POCHE STELLE E MOLTI “SVIPPATI” IERI SUL RED CARPET DEL FESTIVAL DI VENEZIA – FRANCESCA VERDINI, SENZA REGGISENO, TRASCINA CON SE' SALVINI MA LA FOLLA MUGUGNA: "DATECI GLI ATTORI" - SARAH FERGUSON SI METTE UN PO' TROPPO COMODA, AIDA YESPICA INDOSSA UN ABITO CHE SEMBRA UNA CORNICE – AD ACCENDERE I BOLLORI CI PENSANO SARA SAMPAIO, CHE SCOPRE LA SCHIENA, E VALENTINA CORVINO A CUI SFUGGE UN CAPEZZOLO...

Condividi questo articolo


Gian Luca Bauzano per www.corriere.it

 

Sarah Ferguson: comfort zone 5

elisabetta gregoraci elisabetta gregoraci

Ormai non c’è red carpet che si rispetti che non abbia un suo rappresentante royal. Meglio se un duca o una duchessa. Così ecco di verde bottiglia vestita apparire sul red carpet di «The Son», Sarah Ferguson, duchessa di York. Modello morbido, un po’ effetto vestaglia e molto da comfort zone per la ex moglie del principe Andrea. Certo non è un royal event a Buckingham Palace però anche senza tiara una scelta più ducale ci stava (AFP)

 

Matteo Salvini e Francesca Verdini: romantici 6

Elezioni in arrivo. E le passerelle perfette per raccontarsi. Matteo Salvini per mano con la fidanzata Francesca Verdini calcano il red carpet Lagunare. Lui in tuxedo di rigore, basico, senza concessioni, lei con tailleur grisaglia da sera. Sorridenti, lui la bacia e la stringe. Lei sorride. La sufficienza al romanticismo. (ANSA)

 

Sara Sampaio: dark lady 7,5

Altro red carpet all’insegna degli abiti da gran sera neri. Sara Sampaio ne sceglie uno con schiena scoperta, un fiume di paillettes nere. La scollatura sulla schiena e il décolleté coperto è uno dei trend di questo evento. La modella porta il tutto con strepitosa disinvoltura e sguardo seducente (Getty)

sarah ferguson sarah ferguson

 

Tilda Swinton: danzante 8

Eccentrica? Certo Tilda Swinton sfugge alla centralità della banalità ed eccola con un caftano nero che indossa con passo danzante. E affabulante. E questa volta il “look” dei capelli diventa un pixie cut, tendenza del momento. La pennellata giallo paglierino della pettinatura tocco calibrato di colore. (AFP)

 

Aida Yespica: incorniciata 5

Il modello a sirena, un po’ Morticia si è già visto. Aida Yespica lo rende luminoso con un balconcino/cornice sul décolleté. L’effetto è festoso ma anche un po’ natalizio (Getty)

 

Hugh Jackman: dall’Australia con rigore 7,5

Impeccabile Hugh Jackman. Nulla da eccepire. E ci sta. Tuxedo con collo a scialle, camicia con bottone nero e papillon dalle ali importanti e le proporzioni della giacca calibrate. Dall’Australia con rigore. Leone d’oro per la scelta (AFP)

aida yespica aida yespica

 

Elisabetta Gregoraci: “abbaliata” 5

Sorride sempre come se non ci fosse un domani Elisabetta Gregoraci. E si chiude in un modello arricchito da un ricamo cerniera di spille da balia. Spacco provocante che evoca l’effetto del tatuaggio di Belen a Sanremo. Ma già all’arrivo al Lido nel pomeriggio aveva dato indicazioni sullo stile Lagunare prescelto (Getty)

 

Natasha Poly: allacciata 7

Look total black molto aggressive per Natasha Poly by Dolce & Gabbana. Bustier profilato, spacco con allacciatura bustier e tacco vertiginoso. Sguardo luminoso come i diamanti by Pomellato che sfoggia. E posizione da diva della passerella (Getty)

 

Vanessa Kirby: hollywoodiana 7,5

Una cascata di cristalli e strascico plumeté per la britannica Vanessa Kirby il tutto Valentino The Beginning Haute Couture. E’ vero che siamo a Venezia, ma lo stile, really, davvero hollywoodiano (AFP)

 

vannesa kirby 2 vannesa kirby 2

Laurie, Canning e Carcassonne: disperati 4

A volte le imposizioni di lavoro poco son gradite. Sembrerebbe così per Joanna Laurie, Iain Canning e Philippe Carcassonne. Espressione disperata, look stropicciato. Specie per Carcassonne che potrebbe avere l’unica scusante di aver perso la valigia. L’ombrello invece quello no (Getty)

 

Alessandro Basciano e Sophie Codegoni: banali 3

C’era una volta Fedez che chiedeva a Chiara Ferragni di sposarla sul palcoscenico dell’Arena. In agguato il «The day after» effetto emulazione. Si è ripetuto commovendoci, come nel recente caso dei primi ballerini della Scala Nicoletta Manni e Timofej Andrijashenko, poi effetto clone banale. Così anche i gieffini/isolani televisivi Alessandro Basciano e Sophie Codegoni si sono promessi eterno (chissà?) amore sul red carpet Lagunare. Tra il frame di un musical nostrano, la (finta) espressione stupita di entrambi davvero lascia a desiderare. Cosa non si fà per una foto. (Getty)

 

Anna Pettinelli: meringata 5

vanessa kirby vanessa kirby

Emerge sorridente dalla sua spuma di georgette/chiffon Anna Pettinelli. L’effetto meringa/meringata era prevedibile. Ma si sa per reggere una kermesse come quella veneziana ci vuole tanta energia.

 

Demetrio Albertini: costretto 3

Il red carpet non è il campo da calcio ma i cartellini rossi ci sono anche qui. Così il sorridente Demetrio Albertini ne guadagna uno per la scelta di camicia e tuxedo. Camicia troppo stretta maniche della giacca troppo lunghe. Tra il rigore e l’autogol. Nonostante la presenza della moglie Uriana Capone con un modello vaporoso e dai colori preziosi, la pagella è quasi da bocciatura (LaPresse)

 

Didi Stone: imperiale 7,5

Certo gioca facile la modella francese Didi Stone volto, chioma, décolleté. Dato di fatto che la scelta del suo abito, dalle ricchezze imperiali la rendono davvero un’apparizione notturna da sogno ( (AFP)

 

Valentina Corvino: balneare 4/5

vanessa kirby 3 vanessa kirby 3

Venezia, il Lido e... Valentina Corvino forse ha passato la giornata sulla battigia. Eccola di corsa arrivare sul red carpet. Capello ancora umido, top nude evocazione bikini, abito effetto un po’ copri costume. E il sandalo fucsia ulteriore dettaglio. E fa la differenza (Getty)

 

Daniela Santanché e Dimitri Kunz: romantici 6

Red carpet politicamente par condicio. Così anche per Daniela Santanché e Dimiri Kunz un tocco romantico che porta come per Salvini & Verdini, la sufficienza (AFP)

 

Julia Tiberio: geometrica optical 7

Ecco, un tocco di Less is more ci voleva. Ci pensa Julia Tiberio con il suo abito optical geometrico con un gioco cut out per molte, più che rischioso ma per lei più che vincente (Getty)

 

Alice Diop: momento Think Pink 7

sara sampaio sara sampaio sara sampaio 4 sara sampaio 4

Come ogni sera il momento Think Pink non poteva mancare. Questa volta ci pensa la regista francese Alice Diop in Valentino. E il soprabito vestaglia così portato la rende molto seducente (Afp)

VALENTINA CORVINO VALENTINA CORVINO

sara sampaio 3 sara sampaio 3 sara sampaio 2 sara sampaio 2 natasha poly 3 natasha poly 3 natasha poly natasha poly matteo salvini e francesca verdini matteo salvini e francesca verdini laura dern 2 laura dern 2 laura dern 3 laura dern 3 hugh jackman hugh jackman laura dern 4 laura dern 4 laura dern laura dern natasha poly 2 natasha poly 2 matteo salvini francesca verdini 2 matteo salvini francesca verdini 2 matteo salvini francesca verdini 3 matteo salvini francesca verdini 3 aida yespica 2 aida yespica 2 aida yespica 3 aida yespica 3 matteo salvini francesca verdini matteo salvini francesca verdini aida yespica 4 aida yespica 4 aida yespica 5 aida yespica 5 tommaso ragno tommaso ragno alessandro basciano e sophie codegoni 5 alessandro basciano e sophie codegoni 5 alessandro basciano e sophie codegoni 6 alessandro basciano e sophie codegoni 6 alessandro basciano sophie codegoni alessandro basciano sophie codegoni alessandro basciano e sophie codegoni 2 alessandro basciano e sophie codegoni 2 alessandro basciano e sophie codegoni 4 alessandro basciano e sophie codegoni 4 anna pettinelli anna pettinelli hugh jackman 2 hugh jackman 2 hugh jackman 4 hugh jackman 4 hugh jackman 5 hugh jackman 5 hugh jackman 3 hugh jackman 3 elisabetta gregoraci 2 elisabetta gregoraci 2 Sarah Ferguson Sarah Ferguson demetrio albertini demetrio albertini elisabetta gregoraci 3 elisabetta gregoraci 3 tommaso ragno 2 tommaso ragno 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...