AMOR VINCIT OPERA! – TORNA A ROMA L’ORFEO ED EURIDICE DI CRISTOPH GLUCK, CHE NON VIENE RAPPRESENTATO AL COSTANZI DA CINQUANT’ANNI – AMORE E MORTE, “SENZA ACCESSORI E SENZA ORPELLI”, SPIEGA IL REGISTA ROBERT CARSEN. LE RECITE SEGUIRANNO LA VERSIONE ORIGINALE DEL 1762, MA SENZA I CASTRATI. AL LORO POSTO CI SARÀ IL CONTROTENORE CARLO VISTOLI…

-

Condividi questo articolo

Laura Martellini per “il Corriere della Sera - Edizione Roma”

 

orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 7 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 7

A more e Morte nella loro pura essenza. «Senza accessori e senza orpelli» precisa Robert Carsen, regista di Orfeo ed Euridice di Christoph Willibald Gluck, da venerdì al Teatro dell' Opera nel nuovo allestimento coprodotto da Théâtre des Champs-Elysées, Château de Versailles Spectacles e Canadian Opera company. Le recite seguiranno l' originale versione di Vienna dell' opera (1762), e saranno dirette da Gianluca Capuano per il raffinato regista di Toronto, che spiega: «Con Orfeo ed Euridice cambia radicalmente per sempre il modo di comporre opere. A stagliarsi nettamente sono i due pilastri dell' esistenza. Tutto - l' orchestra, il coro, i balletti - è al servizio del dramma».

orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 6 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 6

 

Altra particolarità, per il capolavoro che manca dal Costanzi da cinquant' anni (nel 1968 venne diretto da Ferruccio Scaglia, con le coreografie e la regia di Aurel Milloss): la parte del protagonista, un tempo appannaggio dei castrati e ora affidata al controtenore Carlo Vistoli (Mariangela Sicilia è Euridice, Emoke Baráth Amore).

orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 4 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 4

 

Osserva Gianluca Capuano: «Sono felice di lavorare con giovani cantanti bravissimi che padroneggiano la lingua italiana. Oggi l' alternativa ai castrati sarebbe utilizzare una voce femminile, ma i controtenori stanno conoscendo un boom, in questi anni». Aggiunge Carsen, a proposito del cast: «Il lavoro con i castrati valorizzava l' ego personale, che invece qui viene smontato. Orfeo è uno di noi! L' esemplificazione della condizione umana e un aiuto ad accettare ciò che siamo, senza mistificazioni. Amor vincit omnia . Dobbiamo accettare la morte come un passaggio necessario, ma non è un' opera morale. Ad avere la meglio sono infine l' arte, che è la risposta alla nostra finitezza umana, e l' amore».

carlo fuortes carlo fuortes

 

Riportare Gluck a Roma risponde a una scelta precisa del Teatro dell' Opera: «Quel titolo è molto presente sulla scena internazionale, mentre da noi, dopo numerose rappresentazioni nel corso dell' 800, era totalmente sparito. Grazie alla collaborazione con Carsen e Capuano, torniamo ora a mettere l' accento sulla modernità dell' opera» sottolinea il sovrintendente Carlo Fuortes. La parola chiave è verosimiglianza, come illustra ancora Capuano, entusiasta del lavoro con la compagine romana: «Abbiamo affrontato con curiosità un lessico ormai perduto di cui va ricercato un modo d' interpretazione.

orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 1 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 1

 

Ritroviamo Gluck in Mozart, e in tanta parte della musica a venire, dal bel canto al primo Rossini». Il disegno luci è firmato da Peter Van Praet, collaboratore da lungo tempo di Robert Carsen, autore di scelte che talvolta in passato hanno fatto discutere, come Rigoletto alla maniera di un circo a luci rosse, nel 2014. Qui il suo tocco, empatico e sempre attento a intercettare gli umori della platea, è al servizio della volontà di rendere il mito accessibile. Senza tempo, ma pronto a prendere i contorni dell' epoca in cui rivive.

orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 5 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 5 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 3 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 3 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 2 orfeo e euridice di gluck diretto da robert carson 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute