giano

«È con gioia che apriamo gratuitamente l’Arco di Giano – spiega la soprintendente speciale di Roma Daniela Porro –, un monumento amato dai romani e che colpisce i visitatori di tutto il mondo. Lo facciamo con la Fondazione Alda Fendi Esperimenti, con la performance NU-SHU, una virtuosa collaborazione».

 

manichini di donne in kimono foto di bacco (1) manichini di donne in kimono foto di bacco (1)

Una action di nove minuti che amalgama i segni dell’arte con la quotidianità e il presente, questa è la performance pensata da Raffaele Curi per l’occasione. La conquista della parola e dell’autodeterminazione sono i temi con cui il regista ha scelto di affrontare il femminicidio. “NU-SHU – Le parole perdute delle donne” riprende un linguaggio appartenente alla tradizione cinese e lo porta in scena con uno sguardo visionario.

ferdinando brachetti peretti urbano barberini foto di bacco ferdinando brachetti peretti urbano barberini foto di bacco

 

Il Nu-shu è un idioma segreto sviluppato in Cina molto tempo fa: una lingua esclusivamente femminile custodita gelosamente e tramandata per generazioni. Il Nu-shu rappresenta la ribellione di fronte alle imposizioni di una società maschilista: la parola diventa strumento di libertà.

 

All’interno della cancellata dell’Arco di Giano, 70 sontuosi kimono nuziali in seta bianca (frutto di una lunga ricerca condotta in Cina da Alda Fendi) evocano la presenza e le storie di altrettante donne, sulle note dell’aria “Je veux vivre dans le rêve” tratta da “Romeo et Juliette” di Charles Gounod, nella versione del soprano Nadine Sierra. Così, si è presentata questa importante restituzione alla città, venerdì 5 novembre in due repliche nella stessa serata (alle 21.15 e alle 21.45).

 

nestor ponguta puerto urbano barberini mariapia ruspoli alda fendi foto di bacco nestor ponguta puerto urbano barberini mariapia ruspoli alda fendi foto di bacco

L’Arco di Giano torna alla città

Monumento tra i principali del Foro Boario, l’Arco di Giano è l’unico arco onorario a pianta quadrangolare al centro della città, intitolato al dio bifronte per la sua forma. Fu per volontà dei figli di Costantino che l’arco venne edificato, dopo la morte del padre nel IV secolo.

 

Dopo l’attentato del 28 luglio 1993, l’Arco di Giano venne chiuso per restauro e circondato da una cancellata. In questi anni è stato possibile accedervi solo in rare occasioni. Già nel 2018 Alda Fendi si era spesa per ridonare luce a questo monumento con un’illuminazione firmata Vittorio Storaro. Dal 13 novembre, ogni sabato l’Arco di Giano sarà fruibile con ingresso libero, dalle 10 alle 14 e dall’ultima domenica di marzo dalle 16 alle 20.

roberto e roberta petronio con francesco marchioni foto di bacco roberto e roberta petronio con francesco marchioni foto di bacco mariapia ruspoli alda fendi giovanna caruso fendi foto di bacco mariapia ruspoli alda fendi giovanna caruso fendi foto di bacco saverio vallone con la figlia caterina foto di bacco saverio vallone con la figlia caterina foto di bacco sabrina colle vittorio sgarbi foto di bacco sabrina colle vittorio sgarbi foto di bacco daniela porro foto di bacco (2) daniela porro foto di bacco (2) saverio vallone foto di bacco saverio vallone foto di bacco marisela federici ferdinando brachetti peretti raffaele curi foto di bacco marisela federici ferdinando brachetti peretti raffaele curi foto di bacco manichini di donne in kimono foto di bacco (2) manichini di donne in kimono foto di bacco (2) ferdinando brachetti peretti foto di bacco ferdinando brachetti peretti foto di bacco mita medici foto di bacco mita medici foto di bacco daniela porro foto di bacco (1) daniela porro foto di bacco (1) marisela federici raffaele curi foto di bacco marisela federici raffaele curi foto di bacco arco di giano foto di bacco (2) arco di giano foto di bacco (2) raffaele curi urbano barberini mariapia ruspoli alda fendi foto di bacco raffaele curi urbano barberini mariapia ruspoli alda fendi foto di bacco saverio vallone e mita medici foto di bacco saverio vallone e mita medici foto di bacco manichini di donne in kimono foto di bacco (3) manichini di donne in kimono foto di bacco (3) raffaele curi mita medici vittorio sgarbi alda fendi sabrina colle foto di bacco raffaele curi mita medici vittorio sgarbi alda fendi sabrina colle foto di bacco urbano barberini mariapia ruspoli alda fendi con la figlia giovanna foto di bacco urbano barberini mariapia ruspoli alda fendi con la figlia giovanna foto di bacco marisela federici e ferdinando brachetti peretti foto di bacco marisela federici e ferdinando brachetti peretti foto di bacco raffaele curi vittorio sgarbi alda fendi foto di bacco raffaele curi vittorio sgarbi alda fendi foto di bacco raffaele curi mita medici vittorio sgarbi foto di bacco raffaele curi mita medici vittorio sgarbi foto di bacco urbano barberini marisela federici ferdinando brachetti peretti foto di bacco urbano barberini marisela federici ferdinando brachetti peretti foto di bacco

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“NON SONO CONTRARIO, SONO SOLO ATTENDISTA. LA FRETTA BISOGNA AVERLA SULLE TERZE DOSI” - IL MICROBIOLOGO ANDREA CRISANTI NON È CONVINTO DALLA VACCINAZIONE DEI BAMBINI: “L’AUTORIZZAZIONE È BASATA SU UNO STUDIO CHE HA COINVOLTO CIRCA DUEMILA BAMBINI. UNA CASISTICA LIMITATA. CON QUESTI NUMERI SI DOVREBBE PARLARE AL MASSIMO DI STUDIO PRELIMINARE” - POI PER UNA VOLTA SEMBRA QUASI OTTIMISTA: “LA VARIANTE OMICRON? SE SI SCOPRISSE CHE SIA RESPONSABILE DI SINTOMI LIEVI SAREBBE LA PROVA CHE L’EPIDEMIA È FINITA”