DOPO AL BANO E TOTO CUTUGNO ANCHE PUPO VIENE ACCUSATO DI ESSERE UN AGENTE AL SERVIZIO DEI RUSSI! IL CANTANTE PUTINIANO DI FERRO BANDITO DALL’UCRAINA: “MI HANNO INSERITO TRA I CRIMINALI, SE MI PRESENTO IN FRONTIERA MI ARRESTANO” – I PROBLEMI SONO NATI DOPO LA PARTECIPAZIONE DI PUPO AL FESTIVAL RUSSO DELLA CANZONE DI GUERRA, TENUTOSI A JALTA, NELLA CRIMEA OCCUPATA DAI RUSSI, LO SCORSO ANNO – LUI NON MOLLA: “IO NON MI FERMERO’”

-

Condividi questo articolo


Da corriere.it

 

PUPO AL BANO PUPO AL BANO

«Il ministero degli Esteri italiano mi ha recentemente ed ufficialmente informato che il governo dell’Ucraina mi ha inserito nella lista nera, quella degli indesiderati, dei ‘criminali’. In pratica, se mi presento alla loro frontiera, rischio di essere arrestato»: lo dice così, papale papale, sui social, Enzo Ghinazzi in arte Pupo. I motivi che avrebbero spinto l’ex repubblica dell’Urss a bandire il cantante di «Gelato al cioccolato» sarebbero legati alla partecipazione al festival russo della canzone di guerra, tenutosi a Jalta, nella Crimea occupata dai russi, lo scorso anno.

 

Come Cutugno e Al Bano

pupo e al bano alla festa di compleanno di francesca verdini 3 pupo e al bano alla festa di compleanno di francesca verdini 3

Pupo non è l’ultimo a essere proscritto dagli ucraini: stessa sorte era toccata prima a Toto Cutugno e poi ad Al Bano, accusati di essere agenti al servizio dei russi . Ma il cantante toscano non si spaventa: «Peccato! Io comunque non mi fermerò. Continuerò a portare la mia musica in giro per il mondo» ha fatto sapere: “Dalla Russia all’Australia ed ovunque mi sarà data la libertà di cantare le mie innocue canzoni. Per questo, il prossimo aprile, tornerò di nuovo in Crimea. Lo farò con convinzione e senza nessun timore»

AL BANO CON PUPO COTUGNO TOZZI A MOSCA AL BANO CON PUPO COTUGNO TOZZI A MOSCA

 

toto cutugno toto cutugno al bano foto di bacco (1) al bano foto di bacco (1)

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

L’OPA DI MARTA FASCINA SU FORZA ITALIA – COME DAGO-ANTICIPATO, DIETRO AL RIBALTONE NEL PARTITO DI BERLUSCONI C’È LA REGIA DELLA “QUASI MOGLIE” DEL CAV, CON LA BENEDIZIONE DI MARINA BERLUSCONI, CONVINTA CHE, PER IL BENE DEGLI AFFARI DI FAMIGLIA, SIA NECESSARIO AVERE BUONI RAPPORTI CON GIORGIA MELONI – LA 33ENNE DEPUTATA CAMPANA È RIUSCITA DOVE ALTRE PRIMA DI LEI (CARFAGNA E GELMINI) AVEVANO FALLITO: METTERE FINE ALLO STRAPOTERE DI LICIA RONZULLI AD ARCORE – LA SVOLTA DECISA IN UNA CENA CON ANTONIO TAJANI. INUTILE LA MEDIAZIONE DI GIANNI LETTA – L'ALA RONZULLIANA ORA MEDITA LA SCISSIONE

business

SULL’AUTO VERDE BRUXELLES E BERLINO TROVANO UN ACCORDO. E L’ITALIA RESTA A PIEDI – L’ANNUNCIO DEL VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE, TIMMERMANS: L’UTILIZZO DEGLI E-FLUEL (I CARBURANTI SINTETICI) SARÀ CONSENTITO ANCHE DOPO IL 2035, COME CHIEDEVA LA GERMANIA. NESSUNA DEROGA INVECE PER I BIOCARBURANTI, COME PRETENDE IL GOVERNO MELONI – ORA, PER LA RATIFICA DEFINITIVA DEL REGOLAMENTO EUROPEO, NON SEMBRANO ESSERCI PIÙ PROBLEMI, ANCHE SE L’ITALIA DECIDESSE DI VOTARE NO…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute