FELTRI TUTTO PEPE - ''GLI SCIACALLI SOCIAL DANNO LA COLPA ALLA PISTOLA AL PEPERONCINO VENDUTA CON 'LIBERO' PER CIÒ CHE È ACCADUTO IN DISCOTECA. EQUIVALE AD ACCUSARE UNO STARNUTO DI AVER CAUSATO UNA FRANA. UNA IDIOZIA SFRENATA CHE SERPEGGIA IN COLORO CHE, INVECE DI RIFLETTERE, VOMITANO SENTENZE INSENSATE''

-

Condividi questo articolo

 

Vittorio Feltri per ''Libero Quotidiano''

 

pistola al peperoncino pistola al peperoncino

Trionfa sempre l' imbecillità diffusa su internet, dove taluni attribuiscono a Libero la responsabilità della tragedia di Ancona in quanto il nostro giornale ha propagandato la pistola al peperoncino quale arma di difesa. Siamo al delirio. Peggio, all' ignoranza crassa.

 

La rivoltella non è offensiva bensì protettiva. Se qualcuno cerca di violentare una donna oppure entra furtivamente in casa tua non esiste un mezzo adeguato per respingere il malintenzionato o l' intruso. L' unico strumento che consenta di salvarsi in certe situazioni è proprio il revolver, il quale provoca solo uno stordimento in chi riceve il "proiettile" e lo rende momentaneamente inabile, giusto il tempo che serve alla vittima dell' aggressione per porsi al riparo.

vittorio feltri vittorio feltri

 

Il peperoncino non uccide, non ferisce, al massimo ti debilita e consente di tagliare la corda, di avvertire la polizia o i carabinieri.

Tutto qua. Il cretino che in discoteca ha spruzzato lo spray urticante non lo ha fatto allo scopo di salvaguardare se stesso, visto che non era minacciato da alcuno, ma per seminare il panico nel pubblico e provocare un caos infernale. La gente non ha capito cosa stesse succedendo e si è data a una caotica fuga le cui conseguenze sono state esiziali.

 

Il panico è contagioso e implacabile. La folla impaurita agisce irrazionalmente come una mandria impazzita. Chi gestisce un locale pubblico dovrebbe saperlo e prevenire il peggio evitando di ospitare 1400 persone dove ce ne stanno comodamente 870 al massimo. Prendersela con la pistola innocua di Libero per spiegare la sciagura nel capoluogo marchigiano equivale ad accusare uno starnuto di aver causato una frana. I social ormai sono l' eco di una idiozia sfrenata che serpeggia in coloro che, invece di riflettere, vomitano sentenze insensate.

MORTI E FERITI NELLA DISCOTECA LANTERNA AZZURRA DI CORINALDO ANCONA MORTI E FERITI NELLA DISCOTECA LANTERNA AZZURRA DI CORINALDO ANCONA MORTI E FERITI NELLA DISCOTECA LANTERNA AZZURRA DI CORINALDO ANCONA MORTI E FERITI NELLA DISCOTECA LANTERNA AZZURRA DI CORINALDO ANCONA pistola al peperoncino pistola al peperoncino

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."