“Non si può governare una città come FOSSE un convento di clausura. lo dico a quello stronzo di Croppi. a Roma, COME a Milano, CONTANO PIù LE idee DEI soldi” - L’ASSESSORE: ‘Sgarbi gioca a fare il simpatico. Mi dà dello stronzo e ci rido su...’

Condividi questo articolo
  • Simona De Santis per il \"Corriere della Sera - Roma\"
    Foto di Umberto Pizzi da Zagarolo

    MarinaMarina Ripa Di Meana e Vittorio Sgarbi - Copyright Pizzi

    Le premesse c\'erano già tutte. Vittorio Sgarbi arriva puntualissimo, al Tempio di Adriano, per la presentazione del suo nuovo libro - «Clausura a Milano e non solo. Da Suor Letizia a Salemi (e ritorno)», Bompiani -: saluta gli ospiti (Oliviero Toscani, Marta Bravi, Folco Quilici, Marina Ripa di Meana), si inalbera al telefono, si siede. Poi inizia a parlare e ne ha per tutti, da Fabrizio Cicchitto a Marco Travaglio, al sindaco Domenici di Firenze («è un disperato »). Alla fine ci scappa un (goliardico) «stronzo» all\'assessore capitolino alla Cultura, Umberto Croppi.

    «Non si può governare una città come fosse un convento di clausura - incalza Vittorio Sgarbi - lo dico (e lo indica, ndr) a quello stronzo di Croppi... a Roma, come a Milano, servono più le idee che i soldi».

    L\'assessore è seduto in prima fila: «Sgarbi gioca a fare il simpatico. Mi dà dello stronzo e io ci rido su...» spiega, lasciando in anticipo la presentazione. Ma Sgarbi insiste: «Mi chiamano a Roma per sostenere la campagna elettorale di Alemanno puntando sull\'Ara Pacis da abbattere, poi vincono le elezioni e non mi cagano più di striscio».

    GelasioGelasio Gaetani Lovatelli - Copyright Pizzi

    Nota dolente, l\'Ara Pacis: «È ancora lì in piedi, costata 20 milioni di euro, quando bastava darne uno a Veltroni per non farla». E conclude: «L\'Ara Pacis è ancora nelle mani di questo stronzo di Croppi e di quell\'altro di Broccoli (Umberto, neo soprintendente dei Beni culturali di Roma, ndr), ideata dall\'altrettanto stronzo, fascista, americano, immondo di Meier. L\'Ara Pacis è una merda secca».

    Croppi taglia corto: «Negli ultimi 8 mesi siamo andati avanti solo con le idee. Poi, se uno dovesse assumere tutti quelli che sostengono una campagna elettorale...Vorrà dire che faremo un gemellaggio Roma-Salemi, il paese siciliano dove Sgarbi è sindaco».

    Ma Sgarbi non è ancora placato: «I musei civici di Roma sono il massimo esempio di clausura, si pensi al Macro...»; «Altro scempio quella scatola caustrofobica dell\'ascensore del Vittoriano»; «Poi piazza San Cosimato, un delitto...». All\'uscita una signora blocca Sgarbi per una foto: «Un giorno sarà sindaco...ma di Roma« dice la signora. E Sgarbi: «Beh, non lo auguro a nessuno...».

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    business

    cronache

    AGNELLI PRONTI A SCANNARSI - RIESPLODE LA GUERRA PER L' EREDITÀ MILIARDARIA DI DONNA MARELLA - MARGHERITA (CHE SI È VISTA AFFIDARE DAL TRIBUNALE SVIZZERO I FIGLI DELLA FIGLIA MARIA) NON INTENDE RINUNCIARE ALLA QUOTA LEGITTIMA - L' AVVOCATO DI JOHN ELKANN RISPONDE CHE I BENI DELLA NONNA SPETTANO A LUI: “LEI HA FIRMATO LA RINUNCIA” - SALTATA LA RIUNIONE DI FAMIGLIA INDETTA DOPO 15 ANNI PARE CHE AD ANNULLARLA SIA STATA PROPRIO COLEI CHE PIÙ LO DESIDERAVA: MARGHERITA. CHE COSA È ACCADUTO? MARGHERITA VOLEVA UN COLLOQUIO TRA LEI, IL PROPRIO LEGALE E JOHN. MA LUI AVREBBE DETTO…

    sport

    cafonal

    viaggi

    salute