CIAK, MI GIRA! - IL VECCHIO E GLORIOSO “DONNIE DARKO”, E LE SUE MERAVIGLIOSE CANZONI, SUPERA LA BAMBOCCIATA DI “ME CONTRO TE. IL FILM. OPERAZIONE SPIE”: IERI È PRIMO CON 115 MILA EURO, 15 MILA SPETTATORI - “ME CONTRO TE” È SECONDO CON 97 MILA EURO, 16 MILA SPETTATORI - TERZO POSTO PER “HAIKYU!! BATTAGLIA ALL’ULTIMO RIFIUTO”, POTENTE ANIME GIAPPONESE CON 62 MILA EURO, 8 MILA SPETTATORI - DAVVERO NON RIESCO A CAPIRE PERCHÉ IL BELLISSIMO “FURIOSA” NON STIA FUNZIONANDO IN NESSUNA PARTE DEL MONDO. FORSE PERCHÈ...

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

donnie darko donnie darko

Il vecchio e glorioso “Donnie Darko” di Richard Kelly con Jake e Maggie Gyllenhall e le sue meravigliose canzoni supera la bambocciata di “Me contro te. Il film. Operazione spie” e ieri è primo con 115 mila euro, 15 mila spettatori e un totale di 278 mila euro.

 

Voglia di rivedere “Donnie Darko” al cinema? Alta. Ma ho anche voglia di rivedere “Mad Max. Fury Road” al cinema. E davvero non riesco a capire perché il bellissimo “Furiosa” non stia funzionando in nessuna parte del mondo. Forse davvero perché manca Mad Max. E se ti chiama A Mad Max Saga vuoi Mad Max. Pochi scherzi.

 

me contro te. il film. operazione spie me contro te. il film. operazione spie

“Me contro te” è secondo con 97 mila euro, 16 mila spettatori e un totale di 1 milione 322 mila euro. Terzo posto per “Haikyu!! Battaglia all’ultimo rifiuto”, potente anime giapponese con 62 mila euro, 8 mila spettatori e un totale di 602 mila euro. “Furiosa” di George Miller è quarto con 41 mila euro, 6 mila spettatori e un totale di 1 milione 432 mila euro. Il finto ultimo esorcista, “L’esorcismo. Ultimo atto” di Joshua John Miller con Russell Crowe, visto che è stato girato nel 2019 e esce solo adesso, è quinto con 37 mila euro e un totale di 486 mila euro.

 

Furiosa A Mad Max Saga Furiosa A Mad Max Saga

La prima parte della prima stagione di “L’arte della gioia”, miniserie diretta da Valeria Golino tratta dal romanzone di Goliarda Sapienza con Tecla Insolia e Jasmine Trinca, praticamente un tonaca movie ultralesbo, ma la seconda parte, con l’arrivo di Guido Caprino e Valeria Bruni Tedeschi, non è solo lesbo, è sesta con 18 mila euro, 3 mila spettatori e un totale di 183 mila euro. Seguono “Il regno del pianeta delle scimmie” con 13 mila euro, un totale di 2,7 milioni, “If – Gli amici immaginari” con 12 mila euro, un totale di 1, 6 milioni, e “The Penitent” di e con Luca Barbareschi tratto da una commedia di David Mamet, nono con 6.672 euro e un totale di 93 mila euro. Vi avviso che oggi esce una vagonata di nuovi film.

 

Furiosa A Mad Max Saga Furiosa A Mad Max Saga

A cominciare da "Kinds of Kindness" di Yorgos Lanthimos con  Emma Stone, Jesse Plemons, Willem Dafoe, Margaret Qualley, appena visto a Cannes, dove Jesse Plemons ha vinto il premio come miglior attore. Non è bello come “Poor Things” e ci riporta al Lanthimos surreale e un filo sgradevole.

 

Abbiamo poi il thriller "La stanza degli omicidi" di Nicol Paone con Samuel L. Jackson, Uma Thurman, Maya Hawke, l’horror "The Watchers - Loro ti guardano" diretto da Ishana Night Shyamalan, figlia del più celebre M. Night Shyamalan, con  Dakota Fanning, "Noir Casablanca" di Kamal Lazraq,  "Hotspot - Amore senza rete"  di Giulio Manfredonia con Denise Tantucci, Francesco Arca, “Anna”  di Marco Amenta, "El Paraíso"  di Enrico Maria Artale con Edoardo Pesce, Margherita Rosa di Francisco, che molto piacque a Venezia, ebbe anche due premi per la sceneggiatura e per la migliore protagonista femminile. 

 

me contro te. il film. operazione spie me contro te. il film. operazione spie

Escono ancora il documentario "Made in Dreams" di Valentina Signorelli e Cecilia Zoppelletto e "La Tartaruga" di Fabrizio Nardocci con Antonello Fassari e Nello Mascia. Chi vedrà tutti questi film? Bella domanda…

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...