''L'ARTE PUÒ ESSERE IMMORALE E ANTIFEMMINISTA'' - ELISABETTA SGARBI CONTRO LE REGOLE DEGLI OSCAR: ''BISOGNA DECIDERE UNA VOLTA PER TUTTE SE L'ARTE DEVE ESSERE 'MORALE' E 'GIUSTA' OPPURE NO. NESSUN ARTISTA DEGNO DI TALE NOME POTREBBE, NEL PROCESSO CREATIVO, TENERE CONTO DI REGOLE ESTERNE. POTREBBERO IMPORGLIELE, MA QUESTO SI CHIAMA VIOLENZA. PECCATO PER GLI STATI UNITI CHE…''

-

Condividi questo articolo


Elisabetta Sgarbi per il ''Corriere della Sera''

 

elisabetta sgarbi editrice la nave di teseo elisabetta sgarbi editrice la nave di teseo

Bisogna decidere una volta per tutte se l' arte deve essere «morale» e «giusta» oppure no.

La civiltà europea, a partire dai greci, si è battuta per un' arte che avesse libertà assoluta, anche di essere degenerata, sbagliata, immorale e contro il sistema di giustizia di volta in volta vigente. Abbiamo nella nostra storia accresciuto una sensibilità che oppone l' arte ai decreti del potere, anche se questi sono considerati giusti in quel determinato frangente storico. E la nostra civiltà europea dovrebbe avere acquisito anche un' altra consapevolezza, che i valori morali e le norme di legge hanno una valore storico, non sono legge di Dio.

 

Gli Stati Uniti sono una civiltà relativamente giovane, e non hanno questa consapevolezza. Peccato per loro.

Ma io, da donna, rivendico la possibilità dell' arte di essere immorale e ingiusta, anche maschilista e antifemminista: e lo rivendico perché rivendico la libertà dell' arte e la mia di essere donna come voglio io e non come è «giusto» che sia.

 

Peraltro, nessun artista degno di tale nome potrebbe, nel processo creativo, tenere conto di regole esterne. Potrebbero imporgliele, ma questo si chiama violenza. Bisogna essere vigili, e dobbiamo esserlo soprattutto noi donne. Cedere a questa lusinga del potere, oggi, potrebbe significare legarsi le mani e la mente per il futuro.

elisabetta sgarbi 3 elisabetta sgarbi 3

 

Con il mio film, da me diretto e prodotto, presentato alle Giornate degli autori della Mostra del Cinema di Venezia, Extraliscio - Punk da balera, ho avuto l' onore di ricevere il «Premio Siae». Ho abbracciato la band di soli uomini su cui ho fatto il film, convinti che sia stato giudicato il nostro lavoro non il nostro genere. Ho pensato di avere avuto un premio per la qualità del mio lavoro, non perché sono donna.

 

Altro discorso è quanto promosso dalla Berlinale. Mi sembra anch' esso una concessione al politically correct, ma in fondo diventa un premio alla qualità della interpretazione e poco importa se maschile o femminile. Quindi ci può stare.

nave di teseo casa editrice elisabetta sgarbi umberto eco buttafuoco nave di teseo casa editrice elisabetta sgarbi umberto eco buttafuoco

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

business

cronache

DATECE UBER! – CHE VERGOGNA: ALL’AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO I TASSISTI SI RIFIUTANO DI ACCOMPAGNARE I PASSEGGERI NEI QUARTIERI VICINI COME OSTIA, ACILIA, CASAL PALOCCO O SPINACETO. LA SPIEGAZIONE È SEMPLICE: INCASSANO TROPPO POCO RISPETTO AI CLIENTI CHE VANNO IN CENTRO, COSTRETTI A SGANCIARE ALMENO 50 EURO - LA TESTIMONIANZA DI UN UOMO CHE SI È VISTO RIFIUTARE DA TUTTI GLI AUTISTI: “ALLA FINE MI SONO RIVOLTO A DUE FINANZIERI CHE HANNO INTIMATO A UN TASSISTA DI FARMI SALIRE. MA UNA VOLTA A BORDO…” - VIDEO

sport

“A PENSAR MALE SI FA PECCATO, MA SPESSO CI SI AZZECCA” – UNA LETTRICE MALIZIOSA SCRIVE A FRANCESCO MERLO: “IL GESTO DI BERRETTINI NON MI PARE COMMOVENTE. NON ERA TENUTO A FARE IL TAMPONE, E NE HA FATTI DUE, TANTO PER ESSERE SICURO DI ESSERE POSITIVO. VIENE IL SOSPETTO CHE VOLESSE TROVARE UNA SCUSA PER NON SCENDERE IN CAMPO” – RISPOSTA: “C'È UN CONCENTRATO DI ARCITALIANO, CHE SICURAMENTE BERRETTINI NON MERITA. SI COMINCIA CON IL MALANNO COME VIRTÙ. C'È IL BORGHESE STANCO DI LONGANESI, QUINDI IL MORETTI DI 'MI SI NOTA DI PIÙ'. INFINE C'È..."

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute