IL MET SCENDE IN ''CAMP'' (MA SBAGLIA TEMA) - VIDEO: TUTTI, MA PROPRIO TUTTI I LOOK FOLLI DEL GALA PIÙ MODAIOLO DELL'ANNO, STAVOLTA DEDICATO AL CAMP, ANCHE SE MOLTI HANNO CANNATO COMPLETAMENTE. PER FORTUNA C'ERANO GLI ITALIANI: ALESSANDRO MICHELE GENDER FLUID CON HARRY STYLES, LA VERSACE PERVESTITA FLUO, JOAN COLLINS ''DYNASTY'', LADY GAGA CON 4 OUTFIT, KATY PERRY CANDELABRO. GLI UOMINI FANNO DA "+1" DELLE DONZELLE, TRANNE POCHI CORAGGIOSI: JARED LETO CON TESTA SOTTOBRACCIO, BILLY PORTER DIVINITA' EGIZIA

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Serena Tibaldi per https://d.repubblica.it/

harry styles e alessandro michele di gucci versione gender fluid harry styles e alessandro michele di gucci versione gender fluid

 

Meno male che c’erano gli Italiani, perché senza di loro il red carpet di quest’edizione del Met Gala sarebbe stata ben poca cosa. E sì che il tema prometteva bene, visto che si parlava di camp (il titolo della mostra, aperta dal pubblico da giovedì 9 maggio, è “Camp: Notes on Fashion”): l’artificiale, l’esagerato, il finto, l’eccessivo; per un gala tutto dedicato all’apparire come quello del Metropolitan Museum, un tema simile era una passeggiata di salute. Basti pensare che l’anno scorso, in occasione della mostra dedicata all’estetica cattolica, c’è stato chi s’è presentato vestito da papa (Rihanna), o con un presepe montato sulla testa (Sarah Jessica Parker).

priyanka chopra nick jonas priyanka chopra nick jonas

 

E invece non è stato così: in troppi hanno preferito evitare il rischio di non apparire “classicamente” belli optando per mise decisamente più sicure, dunque blande, dunque noiose. Il che, quando si ha a che fare col camp, è un peccato mortale. Lo aveva preannunciato Pierpaolo Piccioli, direttore creativo di Valentino, che durante la preview aveva previsto che “La vera exhibition stavolta sarà il red carpet, più che le sale in mostra”; lo stilista ha parlato con cognizione di causa, visto che tra le sue ospiti c’è stato uno degli assi indiscussi della serata, una Joan Collins in pieno look Dynasty che ha mandato in visibilio tutti, dimostrando che in certi frangenti credere fino in fondo a ciò che si fa, allontanandosi pure dal seminato, sia la cosa migliore.

lupita nyong o lupita nyong o

 

 

Ma si parlava di salvatori italiani della serata al plurale, e così è stato. Da Gucci, main sponsor della mostra, il tavolo presieduto da Alessandro Michele pareva una lezione su cosa sia camp oggi (e infatti l’accoppiata tra il marchio e il museo è una delle più indovinate di sempre, visto il fulcro di tutto), tra lo stilista in lamé, Harry Styles in blusa di chiffon nera , Florence Welch e Saoirse Ronan trasformate in pregevoli memorabilia kitsch e Jared Leto con sua testa sottobraccio e abito lungo rosso sangue. Benpensanti scandalizzati: segno che il look era giusto.

 

lily e richard quinn lily e richard quinn

Discorso analogo per Versace, con una strepitosamente sopra le righe Lupita Nyong’o a far vedere cosa significhi davvero “dress to impress”, e Prada, dove Elle Fanning in Miu Miu pareva la versione pompata a mille delle valley girls degli anni ’60. E poi c’era la corazzata Moschino, un marchio senza cui questa mostra non avrebbe nemmeno ragion d’essere. Le rappresentanti del brand erano talmente tante da arrivare non in limousine, ma in torpedone monogrammato. A vincere è stata Katy Perry vestita da lampadario (funzionante), che durante le foto canticchiava allegra “Chandelier” di Sia. Pure questo è total look.

 

katy perry diane von furstenberg katy perry diane von furstenberg

Per il resto, picchi relativi: persino l’arrivo di Lady Gaga, con 4 cambi e carrellino portabibite al seguito, non era camp più di tanto (teatrale sì, camp no). A riaddrizzare le cose ci sono volute Celine Dion in versione ballerina di Las Vegas e le tanto odiate e vituperate sorelle Kardashian - Jenner a risollevare la serata. Le ragazze, grazie a una vita passata sotto le telecamere, col camp ci sono cresciute, e non hanno alcun problema a usarne l’immaginario. E se Kim in versione omaggio a Sophia Loren era notevole, a strappare gli applausi sono state le più piccole, Kendall e Kylie, che hanno dichiaratamente preso spunto dalle sorellastre di Cenerentola, Genoveffa e Anastasia. Chi l’avrebbe mai detto: meno male che c’erano loro. O per meglio dire: loro e Cher, che s’è esibita cantando Waterloo degli Abba. Camp all’ennesima potenza. Almeno lei.

joe jonas sophie turner joe jonas sophie turner joan collins joan collins

 

le chiappone di kim kardashian le chiappone di kim kardashian donatella versace donatella versace patatine del mcdonald all after party patatine del mcdonald all after party laverne cox laverne cox patatine del mcdonald all after party patatine del mcdonald all after party celine dion celine dion naomi campbell naomi campbell lady gaga lady gaga celine dion celine dion darren criss darren criss kim e kanye kim e kanye lady gaga lady gaga dapper dan dapper dan ciara ciara dakota johnson dakota johnson lady gaga lady gaga hailey bieber e kendall jenner hailey bieber e kendall jenner hailey baldwin in alexander wang hailey baldwin in alexander wang cara delevingne cara delevingne joan collins joan collins cara delevingne cara delevingne cardi b e il suo red carpet cardi b e il suo red carpet cardi b cardi b billy porter ali spiegate billy porter ali spiegate billy porter portato da maschioni billy porter portato da maschioni billy porter billy porter caroline trentini caroline trentini katy perry katy perry emily ratajkowski emily ratajkowski elle fanning elle fanning florence welch florence welch emily ratajkowski emily ratajkowski emma stone emma stone ella balinska, kerry washington tory burch ella balinska, kerry washington tory burch gal gadot gal gadot ezra miller ezra miller gigi hadid gigi hadid gabrielle union gabrielle union gwyneth paltrow gwyneth paltrow giselle bundchen giselle bundchen gwen stefani gwen stefani lady gaga lady gaga lady gaga lady gaga lady gaga uno degli outfit lady gaga uno degli outfit julianne moore julianne moore lady gaga lady gaga miley cyrus e liam hemsworth miley cyrus e liam hemsworth joan smalls joan smalls laverne cox laverne cox katie holmes katie holmes miley cyrus e liam hemsworth miley cyrus e liam hemsworth lily aldridge e joan smalls lily aldridge e joan smalls lily rosie huntington whiteley gigi hadid lily rosie huntington whiteley gigi hadid benedict cumberbatch sophie hunter benedict cumberbatch sophie hunter ashley graham ashley graham ashley graham ashley graham bella hadid bella hadid bella hadid bella hadid maria sharapova maria sharapova liza koshy liza koshy mindy kaling mindy kaling jennifer lopez jennifer lopez akwafina akwafina lady gaga lady gaga amber valletta amber valletta alicia keys alicia keys amber valletta amber valletta anna wintour e bee anna wintour e bee anna wintour anna wintour jeff bezos con kim kardashian kendall e kylie jenner e jared leto jeff bezos con kim kardashian kendall e kylie jenner e jared leto harry styles e alessandro michele di gucci versione gender fluid harry styles e alessandro michele di gucci versione gender fluid irina shayk irina shayk i jenner kardashian i jenner kardashian jeff bezos con kim kardashian kendall e kylie jenner e jared leto jeff bezos con kim kardashian kendall e kylie jenner e jared leto irina shayk irina shayk irina shayk irina shayk janelle monae janelle monae jennifer lopez jennifer lopez jeff bezos con leto e jenner jeff bezos con leto e jenner winnie harlow winnie harlow zoe kravitz zoe kravitz wendi murdoch wendi murdoch tiffany haddish versione pimp al femminile tiffany haddish versione pimp al femminile tracee ellis ross tracee ellis ross sienna miller sienna miller selma hayek selma hayek kim kardashian kim kardashian kristen stewart kristen stewart kyle e kendall jenner in versace kyle e kendall jenner in versace la la anthony la la anthony regina hall regina hall rita ora kate moss rita ora kate moss regina king regina king saoirse ronan saoirse ronan serena williams after party serena williams after party serena williams con il marito alexis oanian serena williams con il marito alexis oanian lupita nyong o lupita nyong o

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE